Coronavirus, le cause dei nuovi focolai (e le sanzioni previste): dai mattatoi ai rimpatri, i fattori di rischio all'origine dei cluster - Il Fatto Quotidiano

Coronavirus, le cause dei nuovi focolai (e le sanzioni previste): dai mattatoi ai rimpatri, i fattori di rischio all’origine dei cluster

06/07/2020 18.51.00

Coronavirus, le cause dei nuovi focolai (e le sanzioni previste): dai mattatoi ai rimpatri, i fattori di rischio all’origine dei cluster

Appartamenti sovraffollati, in cui è difficile – se non impossibile – trascorrere il periodo di isolamento senza infettare gli altri abitanti. Aziende in cui si lavora la carne, che per le basse temperature diventano terreno fertile di contagio tra i lavoratori. Ma soprattutto, arrivi da Paesi esteri in cui la situazione epidemiologica è nettamente peggiore …

Rimpatri e casi importati dall’estro– È una situazione già vista in altri Paesi durante la pandemia: quando si supera la fase più critica, ci si comincia a blindare perevitare ‘casi di ritorno’, cioè importati da zone del mondo con

Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio Lega, il capannone di Cormano venduto alla Lombardia film commission per 800mila euro? Fu comprato per mille euro - Il Fatto Quotidiano Scarpinato: 'Il depistaggio su via D'Amelio è ancora in corso'

un quadro peggiore. Molti dei focolai si sono originati con un contagio all’estero poi arrivato dentro i confini: una situazione segnalata anche dal presidente della Regione LazioNicola Zingaretti: “I nuovi dati sui contagi ci dicono che la riapertura delle frontiere da molti Paesi ancora ad alto rischio richiede

nuove e tempestive misure di prevenzionee controllo degli arrivi. Urgono decisioni per prevedere tamponi in aeroporto”. Solo a Roma, ad esempio, il 5 luglio sono stati registrati 6 positivi di rientro dalBangladeshe un’altra donna, atterrata da Londra. Chi arriva da headtopics.com

fuori dall’area Schengenha l’obbligo di un periodo di isolamento. Non più prevista, invece, per chi arriva dall’Unione europea: cosìbasta uno scaloa Parigi o Madrid per godersi le vacanze in Italia anche se si arriva dal Brasile o dal Texas, dove invece la pandemia continua a correre. Oggi la

regione Lazioha emessoun’ordinanzaper aumentare i controlli sui voli in arrivo dal Bangladesh. Il provvedimento prevede che i passeggeri provenienti da Dacca e autorizzati dall’Enac siano sottoposti, al loro arrivo,al test sierologico e a quello molecolare

, “affinché venga verificata tempestivamente l’eventuale positività e limitata la circolazione del virus”.Anche l’imprenditore veneto al centro del focolaio vicentino è stato contagiato durante un viaggio all’estero, inSerbia: per questo il governatore Luca Zaia ha disposto, in un’ordinanza, un

doppio tampone laringo-faringeo“per coloro che rientrano dall’estero per esigenze lavorative”. Un primotamponesarà effettuato al momento delrientro, se risultano negativi possono tornare al lavoro, ma con l’uso dellamascherina.Anche chi arriva in Italia dai Paesi a rischio per headtopics.com

Caso AstraZeneca, bocciate Regioni e Cts: gli italiani salvano solo Draghi e Figliuolo I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?' Covid, 14enne morto a Moderna. Era stato contagiato a marzo

turismoè comunque tenuto a un isolamento fiduciario di 14 giorni.Leggi AncheCoronavirus, a Fiumicino sbarchi da Paesi extra Ue dopo scali comunitari. E la quarantena è un optionalResponsabilità individuale– Un altro dei temi in discussione al ministero è l’obbligo dei trattamenti sanitari e della quarantena. Alcuni focolai (incluso quello veneto) sono nati perché i positivi hanno violato deliberatamente l’isolamento.

Antonio Decaro, presidente dell’Anci, ha detto disì ai trattamenti sanitari obbligatori“in casi estremi e ben definiti, per tenere sotto controllo l’epidemia isolando i possibili diffusori del Covid-19”. Il ministro della Salute Roberto Speranza sta valutato possibili misure sulla spinta del governatore

Luca Zaia, che per primo ha parlato diTso obbligatoriodopo la vicenda dell’imprenditore vicentino. Contagiato in Serbia,. E perfino dopo la scoperta del tampone positivo aveva rifiutato una prima volta il ricovero. Tra le norme anti contagio ancora in vigore nella

Fase 3, oltre al distanziamento e alle mascherine, c’è ancheil divieto di frequentare i luoghi pubblicise si ha la febbre o qualche sintomo riconducibile al coronavirus. Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

ma invece di parlare e scrivere di nulla... Basta fare l'esame a tutte le persone che rientrano in Italia dall'estero provenienti o no dall'Europa. Ci vuole poco. Sembra quasi che vogliono a tutti i costi far riprendere l'epidemia.

Il piano del governo: “7 miliardi alle scuole e mai più condoni” - Il Fatto QuotidianoL’Italia era rimasto l’unico grande Paese Ue a non averlo ancora inviato a Bruxelles. Il Piano nazionale di Riforma è però pronto al ministero dell’Economia. L’intenzione di Giuseppe Conte e del ministro Roberto Gualtieri è di approvarlo al prossimo Consiglio dei ministri, tra oggi e domani. Stando alle bozze, le idee sono, per così dire, … Va be' si definisce piano piano a tal proposito, senza fretta... Sono degli eroi. Adesso zero scuse gente ignorante come Di Maio non deve più uscire dalle scuole

Il Covid a San Quentin, dove i detenuti diventano reporter - Il Fatto QuotidianoLa più numerosa popolazione carceraria del mondo si trova in quella che si fa chiamare la terra dei liberi. La più antica e buia prigione della soleggiata California, costruita da detenuti nel 1852, è San Quentin, che si estende per quasi due chilometri quadrati nella baia di Marin. In un’ala della struttura c’è il braccio … Foo frighteners.

Coronavirus, la stretta di Zaia: 'Si porti al penale la violazione dell'isolamento' - Il Fatto Quotidiano“Chiedo che a livello nazionale si possa portare al penale la violazione dell’isolamento fiduciario anche del negativo”. Lo ha affermato il presidente del Veneto Luca Zaia, illustrando la nuova ordinanza regionale sul Coronavirus. “Mi aspetto – ha aggiunto Zaia – che sul ricovero coatto si provveda, e ne ho parlato con il ministro Speranza, a … A voi del fatto non sembra vero che questo faccia tutta una serie di autogol incredibili Tranquillo Zaia porteremo te al Tribunale Internazionale per la violazione dei diritti umani 😉le cure obbligatorie sono vietate dal DIRITTO INTERNAZIONALE,va bhe che ti senti un Dio ma stai esagerando 😡 Dove sono finiti quei dementi che davano del dittatore a Conte?

Coronavirus, nuovi focolai nel Mantovano: contagiati 68 lavoratori di macelli e salumifici - Il Fatto QuotidianoCinque aziende – tra salumifici e macelli – per un un totale di 68 dipendenti positivi. Negli ultimi giorni, in provincia di Mantova, si sono sviluppati diversi focolai, tutti con caratteristiche simili. L’ultimo, in ordine di tempo, è stato segnalato all’Ats Valpadana da Viadana, negli stabilimenti produttivi di Fratelli Montagnini. Ieri le squadre Usca (Unità … Avessero allevato insetti sarebbero in salute e salterebbero come grilli. Ne sono sbarcati 180 di contagiati grazie ai vostri padroni quindi direi che avete davvero rotto il cazzo e bisognerebbe finirla con questa pantomima Il 90 % dei contagi della bassa Padana sono avvenuti nelle province dove mattatoi e allevamenti di bestiame sono moltissimi..

Coronavirus, il Veneto vuole che le violazioni delle regole diventino reato penaleVENEZIA. «Chiedo che a livello nazionale si possa portare al penale la violazione dell'isolamento fiduciario anche del negativo». Lo ha affermato il presidente del Veneto, Luca Zaia, illustrando la nuova ordinanza regionale sul coronavirus. «Mi aspetto - dice Zaia - che sul ricovero coatto si provveda a trovare la modalità con un decreto, in maniera che i sanitari decidano se provvedere all'isolamento fiduciario in casa, e se il caso è grave, di fare in modo di evitare di disperdere il virus sul territorio». Della proposta Zaia ha già informato il ministro della Salute, Speranza. «Non posso non guardare dati - aggiunge Zaia - e dal primo luglio dicono che abbiamo avuto 28 contagi, un'inezia dal punto di vista epidemiologico, su 5 milioni di veneti. Ma di questi 28, 15 sono di virus importato, o coinvolgono cittadini stranieri. Questo è il vero tema emergente oggi, e non stiamo parlando di razzismo ma di salute pubblica. C'è tutta una letteratura sui contagi transfrontalieri e tra Paesi che definiamo all'avanguardia. Il Veneto è quasi indenne, i contagi “veneti” sono nelle Rsa o microfocolai familiari. Per questo sono arrabbiato», ha concluso. Intanto in Veneto chi esce dall’«isolamento fiduciario», anche se negativo al tampone, paga 1000 euro di multa, secondo la nuova ordinanza regionale presentata dal presidente Luca Zaia. Se la violazione riguarda il posto di lavoro, il datore di lavoro dovrà pagare 1000 euro per ciascun dipendente dell'azienda. In teoria è giusto, ma dall'altro lato ci vuole una sanità efficiente che garantisca il tampone in tempi ragionevoli. Quante regioni potrebbero fare come il Veneto (1 mln. di tamponi su meno di 20.000 casi)? Conoscete anche reati non penali voi? uandarin cioè, se dopo mesi di cautela si scopre che sono negativo, ma c'è il dubbio e nel frattempo non mi fanno i test, devo stare ai domiciliari come chi invece se ne straf*te?

Coronavirus in Italia, il bollettino del 6 luglio: 241.819 casi positivi e 34.869 mortiIl bollettino con i dati sul coronavirus in Italia, aggiornati al 6 luglio In Campania sono rientrati stranieri, ad Avellino, e, come a Mondragone, hanno portato il virus. Noi facciamo il nostro dovere, e gli stranieri fanno quello che vogliono. Siamo in Italia! Ma tutti oggi oh che tragedia 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 I positivi(attualmente) sono poco più di 14000.