Colpo di fucile accidentale. Non è stato il padre ma il fratellino a uccidere 15enne

Non è stato il padre bensì il figlio tredicenne a esplodere il colpo di fucile che, nel Bresciano, ha ucciso una ragazza di 15 anni

17/10/2021 11.44.00

Non è stato il padre bensì il figlio tredicenne a esplodere il colpo di fucile che, nel Bresciano, ha ucciso una ragazza di 15 anni

Non è stato il padre bensì il figlio tredicenne a esplodere il colpo di fucile che a San felice del Benaco, nel Bresciano, ha ucciso una ragazza di 15 anni

È quanto emerge dall'interrogatorio del padre che è stato sentito nella notte dal pubblico ministero di Brescia Carlo Milanesi. Leggi di più: Rainews »

Grande tragedia . Ma xk lasciare in casa un fucile carico? Ha premuto il grilletto un ragazzino che certo non voleva fare del male . Ma lasciare un arma carica e’ gravissimo . Non vorrei essere quel padre .grande dolore e pietà x tutta la famiglia Queste cose solo nel bresciano possono accadere ! È la diossina ! Cioè... mostrare il fucile ai parenti, carico, non dal calcio, ma dalla canna e parte un colpo !? Solo la magistratura italiana(poco etica ha detto Mattarella) può credere ad una cazzata simile ! E ci crede !

ma porco zio il fucile era carico? e questo adulto è un assessore!!! Padre idiota comunque a lasciare libero accesso al tredicenne una arma da fuoco. Il padre credo sia perseguito a termini di legge Un padre che con un comportamento a dir poco scellerato, si è auto inflitto la peggior pena possibile. 🖤

Quindi quello che dovrebbe essere il padre non ha responsabilità? Sono incidenti le disgrazie che non possono essere preventivate. Dare un fucile carico ad un minore, non è un incidente, vuol dire essere criminali!!!! Che ci fa poi un assessore con dei fucili in casa?

Il Quarto Stato in gigapixel (come non l'avete mai visto)Grazie al progetto di Haltadefinizione, tech company della casa editrice Franco Cosimo Panini, i più grandi capolavori italiani vengono digitalizzati in altissima definizione e possono essere guardati pennellata per pennellata. Così «Il Quarto Stato» di Pellizza da Volpedo, appena entrato in catalogo

Fabrizio Acanfora: «I lavoratori autistici sono differenti, non difettosi»Anche per quanto riguarda l’autismo, sui luoghi di lavoro c’è molto da fare per arrivare a una vera convivenza delle differenze

Adele: 5 cose che (forse) non sapevate sulla cantante di Easy on meOggi è uscito il nuovo singolo di Adele, Easy on Me. In attesa del suo imminente ritorno sulla copertina di Vogue, ecco cinque cose che (forse) non sapete su di lei. Il titolo giusto per tutti.....

Ma per gli italiani non è tempo di acquisti - Il Fatto QuotidianoSono pochi gli italiani pronti a cambiare la propria auto, divisi tra la confusione sugli incentivi, quella sulle alimentazioni elettrificate e ancora l’incertezza economica che riduce i budget per l’acquisto. Secondo l’ultimo studio condotto dalla società di consulenza Areté, infatti, solo il 12% degli intervistati dichiara di voler acquistare una nuova auto nei prossimi mesi, … Se ci fosse chiarezza sull elettrico e ci fossero più punti di ricarica ci si potrebbe pensare,il diesel non si capisce quando verrà bandito e la benzina ha prezzi in ascesa verticale, per forza si aspettano tempi migliori e più stabili non è colpa dei consumatori

Covid, in Gran Bretagna 45mila casi in un giorno: ma Londra non pensa a restrizioniLa pandemia è sparita dalle preoccupazioni della popolazione (e dalle agende dei media), le mascherine sono ormai un ricordo quasi ovunque. L’unico timore per l’inverno in arrivo è legato alla «somma» di Covid e influenza stagionale: e solo in caso di difficoltà si ipotizza di reintrodurre il distanziamento 45.000/67.220.000x100= 0,066%. R I D I C O L I ! “Casi” cosa vuol dire? Ospedalizzazioni, terapie intensive, morti? Capre piddine. e noi con 1000 asintomatici, ci lasciamo imporre un folle GreenpassObbligatorio che viola i DIRITTI UMANI...

Green pass obbligatorio, l'Italia non si blocca: proteste da Genova a Trieste ma pochi disagiLa tanto temuta paralisi non c’è stata: la giornata del 15 ottobre, data di entrata in vigore del certificato anti Covid sui luoghi di lavoro sta scorrendo con molte manifestazioni di protesta ma niente caos. Dalla Mirafiori di Torino al porto di Palermo, l'applicazione pratica della misura sembra essere partita senza troppi intoppi, confermando “sul campo” un buon tasso di adesione al certificato verde tra gli italiani. Situazione leggermente più tesa a Genova, con tir bloccati e dirottati su altri varchi. Nessun problema di ordine pubblico neppure a Trieste. A Roma e Milano trasporti regolari, a Roma ingressi nei ministeri nella norma Sucate giornalai schifosi Poi si lamentano del green pass che gli altri paesi non hanno, in quale altro paese è possibile presentare tanti certificati di malattia ovviamente falsi. L'Italia no è la Germania e neanche la Svezia.... Ecco la risposta quando lo Stato gioca sporco