Coronavirus, allo studio il potenziale legame tra Covid 19 e l'aumento di incidenza del morbo di Parkinson - Il Fatto Quotidiano

Coronavirus, allo studio il potenziale legame tra Covid 19 e l’aumento di incidenza del morbo di Parkinson

24/09/2020 12.06.00

Coronavirus, allo studio il potenziale legame tra Covid 19 e l’aumento di incidenza del morbo di Parkinson

Ormai è noto che anche il coronavirus può attaccare anche il cervello. E c’è uno studio italiano che ha rilevato “sintomi neurologici in tre pazienti su quattro e in quelli gravi riscontrate alterazioni da monitorare”. Non stupisce che gli scienziati del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health stiano studiando, in particolare, il potenziale legame …

. Non stupisce che gli scienziati del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health stiano studiando, in particolare, il potenziale legame tra Covid 19 e l’aumento di incidenza del Parkinson. “Il mondo è pronto per un’ondata di conseguenze neurologiche provocate dal Covid 19”? È la domanda che in Australia si è post il team. “Sebbene gli scienziati stiano ancora cercando di conoscere in che modo il virus Sars CoV 2 sia in grado di

18/24 giugno 2021 • Numero 1414 Hakimi verso il Chelsea, scelta la contropartita tecnica Perché difendo il video della funivia

arrivare al cervello e al sistema nervoso centrale, è acclarato il fatto che questo si verifichi”, ha affermato il professorKevin Barnham, del Florey Institute, sottolineando che “il virus può causare danni alle cellule cerebrali” innescando un “potenziale processo neurodegenerativo”. In un ‘revier paper’ pubblicato sul

Journal of Parkinson’s Disease, i ricercatori hanno evidenziato le potenziali conseguenze neurologiche a lungo termine della makattia, battezzando il fenomeno “ondata silenziosa“. Gli scienziati sottolineano la necessità di ricorrere a strumenti diagnostici più accurati per headtopics.com

identificare precocemente il processo neurodegenerativodelle cellule e adottare un approccio di monitoraggio a lungo termine per le persone che sono state infettate dal virus.Leggi AncheTra i soggetti contagiati, i sintomi neurologici variano da quelli più gravi, come l’

ipossia, a quelli più comuni, come la temporanea perdita di olfatto. “Abbiamo scoperto che laperdita dell’olfatto o la riduzione dell’olfattoè stata segnalata in media in tre persone su quattro infettate dal virus. Anche apparentemente questo sintomo può non sembrare motivo di relativa preoccupazione, in realtà ci dice molto su quello che sta succedendo all’interno

: c’è un’infiammazione acuta nel sistema olfattivo“, ha spiegato la ricercatrice di Florey Leah Beauchamp. Si ipotizza che che l’infiammazione svolga un ruolo importante nella genesi delle malattie neurogenerative ed è stata studiata in modo approfondito nel

morbo di Parkinson. Ulteriori ricerche su queste malattie potrebbero rivelarsi fondamentali per valutare tempestivamente le conseguenze di Sars Cov 2. “Riteniamo che la perdita dell’olfatto rappresenti un nuovo modo per rilevare precocemente il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson. La perdita dell’olfatto si presenta in circa il 90% delle persone nelle prime fasi del morbo e un headtopics.com

Eriksen operato al cuore: impiantato il defibrillatore cardiaco Liliana Segre: 'Le parole sono pietre. No all'indifferenza verso chi sparge odio' Covid, Palù a Sky TG24: a luglio auspicabile via mascherine all'aperto

decennio prima delle manifestazioni motorie“, ha aggiunto Beauchamp. L’osservazione delle manifestazioni motorie attualmente è fondamentale nella diagnosi della malattia ma gli studi, si legge sul ‘Journal of Parkinson’s Disease, evidenziano che a questo stadio della malattia corrisponde che a questo punto il 50-70% della perdita del 50-70% di cellule dopaminergiche. “Se si aspetta fino a questa fase della malattia di Parkinson per diagnosticare e curare, si perde l’opportunità di adottare

terapie neuroprotettive con l’effetto desiderato“, ha detto il professor Barnham. L’obiettivo dei ricercatori è elaborare un protocollo di screening accessibile che consenta di identificare le persone che rischiano di sviluppare il Parkinson o che si trovano nelle prime fasi della malattia.

Leggi AncheCoronavirus, perdita di olfatto: “Ecco la differenza tra Covid 19 e raffreddore”“Dobbiamo scuotere la comunità, facendo capire il Parkinson non è una malattia della vecchiaia. Come abbiamo sentito più e più volte, il coronavirus non discrimina – e nemmeno il Parkinson”, ha evidenziato Barnham. “Conosciamo le conseguenze neurologiche che seguirono

la pandemia di influenza spagnola nel 1918: il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson aumentò da due a tre volte. Dato che la popolazione mondiale è stata nuovamente colpita da una pandemia virale, la situazione è davvero molto preoccupante il potenziale aumento globale delle malattie neurologiche”. “Il mondo è stato colto alla sprovvista la prima volta, ma non è necessario che questo accada di nuovo. Ora sappiamo cosa è necessario fare. Accanto a un approccio strategico alla salute pubblica, stanno andando gli strumenti per la diagnosi precoce e trattamenti migliori essere la chiave”, ha detto ancora. headtopics.com

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momentoabbiamo bisogno di te.In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

oh no 🙈 Mancava 3 su 4, ecco, questo mi terrorizza la correlazione tra covid19 e la uallera galoppante nessuno la studia? ..che si tratti di quello?

Covid-19, gli asintomatici hanno la stessa carica virale di chi ha sintomi lieviSi tratta di uno studio osservazionale, per cui sono necessari ulteriori indagini per chiarire se la persistenza del virus giustifica misure precauzionali di quarantena Al Sole24 ora sono diventati tutti asintomatologi... 😁 Gli 'asintomatici' si chiamano 'persone sane'. Con sta neolingua Orwelliana avete rotto il c..... Cioè carica virale zero sia gli uni che gli altri?

Blog | Dieci lezioni sul panorama delle startup italiane ai tempi del Covid-19Dieci lezioni sul panorama delle startup italiane ai tempi del Covid-19 | Post a cura di Yezers_ | via econopoly24 econ24 24settembre --- segui Econopoly Il Sole 24 Ore

Trump: «Il Covid tra i giovani non colpisce virtualmente nessuno»L’affermazione durante un comizio in Ohio — dove gran parte del pubblico era senza mascherina — e mentre negli Stati Uniti le vittime hanno superato quota 200 mila Vabbè, dai, se dobbiamo star dietro ad ogni cretino... E se perdi una vita insert coin Virtualmente no, fisicamente magari sì

La Gran Bretagna si prepara a un nuovo lockdown anti-Covid: coprifuoco per pub e ristorantiLe nuove misure da giovedì. Per il premier Johnson è la prima risposta al boom di contagi (4mila casi al giorno). Possibile anche uno stop totale a fine ottobre L Italia con con 58 mila 860 tamponi falsa i dati Chissà quali dono i veri numeri! Patetici !

Petrolio e Covid: così gli aerei a terra minacciano le raffinerieLo stop prolungato dei voli rischia di essere una condanna a morte per molti impianti. Soprattutto in Europa, dove il settore in crisi da anni potrebbe non avere più tempo Immagini come queste non le partorisco nemmeno da ubriaco.

Nella classifica europea sul ritorno del Covid, questa volta l'Italia è molto meglio degli altriL’Europa nella morsa della seconda ondata di coronavirus. Ecco quali sono i Paesi che stanno registrando il più alto numero di nuovi casi e dove è l’Italia in classifica