Coronavirus, İnfezione, Alberto Villani, Malattia İnfettiva, Virus

Coronavirus, İnfezione

Coronavirus, perché colpisce poco i bambini (e con forme lievi)

Coronavirus, perché colpisce poco i bambini (e con forme lievi)

26/02/2020 13.37.00

Coronavirus , perché colpisce poco i bambini (e con forme lievi)

In queste ore si sono registrati i primi casi di piccoli contagiati da Coivid-19. Gli esperti tranquillizzano: «I bambini sono naturalmente più protetti» ma i meccanismi non sono ancora chiari

, contagiata molto probabilmente dal primo paziente di Limena. Tutti i pazienti minorenni stanno bene o presentano leggeri sintomi. Ora ci si chiede quanto a rischio siano i nostri figli. Tranquillizza il fatto che i virologi di tutto il mondo hanno dichiarato più volte che i bambini sembrano essere più resistenti alla malattia. Pochi i casi registrati in Cina, paese più colpito dall’epidemia, nessun decesso tra i più piccoli secondo gli studi epidemiologici . «Finora - conferma Alberto Villani, presidente della Società italiana di Pediatria - non c’è stato nessun decesso sotto i dieci anni e il virus avrebbe solo lo 0,2% di letalità tra i 10 e i 19 anni e resta stabile fino ai 39 anni. Ad oggi è stato segnalato solo un caso critico di un ragazzo di 15 anni».

Vietate le seconde domande Vaccino Covid, Draghi: “L’eterologa funziona, la farò anch’io” Ribery apre le porte del suo mega yacht

Virus per fasce di etàLa comunità scientifica non ha ancora trovato una risposta certa del perché i bambini sembrano maggiormente protetti, ma naturalmente questa è una bella notizia. «Esistono molti virus - spiega Villani - che sono molto aggressivi solo in alcune fasce di età. Pensiamo alla varicella ad esempio, che colpisce soprattutto i bambini ed è una malattia affrontabile mentre negli adulti diventa malattia importanti o alla bronchiolite che tocca i bambini nei primi mesi di vita. Non è dunque insolito che determinati virus attacchino per fasce di età».

I raffreddoriÈ dunque per ora un dato oggettivo che i bambini sembrano i meno colpiti dall’infezione e mostrano un andamento benigno rispetto all’adulto.«Sappiamo che i coronavirus sono la causa più frequente di raffreddore - aggiunge Alberto Villani, che è anche responsabile del reparto di Pediatria generale e malattie infettive all’Ospedale Bambino Gesù di Roma - e i bambini vanno incontro ripetutamente a infezioni da coronavirus: è possibile che la risposta immunitaria a infezioni recenti da coronavirus aiuti i bambini a difendersi meglio anche dal nuovo Covid-19. C’è insomma una difesa generica, seppur non specifica su questo patogeno. Inoltre, il sistema immunitario dei bambini potrebbe essere in grado di rispondere meglio all’infezione perché più reattivo» headtopics.com

Le altre malattieIncidono poi sul rischio di contagio e, in seconda battuta, sulla mortalità, le cosiddette «comorbidità», cioé le patologie associate come malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche, più tipiche di una popolazione anziana anche se naturalmente anche un bambino con patologie che rendono il sistema immunitario più debole può essere più esposto al contagio e quindi, per loro, vanno prese le giuste precauzioni che saranno suggerite dai medici che li hanno in cura.

Le precedenti epidemieAnche nelle precedenti epidemie di Sars e Mers i bambini erano stati risparmiati . Durante l’epidemia di Sars che dal 2002 al 2003 interessò oltre 8000 persone, uccidendone 774, furono soltanto 80 i casi di contagio certificati tra i bambini, e 55 quelli sospetti. Nessun bambino o adolescente morì per la Sars e solamente uno trasmise il virus a un’altra persona. I ricercatori scoprirono che i bambini sotto i 12 anni avevano molte meno probabilità di essere ricoverati in ospedale o di aver bisogno di trattamenti con ossigeno, mentre i bambini sopra i 12 anni presentavano sintomi simili agli adulti. Anche durante le epidemie di Mers in Arabia Saudita nel 2012 e in Corea del Sud nel 2015, la maggior parte dei bambini contagiati non sviluppò mai sintomi.

I nonniIn questi giorni di chiusura delle scuole e di tutte le attività sportive sono molto spesso i nonni che si stanno occupando dei nipoti mentre i genitori sono al lavoro. I bambini rischiano di contagiare i nonni? «Non esiste un rischio specifico - aggiunge Villani - ma vale il buon senso: se un anziano è malato di tumore e magari sta seguendo una terapia immunosoppressiva è raccomandabile che non trascorra tempo con bambini, che possono facilmente diventare serbatoio di infezioni per familiari e nonni, ma questo vale sempre, non certo solo per il coronavirus».

Consigli pratici dei pediatriLa Federazione Medici Pediatri ha messo a punto una serie di consigli anche per i genitori dei più piccoli. Prima di tutto andare dal pediatra solo se necessario e cercare invece di risolvere i problemi al telefono. Rispettare gli orari dell’appuntamento ed evitare di affollare la sala d’attesa. Altre piccole precauzioni possono aiutare a limitare il diffondersi del contagio: tenere in braccio il bambino se non è in grado di star seduto ed evitare che gironzoli in sala d’attesa e abbia contatti con altri bambini; controllare che il bambino tocchi meno possibile le attrezzature dello studio perché potrebbero essere contaminate da secrezioni; in attesa della visita far usare al piccolo un gioco o un libro portato da casa e non permettergli di condividerlo con altri pazienti. headtopics.com

Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito Italia-Galles: tutte le news della vigilia Risveglio lento a Venezia. I turisti sono tornati ma solo nei weekend

26 febbraio 2020 (modifica il 26 febbraio 2020 | 11:23) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Siete un po' in ritardo viste le notizie di stamattina. Meglio cosí. Meglio che i bambini vengano poco colpiti. Considerando comunque il fatto che la popolazione italiana sia statisticamente rappresentata nella sua maggior percentuale da anziani e maggiori di cinquanta anni, preoccupiamoci dei nostri cari, dei nostri padri e nonni.

Avevano escluso. Approssimativi e presuntuosi nn leggono i siti aggiornatissimi degli altri ministeri dove le cifre mostrano molti tamponi effettuati e pochi contagi. imparare le lingue a scuola sarebbe necessario. scuola italiana 😂😂😂

Coronavirus, Enrico:«Lavoro da casa con i bambini, per ora nessuna paura» - VanityFair.itLa vita nei comuni isolati per Coronavirus , poca paura e qualche disagio soprattutto per chi deve muoversi. Il lavoro è da casa

Coronavirus, diario dall'isolamento/4 - Festa annullata, ma al Carnevale con i bambini non rinunciamo: quarantena con abiti e trombette - Il Fatto QuotidianoGiorno 4. Questa avrebbe dovuto essere la giornata della festa di Carnevale all’oratorio dei Cappuccini. Una giornata di risate e gioco con tutti gli amichetti dei bambini, nel luogo dove tanti di noi casalini sono cresciuti. Non rinunciamo al nostro Carnevale e lo festeggiamo in casa. Tiro fuori il vestito da Thor e da coccinella, … Anche economicamente auguro, alle comunità in quarantena, di ripartire prima possibile. Gee! 🤩 Chissà quante mascherine, eh.. ( ..!! )

Coronavirus in Italia, gli aggiornamenti sulla situazione a oggi | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus in Italia, gli aggiornamenti sulla situazione a oggi | Sky TG24 Per una semplice influenza !!!

Coronavirus, Ceriscioli: Chiusura scuole Marche non è scelta politica | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus , Ceriscioli: Chiusura scuole Marche non è scelta politica | Sky TG24 Peccato che interverrà il governo. Speriamo si prenda le sue responsabilità. Mi vergogno per lui. 'assembramento pubblico', dice, ma le feste del carnevale non le ha mica bloccate,

Coronavirus in Liguria, primo caso ad Alassio | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Coronavirus in Liguria, primo caso ad Alassio | Sky TG24

Fino a sabato 29 febbraio sospese a Torino tutte le messe e i funerali in chiesa - La StampaLe misure precauzionali contro la diffusione del Coronavirus : rinviata anche la celebrazione del mercoledì delle Ceneri. Che sfiga!! niente messe? niente schei!