Conte, i frugali e la “strategia del tiramisù”

Conte, i frugali e la “strategia del tiramisù”

09/07/2020 20.20.00

Conte, i frugali e la “strategia del tiramisù”

Il premier al canale spagnolo Nius: “Offrirei questo dolce italiano ai falchi del Nord”. Domani a l’Aja l’incontro, fondamentale, con il premier olandese Rutte

19:07ROMA. Alla fine Giuseppe Conte si è tradito. E ha svelato la sua strategia. Al giornalista del canale spagnolo Nius che gli chiedeva quale piatto offrirebbe ai cosiddetti Paesi frugali per convincerli a sposare la causa del Recovery fund, il presidente del Consiglio italiano ha risposto che condividerebbe volentieri un «tiramisù», «così ci tiriamo un po’ su sia noi sia l’Europa». La strategia del tiramisù viene servita nel finale di un lungo pasto che rischia di finire indigesto: servono ancora giorni di trattative e un buon sostegno per addolcire gli avversari del Nord, contrari ad alleggerire i vincoli europei a favore dell’Italia e degli altri Paesi maggiormente colpiti dalle conseguenze economiche del coronavirus. Domani Conte sarà in Olanda. È la tappa più difficile del breve e intenso tour che dopo Portogallo e Spagna lo porterà, lunedì 13 luglio, a Berlino, per incontrare la Cancelliera Angela Merkel. Ancora non sono stati definiti invece i dettagli del colloquio con Emmanuel Macron, alla vigilia del Consiglio europeo del 17-18 luglio. Conquistare la disponibilità del premier olandese Mark Rutte sarà fondamentale: «Gli spiegherò che abbiamo fretta nell’interesse di tutti, non solo nostro ma anche dell’Olanda – ha spiegato ai giornalisti spagnoli -. Se elaboriamo una risposta efficace ma tardiva, se lasciamo che si distrugga il mercato unico, i danni saranno anche per l’Olanda non solo per Italia, Spagna, Portogallo e Francia». Conte teme il temporeggiamento dei falchi europei, teme che l’accordo sul fondo Next Generation Ue possa slittare di un paio di mesi, lasciando il governo italiano nudo di fronte alla crisi.

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina Gb: basta pubblicità di cibo spazzatura in tv prima delle 21 - Mondo Logistica

Il “tiramisù” che Conte offrirà a Rutte potrebbe essere un mix di concessioni sul bilancio Ue e sulla governance sul Recovery fund, una serie di garanzie sugli investimenti e la destinazione delle risorse in Italia. Il premier è tornato anche sul Mes, ammorbidendo ancora di più, nei toni e nei contenuti, le proprie resistenze al fondo salva-Stati destinato alle spese sanitarie. «Non è mai stato un tabù: ho semplicemente detto che non è la risoluzione dei nostri problemi. Noi abbiamo bisogno del Recovery fund, dopo valuteremo se usare anche il Mes nell’interesse dell’Italia. Valuteremo in modo trasparente la regolamentazione di quella linea di credito».

Al canale Nius Conte ha parlato anche di politica italiana. Ha confessato di essere rimasto sorpreso dalla nascita del governo giallorosso, ormai quasi un anno fa, e ha negato un rimpasto all’orizzonte. Ha parlato di tasse, della volontà di ridurre l’Iva, in maniera selettiva e temporanea, e ribadito di non lavorare alla fondazione di un proprio partito, mentre si è detto convinto che l’aumento di popolarità sia dovuto al lockdown, una parentesi eccezionale della vita degli italiani, scandita dagli appuntamenti televisivi con il presidente del Consiglio. «Si è sviluppato ancora di più un senso di appartenenza alla medesima comunità». Sull’inchiesta della procura di Bergamo, sulle mancate zone rosse a Nembro e Alzano, Conte ha detto di non essere preoccupato: «Mi sono reso subito disponibile con gli inquirenti. Non credo – ha aggiunto – di essere infallibile. Ma non prendo mai decisioni senza ponderarle».   headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Il Centrodestra rinvia alla prossima settimana l'incontro a palazzo Chigi con ConteL'ipotesi di organizzare il confronto già domani - osservano fonti dell'opposizione - non è percorribile per il poco preavviso, per impegni già assunti precedentemente e per la scarsa chiarezza con cui Palazzo Chigi ha deciso di informare i leader, ovvero in tempi diversi. Irritazione del premier, che cita Nanni Moretti Ma come sono belli il trio la banda bassotti . Salvini è impegnatissimo... È atteso alla sagra della porchetta. 😂 senza concordare le domande col giornalaio di turno questi tre non vanno da nessuna parte.

Ponte di Genova, Conte: «Decisione entro il fine settimana»Il premier: «C’è la fretta di tutto il Governo per chiudere il dossier. Dobbiamo evitare situazioni paradossali» ma lo stato deve fare la sua parte. 1 dare il via a un comitato d'inquiesta sul buget 2 arrestare toti per omicidio colposo Se dovesse decidere se ricevere 10 milioni di euro o no ci metterebbe 1 secondo. Però il ponte può aspettare!! Siete la classe politica più vergognosa di sempre. Mettete le problematiche politiche davanti a quelle delle persone. Italia: - taglio ai vitalizi dei parlamentari: annullato; - Alitalia: finanziamenti a valanga e infine statalizzata; - concessioni balneari per altri 30 (!) anni; - ponte di Genova: di nuovo ai Benetton. Sempre e solo caste e privilegi.

Palazzo Chigi, Salvini: 'Nessun incontro con Conte finché non paga Cig' - Tgcom24'Prima il signor Conte paga la Cig e sblocca i cantieri e poi ne parliamo. Io non vado da nessuno sino a quando questo chiacchierone non assicura la Cig'. Lo ha detto Matteo Salvini appena saputo dell'incontro tra il premier e Giorgia M...

Coronavirus, Conte: “Serve reazione Ue o sarà fine del mercato unico”Leggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, Conte: “Serve reazione Ue, la crisi rischia di distruggere il mercato unico” 🌐 ☝️😐🗯 ..esatto , la Ue stà perdendo tantissimo Tempo !! 😐🖐 ..date almeno i primi Aiuti !! .. io avrei una buona ricetta, poi ne parlo ! Salve , Muovetevi !! Seby ! ⭐️ È da inizio crisi che continuiamo a dire che serve una risposta Europea, continuiamo con le parole? Perdono solo tempo

Conte e Merkel, asse necessarioEuropa tedesca o Germania europea? Temuta la prima, auspicata la seconda. Questione comunque al centro della storia continentale e del suo processo d’integrazione. Anche ora che Berlino ha assunto la presidenza di turno dell’Unione Europea. Fa da sfondo al giro di capitali del Presidente Conte: aiutare Angela Merkel a risolverla, aiuta noi stessi. Si fa senza partito preso, con progetti nazionali credibili e concreti. La Cancelliera ha in effetti posto le premesse per il suo sostanziale superamento. Lo ha fatto - convinta finalmente che la debolezza di alcuni può essere la rovina di tutti - accantonando decenni di ortodossia del rigore, con una sua personale versione del «whatever it takes». Intesa a salvare il mercato unico dall’implosione, indicare la via ai Paesi “frugali”, ricucire - ecco il punto - il rapporto con le opinioni pubbliche divenute euroscettiche. La Germania europea. Lo ha fatto, allo stesso tempo, certa della sua forza ritrovata all’interno per aver gestito al meglio la pandemia e consapevole del peso insostituibile di Berlino per definire le priorità europee e consentirne la realizzazione. Ben al di là dell’ossequio più o meno formale al motore franco-tedesco. L’Europa tedesca. Il covid ha ancora una volta accelerato i processi e favorito una sintesi proficua che pareva irraggiungibile. Occorre prenderne atto e trarne le conseguenze. Potrebbero rivelarsi positive. L’effetto principale è strutturale. L’Europa si è rimessa in moto e, per quanto faticosamente e non senza contraddizioni, cerca di far muovere in sinergia le sue istituzioni (Consiglio, Commissione, Parlamento: in sostanza, la “politica” e le burocrazie) per attenuare le divisioni e tornare ad essere competitiva sulla scena globale. Tutto ciò non può avvenire senza una guida, un progetto, la definizione di priorità. Della guida, si è già detto e la Presidenza tedesca dell’Unione ne sarà il banco di prova. Il progetto appare chiaro: Angela Merkel sembra voler fare il miglior uso possibil Visto come sono governati io auspicherei la prima per il nostro paese Senza Europa e senza la Germania europea siamo nulla. Angela Merkel ora è la guida migliore.

Conte: 'Abbiamo bisogno di una ripresa dell'Ue, non ci sono vincitori o vinti' - EconomiaConte: 'Abbiamo bisogno di una ripresa dell'Ue, non ci sono vincitori e vinti' Il presidente del Consiglio in conferenza stampa a Lisbona con il premier portoghese - VIDEO ANSA ....o, piuttosto, qualcuno ha perso un po’ meglio... .....I VINCITORI VI SPACCHERANNO LE STATUE IN TESTA PER RINGRAZIARVI DELLA CULTURA DELL' ACCOGLIENZA!..PAGLIACCI!..🇪🇺🚽