Chi è Paola Sammarro, che ha creato «Io Calabria» per la sessualità e il benessere intimo femminile - VanityFair.it

Apre a Cosenza un centro multidisciplinare contro gli stereotipi di genere, rivolto a donne di tutte le età e gestito interamente da professioniste del territorio

18/09/2021 23.31.00

Apre a Cosenza un centro multidisciplinare contro gli stereotipi di genere, rivolto a donne di tutte le età e gestito interamente da professioniste del territorio

Apre a Cosenza un centro multidisciplinare contro gli stereotipi di genere, rivolto a donne di tutte le età e gestito interamente da professioniste del territorio

Alessia Ferri«Da sempre le donne, e in particolare i loro corpi, vengono raccontate dagli uomini. Noi non siamo quasi mai voce narrante e quando ho iniziato a riflettere su questo aspetto ho deciso di fare qualcosa per riappropriarmi della mia voce e restituire a quante più donne possibili la loro».

Berlusconi: 'Il Green pass è uno strumento di tutela della vita e della libertà, irresponsabile fomentare divisioni' Blog | Quanto si è ridotta la speranza di vita nel 2020 - Info Data “Ora salario universale e meno ore di lavoro” - Il Fatto Quotidiano

È questo pensiero ad aver acceso nella mente di Paola Sammarro quella miccia che oggi si è trasformata in una realtà concreta:Io Calabriadedicato alla salute e al benessere intimo delle donne, con sede a Cosenza.Giornalista trentaseienne, imprenditrice ed esperta di comunicazione, negli anni Paola ha indagato e lavorato in diversi modi con il mondo del femminile. Cosentina di nascita, ha vissuto molti anni a Milano, per poi tornare nella propria città d’origine con l’obiettivo di creare qualcosa per le donne, insieme alle donne. Una scelta maturata alle soglie della pandemia di Covid-19 e la cui realizzazione non è stata sicuramente semplice, come ci ha raccontato la stessa Paola Sammarro.

Partiamo dall’inizio, cos’è Io Calabria?«Un centro di consulenza multidisciplinare che accoglie donne di ogni età, dalla pubertà a oltre la menopausa. La medicina, al pari di molti altri campi, risente di un’impronta fortemente patriarcale e la conseguenza è che headtopics.com

la sfera del benessere intimo femminile sia costellato di tabù e molti stereotipi di genere che impediscono diagnosi preventive su alcune tematiche e ne trascurino completamente altre.Inoltre, molti disturbi vengono spesso trattati solo dal punto di vista medico, come ad esempio la menopausa, dimenticando che si tratti di un passaggio che può richiedere un supporto psicologico e portare con sé ulteriori problematiche come secchezza vaginale o incontinenza urinaria. Noi crediamo che gli aspetti da valutare siano sempre molteplici, per questo nella sede di

Io Calabria, che si trova a Cosenza,operano diverse professioniste, tutte donne, specializzate in quelle che sono le nostre tre macro aree: ostetricia-ginecologia, psicologia e nutrizione».Cosa l’ha spinta a creare questa realtà?«Nell’ultimo periodo passato a Milano lavoravo per

La bottega della luna, un negozio dedicato al benessere intimo femminile, nato con lo scopo di far conoscere tematiche e prodotti ancora poco noti inerenti a mestruazioni, menopausa, perineo e sessualità. Durante quell’esperienzami sono resa conto di quante donne non conoscessero molti meccanismi fisiologici del proprio corpo e soprattutto non avessero consapevolezza di meritarsi di più, in ambito sessuale e non solo

. Tale consapevolezza mi ha spinta a provare a cambiare le cose così ho fatto le valigie e a fine 2019 sono tornata a Cosenza con l’idea di costruire un posto in cui tutte le donne, compresa mia figlia adolescente, potessero far sentire la propria voce senza timori né imbarazzi». headtopics.com

Rebic, caviglia ko: probabile distorsione Ricciardi: con il 90% di vaccinati l'emergenza Covid sarà attenuata Cgil, oltre centomila in piazza a Roma con i sindacati dopo l'assalto No Pass

Una sfida importante, ancor di più se portata avanti in una terra non semplice comequella calabrese…«Indubbiamente, ma non ho mai pensato di intraprenderla altrove.Volevo fare qualcosa qui, in una regione dove non esistono molte strutture mediche organizzate e la salute femminile, sia dal punto di vista pratico sia culturale, è relegata alla sfera della maternità

. La Calabria, ma direi l’Italia tutta, è fortemente maschilista e patriarcale. La maggior parte delle ragazze della mia età si occupa solo della famiglia e questo non sarebbe sbagliato se non fosse che molte lo fanno non per scelta ma per aderire a un determinato riconoscimento sociale. In quei casi,

il concetto di intimità è legato prevalentemente a quello di procreazione e tralascia tutti gli altri aspetti della sessualità e della salute intima, altrettanto importanti.La mia ambizione è aiutare le donne a liberarsi da certi schemi, riappropriarsi dei propri corpi e a rivendicarne i diritti»

.Perché ha scelto questo nome?«Perché mi ero stancata, ogni volta che denunciavo un disservizio, di sentirmi rispondere “Tanto qui funziona così e non cambierà mai nulla”.significa chela Calabria siamo noi abitanti e che non spetta a nessun altro migliorarla headtopics.com

. Sono fondamentalmente convinta che la mia terra sia sana e pronta a un cambio di passo e sono orgogliosa del team di donne calabresi che come me hanno scelto di lavorare qui. Così come di due uomini speciali, Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Ah! ci mancava proprio... specie adesso che non abbiamo alcun problema... Peccato che gli stereotipi colpiscano anche il genere maschile. La vostra rivista non mostra imparzialità

Con la lectio di De Bortoli si apre il festival dedicato a dignità e comunicazioneAlle 16 al teatro nuovo di borgomanero il primo evento della rassegna che farà tappa anche a Novara e Arona 🥶😂 ahahahahahahahahaah... il festival degli ossimori.

Virgin Active apre alla Bocconi di Milano il primo club post Covid🔸 VirginActive apre alla Bocconi di Milano il primo club post Covid. Il brand ha ideato un nuovo modello di business per rispondere alla crisi pandemica aggiungendo all’abbonamento in palestra l’offerta di allenamenti outdoor e on demand.

Terzo settore, una convenzione con il Comune apre la strada del superbonus

Cinema, film di Zhang Yimou apre la 69a edizione del Festival di San SebastiánIl regista cinese in gara con 'One second', ambientato durante la Rivoluzione culturale. La rassegna si concluderà il 25 settembre

Miriam Leone si sposa, ecco chi è il futuro marito Paolo Carullo - VanityFair.itL'attrice dopo circa due anni d'amore vissuto nel riserbo più assoluto sabato 18 settembre dirà sì al fidanzato «segreto» di cui si sa pochissimo: siciliano come lei, laureato in Economia, musicista e manager, è talmente riservato da non avere nemmeno un profilo social Auguri MiriamLeone!

Draghi, per la terza volta tra 100 personaggi più influenti secondo il Time - VanityFair.itFra le motivazioni: il suo «whatever it takes» per salvare l’Euro, nove anni dopo, «è più rilevante e stimolante che mai»