Chernobyl, Chicco, Vodka, Area, Jim Smith, Segale

Chernobyl, Chicco

Chernobyl torna a produrre vodka, la segale non è più radioattiva

Chernobyl torna a produrre vodka, la segale non è più radioattiva

21/12/2019 09.46.00

Chernobyl torna a produrre vodka, la segale non è più radioattiva

Ricercatori britannici hanno avviato una distilleria nell’area abbandonata intorno alla Centrale. Il problema oggi è l’economia, non le radiazioni

EmailLa zona di esclusione» di Chernobyl ricomincia a dare frutti. Un gruppo di ricercatori inglesi ci ha seminato un campo di segale e dai chicchi di quelle spighe ha distillato la vodka Atomik, il primo prodotto alimentare proveniente dall’area abbandonata intorno alla centrale nucleare ucraina esplosa il 26 aprile del 1986. «Il risultato? Non è più radioattiva di qualsiasi altra vodka», spiega Jim Smith, professore di Scienze ambientali all’università di Portsmouth, che ha guidato il team nel progetto e punta a dimostrare quanto sia innocuo ormai quel territorio.

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi 18/24 giugno 2021 • Numero 1414 Limoni

L’acquavite artigianale è stata ottenuta dai chicchi di segale cresciuti nell’area sigillata dopo la catastrofe, lievemente contaminati, e dall’acqua raccolta nella zona di esclusione, ma non contiene niente di pericoloso. «Qualsiasi chimico può spiegare che nel processo di distillazione le impurità radioattive restano fra le scorie», precisa Smith. «Abbiamo chiesto ai nostri colleghi dell’università di Southampton di controllare con gli strumenti del loro laboratorio specializzato se c’era ancora radioattività - racconta - e non hanno trovato nulla».

Il disastro di Chernobyl è stato il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nuclearee uno dei due incidenti classificati come catastrofici con il livello massimo della scala, insieme con l’incidente avvenuto nella centrale di Fukushima nel marzo 2011. Ma il suo esito finale è risultato molto meno drammatico di quanto la sensazione collettiva si aspettasse. In particolare il numero delle vittime accertate per le conseguenze del disastro oscilla fra 30 e 65: persone morte nella maggior parte dei casi per colpa della carenza di informazioni sulla gravità dell’incidente, tenuto segreto per giorni dalle autorità sovietiche. headtopics.com

Nel corso del suo lavoro a Chernobyl, a partire dagli anni Novanta, Smith è rimasto colpito dal fatto che le condizioni economicheper le persone sono rimaste ostinatamente disastrose, mentre la natura circostante si è lentamente ripresa. «Esistono punti caldi ancora radioattivi nella zona di esclusione, ma nella maggior parte del territorio la contaminazione è inferiore a quella che si potrebbe misurare in altre parti del mondo con radiazioni naturali relativamente elevate», sostiene Smith. E aggiunge: «Dopo trent’anni penso che il problema più importante dell’area sia lo sviluppo economico, non la radioattività».

Ora la Chernobyl Spirit Company, composta anche da scienziati ucraini, si potrà mettere seriamente al lavoro. Dopo questa prima bottiglia, la società conta di produrne almeno altre 500. «Non c’è più motivo di lasciare queste terre abbandonate», rileva Gennady Laptev, dell’Istituto idrometeorologico ucraino, tra i fondatori della società di produzione di Atomik. «Possiamo usarle in diversi modi e possiamo produrre qualcosa che sarà totalmente privo di radioattività». L’obiettivo della

Chernobyl Spirit Companynon è fare utili, ma aiutare le famiglie che sono rimaste ad abitare subito fuori dalla zona di esclusione, in condizioni miserabili, perché non sono più riuscite ad avviare delle attività economiche.Smith, che lavora nella zona colpita fin dagli anni Novanta, è molto impressionato dal fatto che la natura sia riuscita a riprendersi

, ma i villaggi intorno siano rimasti poverissimi. «Le persone che abitano da queste parti non hanno lavoro né un’alimentazione sana o servizi sanitari decenti», sostiene Smith. Di conseguenza, sono in pessime condizioni, non per la radioattività, ma semplicemente per la vita precaria che conducono. La società punta a devolvere i tre quarti dei propri utili ai locali e a utilizzare il resto per far crescere l’azienda, sperando con il tempo di far tornare qualche investimento in quest’area abbandonata sia dallo Stato che dall’impresa privata. headtopics.com

Sileri, stop ai voli dal Regno Unito se la variante Delta elude i vaccini Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre» Liliana Segre: 'Le parole sono pietre. No all'indifferenza verso chi sparge odio'

19 dicembre 2019 (modifica il 20 dicembre 2019 | 13:14) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Sì come no! E la chiamano atomica, squallidi. Buon inizio, bere per dimenticare ,,,ma le bottiglie di notte illuminano la stanza 😲😜 Notizia! Io nel dubbio continuo a bere l’amaro va... Ve la bevete voi!!! Seee.. mandiamo Hulk ad assaggiare.. Hanno ordinato alla segale di non essere piu' radioattiva e la poveretta ha mostrato buon viso...

Si, la bevi e ti viene solo una strana luminosità natalizia...

Non vede l’autobus fermo, si schianta in moto: è grave in ospedale - La StampaIl 43enne non si è accorto che l’autobus davanti a lui stava effettuando la fermata. Forse sarebbe anche il caso di evitare le livree così chiare.

Sui titoli di stato la Grecia è più affidabile dell’Italia - La StampaMercoledì 18 lo spread fra i titoli di Stato greci e quelli italiani è stato negativo di quasi 6 punti base (ieri in riduzione): il rendimento dei titoli greci a 10 anni è sceso sotto l’1.3% lasciando quello italiano lievemente sopra. Appena quattro anni fa, dopo la crisi dell’Eurozona con più di una ristrutturazione del debito della Grecia e il Paese a un passo dall’uscita dall’euro, era attorno ai 1700 punti. Da tempo il costo del debito greco si stava avvicinando a quello italiano. Ma non è anomalo che sia meno caro indebitarsi per un Paese che, rispetto all’Italia, ha un grado di sviluppo economico-finanziario, tecnologico e commerciale molto inferiore, ha sofferto per anni una tragica crisi che ne ha precipitato il tenore di vita e la credibilità internazionale indebitandolo con le istituzioni internazionali? Proviamo a rispondere guardando a cinque fatti. Primo: i mercati premiano i dati macroeconomici che migliorano in Grecia e peggiorano in Italia. La crescita, nettamente superiore in Italia nel 2015-16, nel 2017 è stata di poco inferiore in Grecia dove dal 2018 è il 2% mentre in Italia è scesa sotto l’1% e va verso zero. Quel che più conta è che per almeno cinque anni la Grecia è prevista crescere più di noi. L’altro successo della Grecia è anche la sua maggior pena, l’«austerità»: l’avanzo del bilancio pubblico al netto del costo del debito. Cresciuto rapidamente fino a più del 4%, è ora sopra il 3% e previsto rimanere sopra il 2% nel prossimo quinquennio. In Italia è meno dell’1,5% e previsto scendere fino quasi ad annullarsi nel 2024. Dunque: per quanti danni abbia fatto l’austerità imposta dai creditori alla Grecia, non le impedisce di crescere molto più di noi e il doppio della media dell’area dell’euro. Il debito pubblico greco è ancora maggiore che in Italia (177% contro 133% del Pil) ma ciò diventa meno importante per i mercati: la maggior crescita e il maggior avanzo di bilancio ridurranno rapidamente la differenza. Secondo: la Grecia è uscita dall

Come comporre il perfetto beauty case per l'inverno 2020 - Glamour.itStanno arrivando i mesi più freddi dell'anno, siete sicure che il vostro arsenale di creme, sieri ed elisir sia pronto a fronteggiare gelo, disidratazione e la mancanza di luce che inevitabilmente toglie all'incarnato l'effetto glow? Se la risposta è no, ecco come aggiornare al meglio il guardaroba di skincare

Perché Meghan Markle non ha più indossato una tiara?Spiegati i motivi per cui Meghan Markle non ha più indossato la tiara, come il giorno del matrimonio

RepUno è il rapper inglese più amato, l'altro è tra le voci italiane più ascoltate. In comune hanno un’infanzia difficile, successo e la lotta al razzismo. Domani, su IlVenerdì in edicola con Repubblica, un incontro unico raccontato da Antonello Guerrera. Due che non sanno fare niente, che non fanno niente e che campano alla faccia di tutti noi!

Da Michael O'Leary ai Barilla, i Paperoni non più miliardariNel 2019 alcuni imprenditori hanno visto diminuire i loro patrimoni a causa di investimenti sbagliati o per il crollo delle azioni in borsa