İnsegnante, Liliana Segre

Chiedo scusa | Il Caffè di Massimo Gramellini

Chiedo scusa

01/02/2020 09.29.00
İnsegnante, Liliana Segre, Preside, Scuola Media, Alunno, Scusa

Chiedo scusa

L’insegnante di una scuola media fiorentina confessa agli alunni: «Io Liliana Segre non la sopporto. Non fatevi fregare da questi personaggi in...

Massimo Gramellini | 01 febbraio 2020L’insegnante di una scuola media fiorentina confessa agli alunni: «Io Liliana Segre non la sopporto. Non fatevi fregare da questi personaggi in cerca di pubblicità. Anche mio nonno è stato in un campo di concentramento, ma non è certo andato in giro a dirlo a tutti». I ragazzi riferiscono a casa, i genitori segnalano, la preside indaga e la ministra si indigna, sino al gran finale: l’insegnante, mortificata dall’effetto delle sue parole, «avrebbe chiesto scusa». Chiedere scusa è la moda del momento. Ma di che cosa, esattamente, chiede scusa la professoressa? Di un’uscita sbagliata, di una battutaccia, di una gaffe estemporanea? Qui siamo in presenza di un ragionamento meditato: la signora ritiene che la testimonianza sia un ghiribizzo da narcisisti, la memoria un atto da piazzisti e l’essere vittime una scorciatoia per la celebrità. Concetti che pensava e continua a pensare. Le sue scuse da coccodrillo non sono per la mostruosità concepita, ma semplicemente perché, avendola espressa, teme di avere offeso qualcuno e di poter subire delle conseguenze. Vorrei tranquillizzare la prof: abbia pure il coraggio di manifestare sempre il suo pensiero e di ripetere che certe ferite della storia e della vita sarebbe meglio che ognuno le tenesse per sé. In questo modo ci ricorderà perché abbiamo ancora bisogno di chi quelle ferite si ostina a mostrarle, esponendosi anche a dei rischi, pur di aiutare gli altri a prenderne consapevolezza. E se l’ho offesa, naturalmente, chiedo scusa.

Omicidio Desireé: tutti condannati, due all'ergastolo - Cronaca Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo 'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio

1 febbraio 2020, 07:07 - modifica il 1 febbraio 2020 | 07:14 Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Perseo , nn rompe i coglioni ...

“Il ‘mostro’ di Fenoglio fece armi per il Vietnam” - Il Fatto QuotidianoIl 22 gennaio 1999, chiudeva per sempre l’Acna di Cengio, in Valle Bormida, al confine fra Liguria e Piemonte. Era l’azienda chimica, nata per produrre esplosivi nel 1882, che passò tristemente alle cronache come “fabbrica della morte e dei veleni” non soltanto per l’inquinamento spaventoso della Val Bormida, ma anche per i diversi lavoratori morti …

Il blush multisfumatura che migliora il coloritoUna polvere compatta molto simile a un blush tradizionale, ma che presenta diverse nuance sfumate insieme.Per regalare un bel colorito. Tre prodotti per tre fasce di prezzo

Blog | Carnevale: 'Il ballo del Doge' per rilanciare Venezia, il sogno di Antonia Sautter - Alley OopDall’allestimento scenico alle performance di cantanti, dal design floreale al menu, dai capolavori sartoriali alla musica. Il Carnevale di Venezia del ballo del Doge.

Nasce il più grande noceto italiano: made in Italy solo il 20% del fabbisognoImpianti nel 2020 ma per l’entrata in produzione si prevedono 4 anni. Gestito da Areté, società di studi economici specializzata nell’agribusiness

Norvegia: il traghetto travolto dalla tempesta colpisce il muretto del moloLa MS Nordnorge stava attraccando nel porto di Bodo con un vento fortissimo

Kobe Bryant, tutto il viola e il giallo nel mondo solo per lui - VanityFair.itI messaggi scritti dai giocatori sulle scarpe, le luci viola e gialle sugli edifici più importanti d’America, i murales che spuntano in tutto il mondo. Il mondo dice addio a Kobe Bryant