Vincenzo Borgomeo

Vincenzo Borgomeo

Coronavirus, paura di incrociare altri passanti. Non si usano più i marciapiedi, è allarme per i pedoni

I dati sulle vittime post lockdown dell’Osservatorio Asaps sono già a livelli ante-pandemia

25/05/2020 09.11.00

Coronavirus, paura di incrociare altri passanti. Non si usano più i marciapiedi, è allarme per i pedoni [di VINCENZO BORGOMEO] [aggiornamento delle 08:04]

I dati sulle vittime post lockdown dell’Osservatorio Asaps sono già a livelli ante-pandemia

I numeri arrivano dall’”Osservatorio Pedoni” dell’Asaps, la più grande agenzia di sicurezza stradale d’Italia, che ha dimostrato come dal 1 gennaio al 23 maggio 2020 sono 96 i pedoni morti in Italia a fronte dei 238 dei primi 5 mesi del 2018 (ultimo dato ACI-Istat disponibile), 46 a gennaio, 23 a febbraio, 12 a marzo, 5 ad aprile e finora 10 a maggio.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

I dati dell'Osservatorio Pedoni dell'AsapsMa in tre giorni della settimana che è finita ieri sono state sei le vittime a fronte delle 5 di tutto il mese di aprile, insomma un brutto segnale di ripresa. E l'osservatorio ASAPS nel mese di maggio ha già contato 10 pedoni morti e ben 19 ricoverati in prognosi riservata. Per l'emergenza Covid-19, tra marzo, aprile e maggio sono morti 27 pedoni: di questi ben 10 erano ai margini della carreggiata mentre camminavano o attraversavano fuori dalle strisce; in alcuni casi le responsabilità sono state già accertate e riguardano autisti di veicoli, compresi i pirati, ma in altre si tratta di comportamenti poco attenti, con responsabilità dell'utente più debole della strada e con concorso di colpa.

“A fronte del fatto che invece il lockdown ridurrà di almeno il 50% i dati finali degli infortuni stradali – spiega Giordano Biserni, presidente Asaps - non solo per il fermo di due mesi, ma anche perché molto difficilmente assisteremo alle ondate di esodo estivo per i pedoni è subito strage. Per cui meno traffico meno incidenti, ma per gli utenti deboli come motociclisti, ciclisti e pedoni la musica cambierà di poco. E poi – conclude Biserni - i flussi di traffico nelle città (strade urbane) stanno riaumentando e guarda caso anche i sinistri con pedoni... La Commissione Trasporti della Camera si riunisce mercoledì per votare gli emendamenti sul DDL della miniriforma del codice della strada.. Che sia la volta buona? Vedremo”. headtopics.com

Il riferimento di Biserni va all’atteso intervento sulla visibilità notturna dei pedoni: l'oscurità è nemica dei pedoni, troppi camminano a bordo strada di sera e di notte con vestiti magari scuri e su arterie non illuminate; in altri paesi europei esiste un obbligo di utilizzare il giubbino retroriflettente oppure una lampada o torcia a led quando cammini fuori dai centri urbani.

“Sarebbe una norma di buon senso – spiega Luigi Altamura, Comandante Corpo Polizia Locale di Verona e responsabile delle polizie municipali dell’Anci - e avrebbe una conseguenza immediata, salvare vite umane, basterebbe aggiungere una frase al primo comma dell'art. 190 del codice della strada che cita "Da mezz'ora dopo il tramonto del sole a mezz'ora prima del suo sorgere, ai pedoni che circolano sulla carreggiata di strade esterne ai centri abitati, prive di illuminazione pubblica, è fatto obbligo di marciare su unica fila, - e qui andrebbe aggiunto - indossando un giubbino retroriflettente o con una torcia a led"; altro tema è quello di pedoni o runner che indossano le cuffiette e che non potranno mai ascoltare i rumori della strada e dei veicoli in transito; troppo spesso poi il pedone fuori dalle strisce attraversa la strada correndo o in modo intempestivo; mentre gli obblighi maggiori spettano agli automobilisti, soprattutto davanti agli attraversamenti pedonali dove si possono perdere 8 punti della patente in caso di mancata precedenza al pedone”.

Leggi di più: la Repubblica »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Non si sono mai usati i marciapiedi

Coronavirus, Sileri: Non credo sarà necessario blocco tra regioniLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, Sileri a Sky tg24: Non credo sarà necessario blocco tra regioni. VIDEO

Trump: 'Cina o incompetente o non ha voluto fermare il coronavirus'Il Presidente Usa ha ribadito che le misure prese hanno 'salvato milioni di vite' e si è detto fiducioso di poter far 'ripartire rapidamente' l'economia Questo punta sui coglioncini russiangate La Cina deve risarcire i paesi danneggiati dal suo virus cinese ,che la Cina reciti la parte della vittima e scandaloso ,quando solo grazie a i silenzi ,le menzogne cinesi per mesi la pandemia e riuscita ad esplodere in tutto il mondo avvantaggiando propio la Cina svegliatevi Fatti consigliare da Dick Cheney... naggia, è morto...

Coronavirus Lombardia, nessun decesso: ipotesi dati non trasmessiLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Lombardia, nessun decesso segnalato: ipotesi dati non trasmessi Forse a Sky dovreste imparare a informarvi e leggere i dati nel modo corretto per prima cosa ❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤ Siete davvero ridicoli.

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: Cina: «Con gli Usa vicini a una nuova Guerra Fredda». Recovery Fund, i falchi del nord: prestiti, non regaliLe notizie sul virus nel mondo del 23 maggio

Coronavirus, ultimi dati: in Italia 531 nuovi contagi. La Lombardia non segnala mortiSecondo la Protezione civile la regione non ha fornito comunicazione sui decessi. La giunta Fontana: ospedali e anagrafi non ne hanno segnalati ❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤

Il Papa: fissate gli altri e non temete l’amoreIn anteprima un estratto del nuovo libro di Francesco sul tema delle relazioni e della comunicazione della fede. Lo sguardo oltre i pericoli, l’attualità di un messaggio L'amore no, ma bisogna temere lui... 😈😈 Ancora rompe il cazzo con l’amore questo...!? Ma evidentemente a lui questa parola è veramente sconosciuta direi