Città a misura di ciclisti

Città a misura di ciclisti

08/11/2019 19.12.00

Città a misura di ciclisti

Il parcheggio più grande del mondo a Utrecht, la capillarità di corsie riservate. La viabilità urbana si può ripensare a partire da qui. Anche in Italia

social enterprisedi Amsterdam che lavora perché il 50 per cento degli spostamenti urbani avvenga in bici entro il 2030 e ha inaugurato nel 2017 la Bicycle Architecture Biennale – chiamano un’azione di «bicycle first». È stato incluso nella selezione dell’ultima Biennale, a giugno, insieme ad altri 14 progetti come la ciclabile Batlle i Roig a Barcellona o la Bicycle Skyway sopraelevata di Xiamen in Cina. Una mostra fotografica che li raccoglie sta girando il mondo e arriverà nel 2020 anche a Roma.

Stop alle mascherine all'aperto dal 28, Speranza firma l'ordinanza - Salute & Benessere Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno Gol del secolo ha 35 anni, Argentina celebra Maradona - Calcio

Per il co-fondatore di Bycs, Lee Feldman, Utrecht rappresenta «un simbolo, un’ispirazione per il resto del mondo: le soluzioni che spostano le persone in modo agevole e confortevole attraverso e tra le città non sono solo possibili, ma più desiderabili e convenienti rispetto a carreggiate e parcheggi per auto».

Paolo Pileri, professore di urbanistica al Politecnico di Milano e direttore scientifico della ciclabile VenTo, tra Torino e Venezia lungo il Po, sottolinea la differenza con l’Italia: «Loro stanno operando politiche selettive: si sceglie la bici, si abbandona l’auto. Si investe sulla ciclabilità e si toglie viabilità. Copenaghen vanta il 37 per cento dei viaggi urbani in bici. Non è un caso: ha speso 280 milioni di euro negli ultimi cinque anni. Da noi le politiche sono additive: si aggiunge la possibilità di andare in bici in città. Come se fosse un di più, una velleità. Ma finché si potrà andare in centro in macchina, gli italiani lo faranno». Certo, il cambiamento non si ottiene con un semplice divieto, ma con la pianificazione urbana negli anni. «Lo ha fatto Bolzano», continua Pileri: «Forse la migliore delle headtopics.com

cycling citiesitaliane. È il terzo centro per numero di ciclisti dopo Piacenza e Padova (classifica dell’ultima edizione di Giretto d’Italia di Legambiente,ndr) grazie a piani, investimenti, infrastrutture». Secondo ilRapporto A Bi Cidi Legambiente (dati 2018), Bolzano registra 1.156.489 di euro l’anno di benefit per un chilometro di pista ciclabile: più di ogni altra città italiana (seguono distanziati Ferrara, Treviso, Pesaro).

L’impatto economico della ciclomobilità è uno dei punti su cui insiste Pileri: «A parte che costa meno investire in bici che comprare autobus, l’indotto non si risolve nelle attività delle ciclofficine. Ci sono le infrastrutture, prima di tutto. In Italia le ciclabili non sono “grandi opere”, ma “opere grandi”. C’è bisogno di coraggio. E di un dipartimento dedicato al Ministero dei Trasporti che coordini tutto il lavoro: è assurdo che la loro costruzione sia demandata ai comuni, che magari non si parlano tra loro e quindi le realizzano uno a destra e il confinante a sinistra della carreggiata, come è successo».

In questo scenario c’è da segnalare anche che la figura delbike managerè vacante a Roma, sparita a Milano. In compenso, Bycs ha lanciato il programma Bicycle Mayor: un “sindaco” che agisca da catalizzatore delle iniziative per la ciclomobilità: «Ne abbiamo in 60 città, contiamo di arrivare a 100 alla fine del 2019», racconta Feldman.

C’è anche a Roma, si chiama Francesco Iacorossi, project manager di Roma Servizi per la Mobilità: «È un periodo positivo per la ciclabilità: in tre anni la città realizzerà oltre 90 chilometri di piste e 69 hub multimodali accanto alle stazioni con 1.500 posti bici. Tutti progetti già finanziati. La Nomentana è stata inaugurata a luglio. La Tuscolana verrà aperta a breve. I lavori per la Prenestina sono iniziati da poco: quest’ultima è stata proposta per essere analizzata dal punto di vista di costi e benefici – cosa mai fatta a Roma – dall’azienda olandese Decisio, nell’ambito del programma europeo HandShake di cui sono capo progetto per Roma Servizi per la Mobilità. Un’iniziativa innovativa che vede Copenaghen e Amsterdam come tutor e dieci future capitali ciclabili a scuola dai migliori. Per l’Italia ci sono Roma e Torino». Iacorossi è d’accordo sul fatto che debbano essere fatte scelte politiche coraggiose: «Ma pagano. Per esempio: Giuseppe Grezzi è assessore alla mobilità a Valencia. Ha scelto politiche aggressive a favore di pedoni e ciclisti ridimensionando i privilegi dell’auto. Ed è stato rieletto. Qui ogni giorno è una sfida», conclude: «Ma voglio restare positivo». headtopics.com

Australia, ragni coprono di ragnatele una intera regione - Mondo Il 'disturbatore' tv gabriele Paolini in carcere a Rieti: deve scontare 8 anni. Tra le accuse, pedofilia Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti»

In bici dentro casaGenus - Vadolibero Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Dal gasolio alla geotermia: come cambia la vita, l’ambiente e il portafoglio - Il Sole 24 OREMontieri è un borgo toscano della provincia di Grosseto, 1.400 abitanti a 700 metri d'altezza, che cinque anni fa ha compiuto una vera e propria... A noi ci fanno la guerra sulla geotermia A Larderello succedeva già nel 1950! Pensateci voi al pianeta con le vostre gretinate, io me ne vado in giro in SUV a gasolio

L’ex Ilva, il lavoro, i tumori, la politica: il dramma di Taranto in numeriL’Ilva, i tumori, la politica: il dramma di Taranto in numeri fa schifo chi protegge mittal e non i lavoratori , è una vergogna nazionale , si dovrebbe scendere in piazza in milioni Un dramma ambientale occupazionale e di salute procrastinato da anni da una classe politica fallita che nn ha saputo fare altro che spostare una bomba a suon di decreti su decreti. OGGI SONO DIVENTATI TUTTI MANAGER !

5S, la senatrice Fattori lascia il Movimento: 'Abbandonata dai vertici ma continuo a sostenere il governo'Passa al gruppo misto. E denuncia: 'Non sono sola perchè abbandonati a sè stessi sono anche i territori e i meetup, usati oramai solo per Lo fa per la pecunia. Si deve dimettere. Ma è già passata a Italia viva Finalmente si è tolta dai piedi

IL MIO DOLCE PER TORINO SARÀ PROFONDO ROSSO COME IL FILM DI ARGENTO - La StampaDa una cuoca e da un direttore di mensa nasce a Brescia nel 1942 un pasticcere: Iginio Massari, «The Sweetman», vincitore di 300 premi e riconoscimenti nazionali e internazionali, eletto miglior pasticcere del mondo quest’anno dalla giuria del World Pastry Star per «la personalità, la creatività e l’impegno nella formazione». E c’è da scommettere che la sua nuova galleria, inaugurata il 28 ottobre a Torino, sarà meta dei più ghiotti anche, e soprattutto, in questo weekend dedicato al cioccolato. Massari, sono i giorni di «Cioccolatò», la kermesse più famosa d’Italia sul cioccolato artigianale: è pronto? «Conosco bene questa manifestazione, ho anche partecipato, tanti anni fa, quando è nata: era l’anno del primo campionato italiano del cioccolato e avevo invitato a Torino, come testimonial, tutti i più grandi maestri cioccolatieri d’Europa e degli Stati Uniti. Tra l’altro eravamo proprio in piazza Cln, dove molto tempo dopo avrei aperto la mia galleria». Una piazza mitica: è stata girata qui anche una scena del film cult di Dario Argento, «Profondo Rosso»...«Esatto, e proprio per questo, appena archivieremo questo periodo di grandi eventi, ho in progetto di realizzare un nuovo dolce alla fragola che chiamerò “Profondo Rosso”». Si direbbe che si stia ambientando bene a Torino. Dieci giorni fa ha aperto la sua galleria e da allora ogni giorno c’è la coda di golosi per entrare: com’è andato il debutto?«Siamo partiti benissimo, le code, l’entusiasmo, la gente in centro... Ci speravo ma non pensavo. È stato un inizio al di sopra di ogni più rosea aspettativa, vuol dire che i torinesi sono attenti e interessati alle novità». Allora è vero, come ha detto anni fa, che la pasticceria è un lusso che tutto sommato ci si può ancora permettere?«Sì, diciamo che è un lusso democratico. E comunque oltre all’alta pasticceria ci sono gli sfizi da tutti i giorni e per tutte le tasche: in galleria da noi il caffè costa 1,30 e il croissant 1,50 euro, assolutamente alla portata». Lei è so

“Usa il bus come un taxi”, e Gtt la sospende - La StampaLa denuncia di un lettore: l’autista del 67 ha caricato un’amica rallentando il mezzo. Poi un viaggio tra chiacchiere e radio accesa. Un po’ come quel tizio che fa salire il figlio sulle moto d’acqua di servizio, per far fare un giretto all’amore di babbo... due numeri oltre ,spettacolo a poco prezzo

«La La Land», che potrebbe diventare il nuovo «Pretty Woman» della Tv - VanityFair.itIl film di Damien Chazelle, vincitore di 6 premi Oscar nel 2017, al suo primo passaggio su Raiuno vince la serata con l'11.4% di share e scala la classifica dei Trending Topic di Twitter. Ecco perché potrebbe essere il nuovo «Titanic» o il nuovo «Pretty Woman» della Tv