Coronavirus, Confindustria: «Servono misure più ampie»

Coronavirus, Confindustria: «Servono misure più ampie»

27/02/2020 00.10.00

Coronavirus, Confindustria: «Servono misure più ampie»

Per gli industriali necessarie decisioni efficaci e condivise per il sostegno alle attività produttive che stanno già subendo ripercussioni molto negative legate all’epidemia

2' di letturaConfindustria chiede che ci sia «un continuo confronto» per arrivare a «decisioni efficaci e condivise per il sostegno alle attività produttive che stanno già subendo ripercussioni molto negative legate all’epidemia». E

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Ema: il vaccino AstraZeneca è valido per tutti

sulle misure già adottate avverte: si tratta «solo di primi provvedimenti di sostegno che andranno accompagnati da ulteriori e più ampie misure per fronteggiare le conseguenze derivanti dal Coronavirus sul sistema produttivo del Paese». Servono misure di sostegno «anche al di fuori della cosiddetta zona rossa».

Prioritario il mantenimento della continuità produttivaPer Confindustria è prioritario il mantenimento della continuità produttiva, garantendo continuità nei flussi di approvvigionamento e di distribuzione e interventi specifici sulle dinamiche occupazionali, sugli ammortizzatori sociali e a sostegno della liquidità delle imprese, anche al di fuori della cosiddetta zona rossa. Necessario, poi, che ci sia un continuo confronto con i rappresentanti delle imprese per arrivare a decisioni efficaci e condivise per il sostegno alle attività produttive, che stanno già subendo ripercussioni molto negative legate all'epidemia. headtopics.com

Scopri di piùI primi provvedimenti di sostegno, secondo i vertici di Confindustria, andranno accompagnati da ulteriori e più ampie misure per fronteggiare le conseguenze derivanti dal ccoronavirus sul sistema produttivo del Paese. Per ora è stato approvato un decreto del ministero dell’Economia che sospende alcuni versamenti e adempimenti tributari negli undici comuni della cosiddetta zona rossa ed è stata disposta la possibilità di attivare in via automatica lo smartworking, fino al 15 marzo 2020, ai rapporti di lavoro subordinato per le imprese che hanno sede in sei regioni (Emilia Romagna, Lombarda, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Veneto e Piemonte).

Si stanno mappando le imprese produttrici di mascherine Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Chi ci guadagna?

​Confindustria: 'Servono misure più ampie''Confronto sia continuo, sostegno anche fuori zona rossa' Altreeee? Ancoraaaa? 👍

Coronavirus, dallo smart working alle gite scolastiche: tutti i provvedimenti per l’emergenzaL’Italia in emergenza coronavirus attende il provvedimento del governo previsto per venerdì, con misure di contenimento e rilancio per imprese e lavoratori First. Ma chi è costei? Che esempio per l’Italia... mamma mia

Coronavirus, nelle province più colpite a rischio un’economia che vale 380 miliardiA soffrire perdite anche i 180 miliardi di export annuo e i 15 miliardi di incassi dai visitatori stranieri

Coronavirus, esami patente bloccati nelle province più a rischioNel Dpcm del 25 febbraio c’è la sospensione delle sessioni di teoria e pratica, con proroga della validità dei fogli rosa. Accessi limitati alla Motorizzazione per le altre pratiche

Coronavirus: i 7 morti avevano altre malattie. Due casi a Firenze e Palermo - VanityFair.itTurismo sempre più a rischio nelle zone del contagio da coronavirus. Ci sono due nuovi casi segnalati fra Firenze e Palermo, 7 le vittime

Coronavirus e fragilità dell’uomo forteLa censura uccide più del virus? Se la vera medicina è informare su tutto, subito e accuratamente, il paradigma comunicativo del leader cinese è stato fondato su un’informazione omissiva, lenta e bugiarda Qualcuno vorrebbe ,per motivi economici, che l’informazione tacesse per rendere più leggero il momento. Ma i virus hanno un solo scopo trovare qualcuno che li ospita. E ora ci sarà un organo internazionale Onu Oms tribunale di Norimberga che a fine emergenza presenterà il conto al governo cinese? O che dopo pipistrelli serpenti e cazzate varie, indagherà seriamente sul laboratorio di virologia francocinese?