Lettere, Corriere Della Sera, Luciano Fontana, Direttore Corriere Della Sera

Lettere, Corriere Della Sera

Come fare poco o nulla per non perdere consensi

Come fare poco o nulla per non perdere consensi

13/01/2020 03.02.00

Come fare poco o nulla per non perdere consensi

Ogni lunedì la pagina delle lettere al Corriere della Sera curata dal direttore Luciano Fontana .

,da troppo tempo, per paura di perdere consenso elettorale, i governi rimandano le scelte necessarie per il Paese, aggravandone i problemi. Le clausole di salvaguardia, da finanziaria a finanziaria, aumentano, le tasse vengono posticipate per superare indenni le elezioni amministrative, non si interviene sulle riforme. Fino a quando andrà avanti la politica del rimandare?

La seconda vita della verdura imperfetta Austria: come gioca l'avversaria dell'Italia agli ottavi La classifica marcatori 'per club' agli Europei

Sergio GuadagnoloCaro signor Guadagnolo,La raffinata arte del rinvio prevede una lunghissima serie di espedienti utili a non prendere decisioni che possano danneggiare l’uno o l’altro partito in vista di possibili elezioni o semplicemente in vista del sondaggio settimanale. Lei ha citato le clausole di salvaguardia sull’Iva che ci sono state imposte di fronte a qualcosa di ovvio: stavamo spendendo più di quanto potevamo permetterci; le promesse mettevano a rischio i conti pubblici e dunque si doveva turare la falla. Come lo si è fatto? Scrivendo nella manovra che se i conti non fossero tornati allora ci sarebbe stato un aumento dell’Iva.

I conti regolarmente non sono stati a posto e ogni anno ci troviamo di fronte allo stesso problema. Le Leggi finanziarie si occupano principalmente di evitare che aumenti questa tassa, e il problema si ripropone l’anno dopo. Così accadrà anche nel 2020 in una rincorsa che impedisce di fare le scelte necessarie per l’economia del Paese, concentrando sulle priorità le poche risorse. Sembra un gioco (assurdo) a cui però tutti i governi partecipano negli ultimi anni. Non parliamo poi dei Consigli dei ministri che, in una larga parte del 2019, duravano pochi minuti perché non c’era niente su cui decidere viste le baruffe tra i partiti. headtopics.com

Oppure se si deliberava qualcosa veniva subito aggiunta la formuletta magica del «salvo intese»: come a dire, facciamo finta che abbiamo deciso ma non è vero. E infatti molte di quelle misure «salvo intese» sono svanite nel nulla. Difficile governare così un Paese, anche perché di elezioni in Italia ce ne sono ripetutamente: negli ultimi mesi abbiamo votato per le Europee, poi per l’Umbria; a fine gennaio si voterà in Emilia-Romagna e Calabria, in maggio per sei Regioni e venti capoluoghi. Con il rischio, sempre presente, che si vada a elezioni politiche anticipate. Una vera corsa a ostacoli che politici sempre alla ricerca del consenso immediato affrontano nel modo che meglio conoscono: facendo poco o nulla.

LE ALTRE LETTERE DI OGGI Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Clima, quanto ci costa (tasse comprese) non fare nulla: L’Economia gratis lunedìIl piano nazionale: 300 misure da attuare di cui nessuno parla. L’analisi di Ferruccio de Bortoli

Trasferirsi all’estero: per i conti con il Fisco è decisiva la residenzaCi vuole poco (più o meno) a trasferirsi all'estero, ma non per il Fisco, anche perché le regole per individuare la residenza fiscale sono chiare e delineano... Per il fisco in realtà è decisivo il gettito! poi che ne faccia il paese di tutti questi soldi lo vediamo da soli... chi lavora in nero incassa il reddito di cittadinanza ma mancano i soldi per un piano serio di manutenzione delle infrastrutture! Se paga le imposte all'estero non dovrebbe usufruire dell'assistenza sanitaria gratuita in Italia per cui o lo stato estero rimborsa l'Italia o se la paga lui. Gradirei una risposta. In silenzio, senza polemizzare ne' 'sardinare', chi puo' va a lavorare e pagar tasse all'estero. Redditi di cittadinanza ad indigeni ed extracomunitari non li pagano i 'solidali e gli accoglienti', ma quelli che sgobbano, spesso x non piu' di 12000 € al mese.

Blog | Clima: stiamo fallendo, grazie agli esperti di clima. Perché?Abbiamo tante opzioni per combattere il cambiamento climatico, non siamo necessariamente costretti a nutrirci di insetti e fare la doccia a turni. Post di enricomariutti via econopoly24 econopoly24 Penso che la maggior parte degli Italiani non ha capito nulla sui cambiamenti climatici. Aspettano solo le cure sanitarie nel caso si ammalano per inquinamento! enricomariutti econopoly24 Spero che lo leggano in tanti così almeno si fanno due risate! enricomariutti econopoly24 E a zappare la terra no Questo si deve fare!

Parma Capitale della Cultura 2020: programma ed eventi da non perdere | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Parma Capitale della Cultura 2020: programma ed eventi da non perdere | Sky TG24 | Sky TG24 Parma non 'succede a Matera'. Matera è stata capitale EUROPEA della cultura 2019 mentre Parma capitale ITALIANA 2020 della cultura a proposito di cultura... Avete presente il martellamento autodenigratorio su quanto sono ignoranti gli Italiani ? Ieri il prof Galimberti (un tempo lo stimavo) a ottoemezzo ci ha ripetuto la fakenews. Ecco, parlatemi degli americani Parma2020

Benedetto XVI: celibato indispensabile per sacerdoti, non posso tacere | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Benedetto XVI: celibato indispensabile per sacerdoti, non posso tacere | Sky TG24 Indispensabile per cosa? Oltretutto è una cosa decisa dopo per cui come l'han messa possono toglierla per come la vedo io... sacerdoti celibato Tanto non sei più il Papa e non decidi tu. Il celibato ha ridotto il numero di sacerdoti al minimi termini. Negare a un uomo una famiglia stabile è un'assurdità umana, non un dogma. Sogno un Papa donna, sposata, che celebra Messa a San Pietro per i sacerdoti e le loro famiglie. Ma falli scopare

Le materie oscure da non perdere, l’occasione sprecata di Messiah - La StampaSarà che mancano le scene di nudo alla Game of Thrones e che i temi trattati – l’amore, la morte, la vita, la sopravvivenza, il razzismo, l’autoritarismo, l’esistenza dell’anima – sono troppo profondi per la prima serata televisiva. Ma è un peccato che His dark materials (Queste oscure materie), basata sui libri di Philip Pullman, sia passata quasi in secondo piano: gli appassionati – della saga letteraria, prima di tutto – sanno che c’è e la vedono; qualcuno sui social ne parla anche approfonditamente, azzardando paragoni e confronti; il grande pubblico, invece, tende a ignorarla: non sa che esiste, non gli interessa, non è un fenomeno virale, e quindi perché seguirlo? Volendo, e ve lo consigliamo, si può vedere su Sky Atlantic e su NowTv. È la storia di una bambina, Lyra, interpretata da Dafne Keen, già vista in “Logan” accanto a Hugh Jackman. La sua Inghilterra non è la nostra Inghilterra: la tecnologia è diversa, c’è la magia, gli orsi parlano e combattono, e ogni persona è seguita dal suo daimon, cioè dalla sua anima incarnata in un animale. Il daimon di Lyra è ancora mutevole, perché lei è giovane e quindi di volta in volta, a seconda delle situazioni e delle persone con cui si ritrova a parlare, cambia. Un giorno, Lyra è costretta a mettersi in viaggio: prima lo fa per salvare un suo amico di infanzia, di cui non si hanno più notizie; poi, scopre che la sua missione è molto più importante e riguarda il mondo intero (e non solo il suo, attenzione: ma anche quelli di tutte le altre dimensioni). Nella visione di Pullman, avere una protagonista appena adolescente è un ottimo modo per tenere le distanze dal cinismo diffuso e dall’assurda disillusione di certi adulti. “His dark materials” è un fantasy, ma è anche una storia di crescita, di amicizia, di consapevolezza. Forse, in qualche paese del mondo, Messiah di Netflix è stato un successo; forse c’è davvero qualcuno che guardandolo ha finito per crederci, per porsi delle domande, per riflettere sinceramente su fe Speravo fosse migliore del film La bussola...