Coronavirus, il dilemma delle scuole di Taranto: aprire le finestre e limitare il contagio o chiuderle per evitare le polveri dell'Ilva? - Il Fatto Quotidiano

Coronavirus, il dilemma delle scuole di Taranto: aprire le finestre e limitare il contagio o chiuderle per evitare le polveri dell’Ilva?

09/10/2020 15.23.00

Coronavirus, il dilemma delle scuole di Taranto: aprire le finestre e limitare il contagio o chiuderle per evitare le polveri dell’Ilva?

Aprire le finestre per contrastare il rischio da Coronavirus oppure chiuderle per limitare i danni delle polveri sottili che si sollevano nei giorni di vento dalla zona industriale? È il dilemma in cui si sono ritrovati in queste ore gli studenti, i docenti e i dirigenti scolastici di Taranto. La città pugliese in questi giorni …

wind days”, cioè i giorni in cui la popolazione, esposta alle emissioni dell’area industriale, deve attenersi a una serie diprecauzionicome per esempio la chiusura delle finestre e, tra le altre cose, la programmazione di “eventuali attività sportive all’aperto

Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di domenica 20 giugno 2021 Omicidio Desirée: tutti i 4 imputati condannati, due all'ergastolo

nelle ore in cui i livelli diinquinamento sono inferiori, ovvero fra le ore 12 e le 18” e soprattutto “arieggiare gli ambienti chiusi negli stessi orari”.Anche per le scuole di Taranto e in particolare del quartiere Tamburi, quindi, la prescrizione delle autorità sanitarie è di

tenere le finestre chiusearieggiare le aule dopo le 12. In tempi di Covid, però, questa disposizione si scontra con le normative impartite dalMinistero dell’Istruzioneazione di ricambio dell’ariaper evitare eventuali contagi dovuti al ristagno. Un bel dilemma insomma. Nei giorni di headtopics.com

wind daysa Taranto, chiudere le finestre significa evitare di essereinvestiti da polveri sottiliche contengono sostanze cancerogene, ma aumentando il rischio che il virus si diffonda nelle classi. Aprirle, al contrario,riduce la possibilità di contagio

, ma espone studenti e insegnanti ai rischi connessi all’inquinamento.Nel capoluogo ionico, infatti, i dati diffusi daArpa Puglianel 2019 certificano che le polveri superiori alpm10– cosiddette polveri sottili – nelle strade del quartiere più vicino alla fabbrica oggi si sono depositate fino a tre volte in più delle periferie, ma ciò che appare più preoccupante è che in quelle polveri è contenute una

quantità di sostanze nocive, come il benzoapirene, fino a 20 volte superiore rispetto alle borgate più lontane dallo stabilimento. Una differenza che si traduce in unmaggiore tasso di mortalità: il Tamburi, anche se le condizioni sono diverse rispetto a 10 anni fa, è ancora il rione dove si muore di più. E non solo per tumore: i decessi per problemi

cardiovascolari, legati all’inquinamento come ha dimostrato lo studio “Sentieri”, sono molto elevati. Sul dilemma tarantino, nei giorni scorsi, il comitato cittadino per la Salute e l’Ambiente ha lanciato l’allarme facendo presente al sindacoRinaldo Melucci headtopics.com

Focolaio di Covid nel carcere (sovraffollato) di Taranto: almeno 36 contagi Calcio, Zdenek Zeman torna sulla panchina del Foggia Covid, in Alto Adige via l'obbligo di mascherina all'aperto da lunedì

“che la copertura dei parchi minerali haridotto il sollevamentoe lo spostamento delle polveri grossolane” ma non eliminato il fenomeno, come hanno dimostrato i dati di Arpa e le immagini terribili della tromba d’aria che il 4 luglio scorso ha scatenato una

tempesta di veleni sui cittadini. Non solo. Esiste ancora il rischio legato al Pm10 “che è originato – scrive il comitato – dai processi produttivi dell’area a caldo” e “questo evidenzia come l’area a caldo vada chiusa” e “la produzione dell’area a caldo vada fermata immediatamente, dando anche attuazione al sequestro penale dell’area a caldo posto in essere dalla magistratura nel 2012 e mai annullato”.

“I dirigenti scolastici stanno gestendo conprecauzioneuna situazione che sta degenerando: dentro la scuola è possibile garantire le distanze, ma solo un metro fuori dagli edifici scolastici si formano capannelli di ragazzi che si abbracciano. La situazione è critica: l’immediatezza dell’emergenza Coronavirus spinge a tenere le

finestre aperte, ma così non contrastiamo i rischi da inquinamento”, ha spiegato al ilfattoquotidiano.it Alessandro Marescotti di Peacelink. “Alle 11 di giovedì – ha aggiunto Marescotti – il vento era molto sostenuto: bisognerebbe sapere in tempo reale da headtopics.com

Arpa Pugliaqual è il livello di inquinamento in quel preciso momento come afferma un principio europeo. Ma Arpa, che deve validare quei dati, li fornisce il giorno dopo. Sarebbe importante invece sapere se in quel preciso momento il livello è molto alto affinché le autorità sanitarie possano valutare se

mettere il Covid in secondo pianoe salvare gli studenti dal rischio di un eccesso di polveri sottili”. Insomma se il Covid ha trasformato il mondo intero in unagrande Tarantoesportando nell’intero pianeta il nodo tra salute e lavoro, nella città dell’ex Ilva la situazione sembra peggiorata costringendo studenti, e cittadini a dover valutare quale dei due rischi correre. Scegliere, in sostanza tra il rischio di un contagio da coronavirus oppure quello legato all’esposizione ai veleni di una fabbrica che, come scrissero i periti nel 2012,

Un bambino su cinque in Italia non fa sport Trento, ginecologa scomparsa: ora l'Asl apre un'indagine interna (mentre il primario è in ferie) Usa, Biden annuncia la morte dell'amato cane Champ: 'Mi mancherà'

causa “malattie e morteSostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momentoabbiamo bisogno di te.In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Cancellata la Parigi-Roubaix 2020Leggi su Sky Sport l'articolo Coronavirus in Italia: il bollettino dei contagi, i dati e le news di oggi

Sisal alla ricerca di talenti: 200 nuove assunzioniL’azienda è alla ricerca di giovani per seguire l'evoluzione delle piattaforme digitali per il mercato del gioco online e per accrescere le competenze nel settore IT e nuove tecnologie

Inter, Skriniar positivo al Covid dopo Bastoni: a rischio per il derby con il MilanLo slovacco è il secondo nerazzurro positivo per il coronavirus dopo Bastoni che lo ha scoperto nel raduno dell’Under 21. Tutti negativi al Napoli possono fare come il napoli ... Ormai c'è il precedente: basta vedere (da domenica scorsa ad oggi) qual è la procedura da adottare! Via regolamenti e protocolli! Quelli non servono più... Poveretto. Ma raccontateci: che sintomi ha? 🤡

Covivio, ottimismo sul settore uffici a Milano con 450 milioni in pipelineIn fermento il mercato delle locazioni direzionali per immobili di qualità. Fari sulla gara per l’ex Scalo Porta Romana, entro ottobre le offerte vincolanti

Il tesoro di Gheddafi nascosto nelle porcellane di Limoges - Il Fatto QuotidianoParigi Una parte del “tesoro” di Gheddafi, cioè di quei 160 milioni di euro saccheggiati dai ribelli nelle banche di Bengasi nel 2017, è stata ritrovata in Francia. A Limoges, città insospettabile nella campagna del centro, che fa parlare poco le cronache, se non per aver dato i natali a Renoir e per la sua … Se li trovava Zingaretti sparivano per sempre

Un Parlamento di controfigure, ostaggio dei partiti, per evitare il ritorno ad un sistema parlamentareSuccede, nella relazione tra partiti ed elettori, quello che è successo tra governo e Parlamento: un travaso, un esproprio di funzioni Ormai è chiaro a tutti che siamo in piena dittatura ed il cittadino non è più rappresentato! E voi li avete sempre difesi, fessi