Cimitero dei feti, l'avvocata La Torre: «Ennesima violenza sulle donne» - VanityFair.it

Il caso del feto sepolto senza autorizzazione al cimitero Flaminio di Roma ha scoperchiato un vaso di Pandora portando alla luce una grave violazione

02/10/2020 13.30.00

Il caso del feto sepolto senza autorizzazione al cimitero Flaminio di Roma ha scoperchiato un vaso di Pandora portando alla luce una grave violazione

Il caso del feto sepolto senza autorizzazione al cimitero Flaminio di Roma ha scoperchiato un vaso di Pandora portando alla luce una grave violazione e violenza sulle donne

Alessia ArcolaciAurora (nome di fantasia) è rimasta incinta quando aveva deciso di cambiare tutto. Aveva finalmente trovato il coraggio di interrompere una relazione che le faceva male. Aveva trovato la forza di pensare, per la prima volta, a se stessa. Sono trascorsi diversi anni da quando Aurora ha praticato l’interruzione volontaria di gravidanza ma ricorda tutto di quei momenti. Le visite, lo sguardo dei medici, le continue domande di chi aveva la presunzione di pensare che la sua, non fosse la decisione giusta da prendere.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Così quando Aurora ha letto la notizia del feto sepolto senza autorizzazione nelcimitero Flaminio di Romaha rivissuto tutto. E ha avuto paura di essere anche lei tra le tantissime donne, che in queste ore, stanno scoprendo di avere una croce in uno degli oltre ottanta «cimiteri dei feti», presenti in Italia. Una croce dov’è riportato il loro nome e cognome come «madri» e dove qualcuno ha addirittura scelto per loro il nome del feto abortito. E l’ha seppellito a loro insaputa e senza che abbiano firmato nessun consenso.

«Eppure ilRegolamento Europeo sulla Privacy 679/16 è chiaro», ci spiega l’avvocataCathy La Torreche in seguito alla denuncia alla stampa di una donna romana che ha scoperto di avere una «croce» al cimitero Flaminio, ha deciso di istituire, insieme al suo studio legale headtopics.com

Wildside-Human Firstl’indirizzo emailtutelaliberascelta@gmail.com,per fornire alle donne uno strumento a cui rivolgersi e richiedere informazioni a riguardo. Come sottolinea La Torre, il Regolamento Europeo stabilisce che «È vietato trattare dati personali che rivelino l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l’appartenenza sindacale, nonché trattare dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona».

Un diritto che in questi casi è stato evidentemente violato e su cui il Garante della privacy è deciso a fare chiarezza ed ha aperto un’istruttoria. Ma quanto ancora di più colpisce di questa vicenda è come le donne che hanno già dovuto affrontare il dolore di una interruzione di gravidanza, si trovino adesso nuovamente bersaglio di una profonda violenza.

Lo raccontano le tantissime mail che in queste ore sono arrivate all’indirizzo di posta elettronica dello studio Wildside-Human First. Donne che prima di chiedere informazioni sono mosse dal desiderio di spiegare perché hanno abortito.«Non immaginavo che si sarebbe scatenato un tale flusso di mail», ci racconta l’avvocata La Torre. «Parliamo di

centinaia di donne che stanno scrivendo raccontando le loro storiee per tutte il file-rouge è la giustificazione.Si sentono colpevolizzate. E sapere che potrebbero vedere il loro nome messo lì su una croce non aiuta».A Silvia è stato chiesto più volte di dare un nome al feto che aveva espulso e nonostante si fosse sempre rifiutata, ha scoperto leggendo il referto dell’autopsia che un nome glielo avevano dato lo stesso. E anche il cognome. headtopics.com

Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts

«Invito le donne a non sentirsi in obbligo di giustificarsi», continua La Torre. «Noi non le giudichiamo, le assistiamo legalmente. Tutte si sentono in colpa e questo è indice del fatto che le donne in Ialia sono ancora stigmatizzate rispetto all’aborto. C’è chi mi ha scritto mail molte lunghe, chi ha abortito perché non aveva soldi, chi per la carriera, chi per un uomo non presente. Di fatto emerge che tutte le donne che ci hanno contattati avevano delle motivazioni profonde per interrompere una gravidanza».

Infine, se una donna desidera seppellire un feto abortito può naturalmente farlo. Le modalità sono stabilite dalRegolamento di Polizia Mortuaria, secondo cui: la sepoltura avviene sempre (su richiesta delle famiglie o su disposizione delle Asl competenti) nei casi di aborto oltre le 28 settimane, mentre prima di questo termine la sepoltura si può verificare solo su richiesta dei familiari. Se quest’ultima non perviene, «i prodotti abortivi» vengono considerati rifiuti speciali ospedalieri. «Tutto ciò che si discosta da questo», conclude La Torre «è una violazione e una violenza nei confronti delle donne».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Vi terrorizza la verità eh? Ma s'cioppa! Vanity Fart. Scorregge di Vanitā. Tutto qui. AvvocatA ? Ciaone e click👋🏼 La grave violazione è l’aborto salvo nei casi in cui ci siano esigenze terapeutiche. È un omicidio sic et simpliciter L'avvocatA 😆😆😆😆😆😆😆ma click

La pandemia ha cambiato tutto e spinge la Lega nel PpeA chi scrivere il proprio punto di vista sulle cose? A chi affidare l’ indignazione e la speranza? Vi proponiamo di dirlo a Corriere La lega ormai su un binario morto A dimostrazione della natura democristiana: a cosa servono i depuratori fognari quando ci sono loro ad ingoiare tutto?

Louis Vuitton: la collezione Since 1854 per celebrare la MaisonNicolas Ghesquière, direttore artistico delle Collezioni Donna, ha disegnato il prezioso motivo jacquard che racchiude la data 1854, anno di fondazione di Louis Vuitton Omg ciao Vogue 🤩 Louis Vuitton

La sfida di Candiolo: “Non solo Covid, la ricerca sul cancro è prioritaria”CANDIOLO (TORINO). Fiducia e sostegno: immutati dopo 34 anni di attività grazie ai traguardi raggiunti nella cura e nella ricerca sul cancro. Oggi, all'Istituto di Candiolo, la presentazione del quindicesimo «Bilancio Sociale e di Sostenibilità» da parte della Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro. È intervenuto il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. A fare gli onori di casa Allegra Agnelli, presidente della Fondazione, affiancata da Gianmarco Sala, il direttore. Massimo Giannini, direttore de La Stampa, ha moderato l’incontro: «Questo è un modello di ricerca e terapia, un esempio di coesistenza virtuosa tra pubblico e privato. L'emergenza Covid, che ha ridefinito le gerarchie, a tutti i livelli, ha dimostrato quanto sia importante questa cooperazione ». Oltre l'emergenza «Ricerca, il nostro futuro», con queste parole Allegra Agnelli ha aperto il suo intervento, sottolineando come «l'emergenza sanitaria ha posto al centro dell’attenzione di tutti l’importanza di avere a disposizione strutture sanitarie adeguate e pronte a qualsiasi esigenza. In un contesto del genere sostenere la ricerca non è solo un’azione di bene, ma un vero e proprio investimento per noi, per chi ci sta vicino e per le future generazioni». Anna Sapino, direttore scientifico dell'Istituto: «Anche in questo momento bisogna comprendere che la ricerca per sconfiggere il cancro non può fermarsi, bisogna andare oltre l'emergenza contingente». Investimenti e progetti Nel 2019 la Fondazione ha investito nella cura e nella ricerca oltre 20 milioni di euro e ha impostato le basi per lo sviluppo dell’Istituto di Candiolo, che nei prossimi anni metterà a disposizione di pazienti, medici e ricercatori nuovi spazi di cura e di ricerca. Oltre 30, per la precisione 33, i milioni raccolti: le principali voci sono rappresentate dalle donazioni dirette, dal Cinque per Mille, dalle iniziative e da lasciti testamentari. Infine un dato significativo, per ogni euro donato oltre 92 centesimi veng

La farsa della prevenzione dentale all'italiana: è tutto privato, pure la 'campagna del sorriso'. Intanto la salute orale dei bambini peggiora - Il Fatto QuotidianoPuntuale come un raffreddore, a ottobre scatta il “mese della prevenzione dentale”, l’unico progetto di prevenzione odontoiatrica attivo su tutto il territorio nazionale dal 1980. Succede ormai da 40 anni, ma la campagna del sorriso è un cazzottone tra i denti per chi crede che sia lo Stato ad occuparsene. A differenza di altri Paesi … E per inciso avere una bocca pulita e ben disinfettata priva di infezioni e di proliferazione batteriche potrebbe pure aiutare a combattere il covid! Meglio l'Oktoberfest!🍻 Sapete perché peggiora? Perché siete i fautori dell’assistenza alieno e non del lavoro... perché con il reddito di cittadinanza non ci paghi il dentista. Mentecatti.

Il Cile, la storia e la memoria: 'La sottrazione' di Alia Trabucco Zerán è un esordio veroLeggi su Sky TG24 l'articolo Il Cile, la storia e la memoria: 'La sottrazione' di Alia Trabucco Zerán è un esordio vero

Ma la sua scelta è criticata da moltiNickayla Rivera, sorella di Naya, attrice di Glee recentemente scomparsa, è andata a vivere con l'ex di lei per crescere il nipote Josey.