Cimeli della Biellese, consegnata alla società una storica maglia del Novantennio

L’ha donata il consigliere comunale Corrado Neggia nel ricordo del papà

30/01/2021 15.07.00

Cimeli della Biellese, consegnata alla società una storica maglia del Novantennio

L’ha donata il consigliere comunale Corrado Neggia nel ricordo del papà

12:01La campagna di raccolta cimeli lanciata dalla Biellese trova il primo, prezioso, mattoncino di un bel progetto di sensibilizzazione e di rilancio del calcio cittadino. La prima maglia ad essere stata consegnata materialmente porta impresso all'altezza del cuore il logo ufficiale del club personalizzato dalla dicitura realizzata per il Novantennio: 1902-1992. L'ha consegnata nel quartier generale bianconero Corrado Neggia, appassionato di calcio e di sport in generale, consigliere comunale e presidente della Commissione sport della Città di Biella: «Nella veste istituzionale ritengo lodevole l'iniziativa della società bianconera e mi auspico che possa trovare continuamente la linfa necessaria per rispolverare un secolo abbondante di storia. Sono convinto che con questa gestione societaria stiano cambiando le dinamiche per riproporre sul pennone più alto dello stadio il vessillo bianconero, non solo metaforicamente. Dal mio punto di vista osservo comportamenti e strategie meritevoli di lode e attenzione, sia pubbliche che private. A volte basta poco per cambiare un assetto critico. Si può iniziare dal mettere i semplici puntini sulle “i” per poi crescere senza mai fare un passo più lungo della gamba. Step by step. Come ex addetto ai lavori della Biellese 1902, auspico altresì che questa dizione torni di moda a stretto giro di posta, azzerando definitivamente ogni tipo di incomprensione sorta nell'ultimo decennio. Deve tornare ad esserci una sola Biellese, senza mugugni e distinzioni di sorta».

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Prina: “Mettiamo in mostra la storia della Biellese”E continua: «Come uomo, cittadino e tifoso, desidero invece appoggiare in prima persona l'iniziativa cara al presidente Luca Rossetto e al mister dei miei bei tempi Luca Prina, dando il buon esempio. Ricordando la mia gioventù nel Nagc bianconero, ma ancor di più la passione trasmessami da papà Luigino verso questo grande amore che si chiama Biellese, anche a nome di mio fratello Davide e di mamma Carla, ho il grande piacere di donare una maglia bianconera della mia collezione, proprio in memoria di papà. Ne sarebbe anche lui felice ed orgoglioso, ne sono certo. Ho scelto una maglia celebrativa, che incarna tanti valori che spero possano continuare ad essere tramandati alle generazioni future. Consegno quindi la maglia del Novantennio, con tanto di stemma sul petto. Una casacca che ha brillato, seppure con tragico destino, nella stagione 1992/93. Sul campo quella Biellese si era guadagnata, con le proprie forze e incommensurabili meriti, la salvezza sul campo. Poi il disastro. Ma si sa che solo chi cade può rialzarsi in piedi. Questa maglia era indossata nella sfida decisiva da un ragazzo biellese: il diciannovenne Marco Milan. Anche il numero non è casuale: 5. Il numero della leggenda, il numero della maglia di un altro ragazzo biellese: Lorenzo Mazzia. Nella staffetta dei sentimenti invito chi può a seguire il mio esempio. Il grido di battaglia è quello dei vecchi tempi: “Forsa Biela!”».

«Come società abbiamo voluto fortemente questa iniziativa per riscaldare i cuori storici bianconeri, perché desideriamo ripartire anche da chi ha sempre sostenuto questa società - commentano i promotori dell'iniziativa Luca Prina e Luca Varacalli -. Stiamo ricevendo molte chiamate e messaggi, uno storicissimo tifoso è persino venuto a trovarci in sede per condividere i suoi ricordi e le sue esperienze da “ultras” bianconero. Vogliamo ricordare la storia per scrivere nuove pagine ricche della stessa passione». headtopics.com

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

L’uomo del mistero che fa sparire i cimeli nazisti«Axel» riesce ad intercettare gli oggetti prima che siano messi all’asta. Nessuno sa chi sia: «Non sono ebreo, voglio semplicemente giustizia» non ci mancheranno!

Allenatore di calcio muore di Covid a 45 anniAntonio Vanacore era il vice di Salvatore Campilongo alla guida della Cavese. La notizia del decesso sul profilo Facebook della società campana Chissà se sarebbe morto dopo il vaccino.

Giovani e agricoltura: nel 2020 le nuove aziende sono cresciute del 14%I dati della Coldiretti Liguria rivelano una riscoperta dei mestieri legati alla terra nell’anno del Covid

McKennie, Dybala, Arthur: cosa è successo davvero. La festa, il vicino, gli ospiti «mancanti»McKennie, Dybala, Arthur: cosa è successo davvero. La festa, il vicino, gli ospiti «man... 'A che pensi vicino, a che pensi?' Una vergogna ! Hanno fatto male alla Juve che gli tratta da principi pagati stra generosamente ! Calcio di rigore per la Juve!