Come la pandemia potrebbe diventare il punto di svolta per la realtà virtuale

Le vendite dei dispositivi continuano a essere deludenti, ma i visori VR hanno le potenzialità per diventare il dispositivo più adatto al futuro che ci attende

09/06/2020 11.06.00

Le vendite dei dispositivi continuano a essere deludenti, ma i visori VR hanno le potenzialità per diventare il dispositivo più adatto al futuro che ci attende.

Le vendite dei dispositivi continuano a essere deludenti, ma i visori VR hanno le potenzialità per diventare il dispositivo più adatto al futuro che ci attende

9:06Durante la fase più severa della quarantena, in tanti avremo probabilmente desiderato un visore per la realtà virtuale. Un modo per sfuggire, almeno digitalmente, alle quattro mura del nostro appartamento e immergerci in qualche località esotica, nella riproduzione digitale di un museo o di qualche sito archeologico. 

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio'

La crisi causata dal Coronavirus potrebbe allora segnare il trionfo della realtà virtuale, e rendere di massa uno strumento finora confinato in una nicchia di appassionati? Qualche segnale positivo relativo all’adozione di questa tecnologia inizia effettivamente a vedersi. Per esempio, la percentuale di utenti di Steam (una piattaforma online per videogiocatori) dotati di visori VR è

cresciuta del 50%nel mese di aprile; un balzo attribuito sia a una maggiore richiesta in tempo di quarantena, sia all’uscita della versione in realtà virtuale del celebre gioco Half Life. Ma questi piccoli segnali positivi impallidiscono rispetto a quelli negativi, che indicano come, prima dello scoppio della pandemia, l’adozione delle tecnologie in realtà virtuale fosse addirittura in rallentamento. Secondo la società di analisi IDC, i headtopics.com

dispositivi vendutinel mondo nell’ultimo trimestre del 2019 sono stati solo 1,4 milioni, addirittura il 23% in meno rispetto allo scorso anno.Le ragioni dietro a queste cifre deludenti sono sempre le stesse: le aspettative troppo elevate nei confronti di una tecnologia ancora immatura e l’esperienza poco confortevole (il visore è scomodo e dopo qualche tempo la realtà virtuale può causare malessere). Soprattutto, il grande vantaggio di potersi immergere in un mondo digitale non compensa la maggiore maneggevolezza e definizione garantita dai classici videogiochi.

Questi sono limiti che col tempo verranno però sicuramente superati, ampliando la diffusione della realtà virtuale non solo tra i gamer, ma anche in un mondo del lavoro che,dopo aver scoperto lo smart working, non tornerà probabilmente più indietro. È questa, secondo molti, la nuova frontiera della realtà virtuale: ricreare in remoto l’ambiente di lavoro in una maniera molto più immersiva e interattiva di quanto non sia possibile fare attraverso i semplici programmi per le videoconferenze.

Lo dimostra anche il fatto che la principale azienda del settore, Oculus, ha annunciato l’introduzione nel suo store di nuove applicazioni pensate per il mondo del lavoro, tra cui Immersed e Spatial. Il primo permette di immergersi in uno spazio di lavoro VR privo di distrazioni, collegandosi in modalità wireless al computer per avere fino a cinque schermi virtuali aggiuntivi. Schermi che possono essere condivisi con i colleghi, i quali possono inoltre teletrasportarsi nello stesso spazio digitale. Spatial è invece una piattaforma di videoconferenze in VR che permette di lavorare da remoto con i colleghi come se ci si trovasse nella stessa stanza e che è stata recentemente adottata da colossi come BNP Paribas e Ford. “L’impressione è di recuperare immediatamente una serie di cose che in videoconferenza si perdono”, ha

raccontatoa Protocol il responsabile del design di Ford, Michael Smith. “Puoi indicare le persone, chiedere loro di avvicinarsi per mostrargli qualcosa e altro ancora”. In un mondo in cui il lavoro da casa si diffonde sempre di più, la realtà virtuale potrebbe quindi diventare lo strumento perfetto per ricreare l’interazione classica con i colleghi, oppure per immergersi nel lavoro senza distrazioni. Non tutti però sono convinti che questa tecnologia potrà mai colmare la distanza tra mondo fisico e mondo digitale: “Le interfacce non sono abbastanza evolute per creare dei luoghi di lavoro accettabili”, si legge per esempio su Axios. “Trovarsi in un ufficio virtuale può sembrare una piacevole novità, finché non devi prendere appunti su una tastiera che non puoi vedere”.  headtopics.com

Il Fatto di Domani del 14 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Modena, tentata rapina a portavalori su A1: esplosioni, spari, chiodi Ema: il vaccino AstraZeneca è valido per tutti

La realtà virtuale potrebbe essere, almeno in teoria, lo strumento perfetto per vivere in un mondo in cui lo smart working diventerà la norma e in cui potremmo dover affrontare altre fasi di distanziamento sociale o addirittura quarantena. Ma i progressi che questa tecnologia deve fare per diventare un’esperienza naturale come sedersi davanti al computer o prendere in mano lo smartphone sono ancora molti. 

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Un’informazione seria, libera, competente e autorevolecome quella de La Stampa merita un abbonamento.FrancescoI perché dei nostri lettori“Perché La Stampa è il quotidiano su cui ho imparato a leggere. La famiglia di mia mamma era di Torino. Una copia era sul tavolo, tutti i giorni.

Per me La Stampa è casa.PaolaI perché dei nostri lettori“informa senza distorcere i fatti, perché nella suasa prendere posizione autonoma anche a costo di andare contro corrente.FabrizioI perché dei nostri lettori“Da 50 anni sono un lettore de La Stampa. È il quotidiano che apprezzo perché è

equilibrato nei commenti, ha editoriali interessanti, giornalisti competenti Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Fase 3: tutto aperto ma distanziati aumentano le code, ecco le nuove app che aiutanoIn questi ultimi tempi non passa giorno che non venga annunciata la nascita di una nuova app, più o meno specifica, per gestire le code e il Ma distanziate stocazzo. Ieri tutti a cena fuori e rutto libero. Sucate merde

Serie C, le promosse e le retrocesse della stagione 2019-2020Leggi su Sky TG24 l'articolo Serie C, le promosse e le retrocesse della stagione 2019-2020. FOTO

Franca Leosini il ritorno: stasera su Rai 3 con le nuove puntate di Storie maledetteFranca Leosini torna su Rai3 con la nuova stagione di Storie maledette. Classico della tv soprattutto per lo stile di conduzione estroso di Franca

​Le milizie del Gna stanno riprendendo il controllo di SirteLa proposta di tregua lanciata ieri dall’Egitto, sembra l’ultimo tassello di una strategia internazionale che punta alla soluzione definitiva del conflitto ma il portavoce dell’esercito libico Mohammed Gununu dichiara che l’avanzata di Tripoli non si ferma colpa di trump razzista e della polizia USA nazista Le lobby delle armi tra le quali quella turca sono corrotte e non comprendono la parola tregua

Pakistano ucciso a Caltanissetta: difendeva le vittime del caporalatoCALTANISSETTA. Adnan Siddique, il pakistano di 32 anni ucciso mercoledì scorso nella sua abitazione di Caltanissetta, sarebbe stato al fianco di alcuni suoi connazionali vittime di caporalato nelle campagne . Aveva accompagnato uno di loro a sporgere denuncia. Dall'autopsia è emerso che Siddique è stato colpito con cinque coltellate in ... Razzismo! Inquietante Che tristezza!

Champions, l'indiscrezione tedesca «A Lisbona le final eight»La decisione dovrebbe essere ufficializzata il 17 giugno, nella capitale portoghese si giocherebbero tutti i restanti incontri dell'edizione sospesa a marzo