Cartello, Striscione

Clima, lo sciopero dei ragazzi e il corteo: «I compiti? Prima la Terra»

«I compiti? Prima la Terra». Il corteo dei ragazzini

16/03/2019 10.11.00
Cartello, Striscione, Alessandro, Alexandra, Pietro

«I compiti? Prima la Terra». Il corteo dei ragazzini

Tra i più piccoli in piazza a Roma Un debutto «politico» lontano dai partitiL’entusiasmo dei bambini a fine giornata: «Vogliamo tornare a casa a piedi»

Si prende l’autobus 53 che in mezz’ora sarà a Largo Chigi, poi una passeggiata fino a piazza Venezia. «Villaggio dei bambini» si chiama l’associazione. Ce ne sono almeno trenta, tutti bellissimi: Valentino, Elia, Margherita, Cecilia… La maestra non era d’accordo, si è molto raccomandata di evitare i terroristi islamici. Una mamma ha legato quattro fratelli — Adriano, Alessandro, Valerio, Giulio — con lo spago, per non perderli nella folla: «Ma così sembriamo cagnolini…». Al centro dell’attenzione c’è però Emilie, per una semplice ragione: sua madre Alexandra è svedese (il padre Alessandro è romano), e lei ha conosciuto Greta. Gli altri bambini si fanno raccontare per l’ennesima volta la scena: «Ma davvero l’hai incontrata?». «Davvero. Era il settembre scorso. Stava sul Drottninggatan, la strada che dal Palazzo Reale porta al centro di Stoccolma. Era seduta con il suo cartello, “Sciopero della scuola per il clima”. Abbiamo parlato un poco…».

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

L’Erode che è in molti di noi«Siamo tutti Greta Thunberg» dice il gigantesco striscione, «Greta Thunberg sono io» sostiene un altro, «con Greta salviamo il pianeta!» scandisce la folla,e in effetti può apparire un po’ ingenuo il culto per la sedicenne che ha tirato fuori l’Erode che è in molti di noi, compresa l’insospettabile Rita Pavone. Eppure serviva, se non un leader, un simbolo che trovasse le parole a un sentimento condiviso. Qualche genitore cita Obama, ma i figli lo guardano con aria interrogativa, per loro Obama è come per noi Andreotti. Non c’è un insulto in piazza, non c’è uno slogan contro Trump o qualsiasi altro politico, un censore della questura annoterebbe un solo cartello, sorretto da una ragazza: «+bong –smog», sul retro la traduzione libera: «Inquinate di meno, trombate di più». Ci sono invece molti bambini che si prendono per mano e improvvisano girotondi, e ai tempi di Nanni Moretti non erano ancora nati.

Destra e sinistra non c’entranoIl sole è innaturalmente caldo per una mattina di fine inverno, ma è meglio non dirlo perché alla prima brezza estiva qualcuno si farà beffe del riscaldamento del pianeta, con la stessa sicumera di chi nega la fame nel mondo perché ha appena mangiato un BigMac. Destra e sinistra in questa piazza non c’entrano davvero nulla, a voler cercare una matrice politica si può trovare qualche eco grillina, «basta scrivere male della Raggi!» grida un ciclista, ma non sono i manifestanti a rincorrere i Cinque Stelle, semmai sono loro ad aver cavalcato le paure e le rabbie che emergono qui. Cartelli apocalittici: «Alluvioni, Roma come Venezia, tutti a scuola in gondola!». Altri ovvi: «Credo in Dio più che nei politici». Altri ancora di insopportabile demagogia: «Se il clima fosse una grande banca i governi ricchi l’avrebbero già salvato», magari fosse così semplice. La retorica del «ci stanno rubando il futuro» occhieggia un po’ dappertutto. Eppure l’atmosfera è bella, fresca. È un’iniziazione alla politica, senza bandiere che non siano il tricolore, con ironia autoassolutoria: «Marinare gli accordi di Parigi è peggio che marinare la scuola»; «I compiti possono aspettare, la Terra no». Magliette di Zaniolo, di Ronaldo, di Insigne. Poliziotti sul furgone con il motore acceso: «Spegnete, che inquinate!» li ammonisce una mamma severa, e loro eseguono, spaventati. Volantini ammoniscono che per ogni chilo di carne servono 15 mila litri d’acqua («non saranno 15?» «No, c’è scritto proprio 15 mila». «Maddai! Esagerati!»). Due adolescenti si scambiano un bacio che ha l’aria di essere il primo. headtopics.com

«Ci mettiamo due ore»I bambini del Villaggio olimpico in piena euforia ambientalista vogliono tornare a casa a piedi, «guardate che ci mettiamo due ore», ma l’aria è di ottimismo: «Winter is not coming», non è come nel Trono di Spade, l’inverno non sta arrivando. Ludovico, undici anni, è invece indignato: «Non ci potete lasciare un pianeta così sporco!». In piazza del Popolo i ragazzini incrociano gli operai della manifestazione per sbloccare i cantieri. «Voi adulti comportatevi come tali, così potrò diventarlo anch’io» dice un cartello, chiaramente scritto da un papà. «Il clima sta cambiando, perché noi no?» si chiede Pietro, che invece è un ragazzino.

«Ci avete rotto i polmoni» è lo striscione ormai celebre che è piaciuto a Giampiero Mughini, uno dei pochi che ha «fatto il Sessantotto» e ha avuto per questo movimento parole critiche ma non di stroncatura preventiva. Certo che questi ragazzi sono figli del benessere, sono pure andati nel panico quando hanno scoperto che se c’è tanta gente tutta insieme i cellulari non prendono, ma la loro paura non è infondata, la loro speranza neppure. Ogni generazione che è andata in piazza pensa che quella successiva non abbia ragione di farlo, ma l’ultimo cartello a sfilare — «Per un mondo migliore» — esprime tutta l’innocenza, a volte velleitaria, a volte costruttiva, che segna l’ingresso in scena di una nuova generazione: la nuova, non l’ultima

Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

DailyWebEU E poi hanno lasciato cumuli di spazzatura Giá é tardi vi siete svegliati troppo tardi, vi hanno fregato i potenti con la tecnologia dandovi del sonnifero, ormai il mondo sta terminando la sua ultima fase, non si puó fare piú nulla...... basta marinare la scuola e tutto fa brodo e questi sarebbero quelli che salveranno il mondo…..poveri noi

E poi Salvini? No, prima saltiamo un giorno di scuola, i ragazzi intervistati non sapevano nulla di cosa era un cambiamento climatico (avrebbero ragione in quanto inesistente) e tanto meno del buco dell’ozono. Sono completamente manipolati da alcuni insegnanti e da politici di sx Poi lasciano l'asfalto pieno di cartacce e spinelli fumanti

Ottimi insegnanti 🤣🤣🤣🤣

Prisma, la Terra come non l’avete mai vista prima | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Prisma, la Terra come non l’avete mai vista prima | Sky TG24

«Prima gli italiani» e «prima le persone»: gli slogan contrapposti di Lega e Pd«Prima gli italiani» è quello rilanciato dal leader della Lega Matteo Salvini. «Prima le persone» è invece il titolo della mozione con cui il neo segretario dem Nicola Zingaretti ha sfidato Maurizio Martina e Roberto Giachetti alle primarie dem La gara allo slogan più intelligente è aperta Hanno ragione tutti due perché se risolve il problema di italiani poi risolvere le persone che stanno tutto il mondo Prima le persone italiane?

Il corteo dei ragazzi per il clima. «I compiti? Prima la Terra»Tra i più piccoli in piazza a Roma Un debutto «politico» lontano dai partitiL’entusiasmo dei bambini a fine giornata: «Vogliamo tornare a casa a piedi» Di questo passo quando finiranno la scuola non avranno altre opportunità che andare a fare i giornalai da voi o da repubblica. Lavorare come raider per foodora sarà un sogno solo alla portata dei clandestini semianalfabeti. Scioperate pure, gretini! Greta e tanti gretini Anche io il venerdi scioperavo sempre, quando andavo al liceo!! Ma lo facevo per convinzione, sia ben chiaro!!

Di Maio all’Opera: prima uscita con la nuova fidanzata Virginia Saba Le immaginiPrima uscita ufficiale, mano nella mano, per il vicepremier Luigi Di Maio (32 anni) con la nuova fidanzata Virginia Saba (36), all’Opera di Roma. Lo sguardo dell’ammore.... no eh...? love butterflies whathefuck ma sei sicura che oltre al sorriso abbia qualcosa d'altro di buono

Blog | Aziende in prima linea contro la violenza sulle donne - Alley OopValori, cultura, consapevolezza e sostegno: le imprese possono fare molto per combattere la violenza sulle donne. E molte sono quelle che già lo fanno AlleyOop24 Non se ne può più. Argomenti stantii e ritriti. Basta!

Di Maio mano nella mano con Virginia Saba, la nuova fidanzata: prima uscita al Teatro dell'OperaHanno scelto il Teatro dell'Opera di Roma e lo spettacolo Orfeo ed Euridice Luigi Di Maio e la sua nuova fidanzata Virginia Saba, assistente... Vedo che il messaggio di Casalino è arrivato Va beh. Si e’ capito. e chi se ne frega?

Juventus, Lazio e Roma: cosa sapere prima di acquistare le azioni dei tre clubCosì come per altri settori, anche per quello del calcio bisogna essere consapevoli che l’investimento in equity porta con sè rischi che possono però essere arginati con un portafoglio diversificato in base alla propria propensione al rischio

Juventus, Evra e CR7 su Whatsapp: la chat prima della sfida con l'AtleticoL'ex difensore bianconero ha pubblicato su Instagram uno screen in cui si legge la conversazione con la stella portoghese prima del ritorno di Champions contro il Cholo. L'ex Real non aveva dubbi: 'Passiamo noi'

Ronaldo su Instagram sicuro di vincere 5 giorni prima del trionfo con l'Atletico: 'Li schiacceremo'L'ex juventino Evra e grande amico di Cr7 svela la chat: 'Tranquillo, fratello, 'we smash them': in casa passeremo' GiammiMarchini ! è un fake bufalari di repubblica

Torna 'Ciao Darwin', Bonolis e Laurenti per 'Terre desolate': si parte con la sfida tra chic e shock - Tgcom24Prende il via venerdì 15 marzo, in prima serata su Canale 5, l'ottava edizione del programma Non vedo l'ora che inizi. L'allegria di Bonolis e Laurenti è unica e mi ha da sempre regalato momenti di serenità.