Che succede se il centrodestra non scioglie il nodo candidatura per il Quirinale

22/01/2022 01.02.00

Che succede se il #centrodestra non scioglie il nodo candidatura per il #Quirinale

Centrodestra, Quirinale

Che succede se il centrodestra non scioglie il nodo candidatura per il Quirinale

La partita si sbloccherà sabato dopo il vertice del centrodestra. Se Berlusconi dovesse decidere di candidarsi Lega e Fratelli d'Italia, al pari dei centristi, darebbero il via libera. Altrimenti si andrà su una figura, come dice Salvini, di alto profilo

- Mario DraghiAGI - La partita del Quirinale per ora si gioca per schemi. Per il Pd c'è il 'piano A', ovvero Draghi, quello B ovverouna convergenza di tutto il Parlamento sul Mattarella bis, e infine quello C, ovvero una figura che faccia da ponte tra centrodestra e centrosinistra. In quel caso il preferito è Amato, ma non si escluderebbe Casini.

Il Movimento 5 stelle per ora non ha scoperto le carte: Conte ha ipotizzato l'ex ministro Severino, nei giorni scorsi non avrebbe chiuso a Casini (le cui quotazioni sarebbero in discesa perché non sarebbe la prima scelta né della Lega né di Berlusconi) che ha il gradimento di Renzi, anche se il leader di Italia viva, al pari di Letta (i due si sono incontrati oggi e

Leggi di più: Agi Agenzia Italia »

24 ore con Elisa Maino a Capri per il Summer Gala di LuisaViaRoma x Unicef

La star di TikTok è la protagonista del primo episodio di 24 Hours With: tra Leggi di più >>

Finalmente si vota di personaggi indispensabili x guidare l'Italia nel passato e nel presente l'Italia ne può fare a meno visti i risultati Niente. Non succede proprio niente. Un grande bluff...

Mai un delfino per il Cav, l’uomo che punta al Quirinale: più re che kingmakerPiù che un delfino direi un merluzzo o tutt'al più un tonno🐟🐟🐟 Con tutti i malanni che ha....... non partecipa nemmeno alle udienze ..,

Quirinale, che cosa potrà accadere se Berlusconi si ritirerà dalla corsaDietro le quinte il problema pare già essere non il «se», ma il «come» del ritiro. Ma c’è dell’altro. Un ulteriore motivo di tensione e sospetto tra alleati è il proporzionale l'Italia smetterà di essere ridicolizzata Berlusconi si ritirerà non appena si sarà reso conto di non avere i numeri, non sopravviverebbe ad uno smacco alla Prodi. Purché se ne vada va bene chiunque.

Quirinale: domani a Roma il vertice del centrodestra, che avrà una posizione 'unitaria e condivisa'In occasione dell'elezione del Presidente della Repubblica, il centrodestra avrà una posizione condivisa e unitaria, rendono noto i partiti dell'alleanza. i partiti terrosti che guadagnano elezioni grazie alla manipolazione massiva e alla corruzione dovuta all'utilizzo di armi elettromagnetiche (modulazione) nascoste dietro a portanti FM ufficiali di radio di paesetti paradisi fiscali.... Berlusconi non è compatibile fare il Presidente specialmente con il CSM, non si perda tempo mancano 3 giorni occorre un soggetto anche femminile, persona pulita preparata e compatibile.

Aké, la rivelazione e la Juve che verràCome successo in passato, anche l’attaccante francese arriva dalla Under 23: contro la Samp ha già dimostrato di poter essere utile ad Allegri

La svolta nell'omicidio di 'Gigi Bici': arrestata la donna che trovò il corpoIl cadavere del 60enne Luigi Criscuolo era stato ritrovato lo scorso 20 dicembre davanti alla casa della donna a Calignano, frazione di Cura Carpignano in provincia di Pavia Viso Incredibile ,dopo come parlava ..

'Le sentenze che ci hanno cambiato la vita': la nuova serie podcast della Corte costituzionaleI giudici costituzionali raccontano le pronunce che hanno fatto la storia. Il primo episodio uscirò il 28 gennaio 😂

© Anticoli Pool / AGF  - Mario Draghi AGI - La partita del Quirinale per ora si gioca per schemi.federico geremicca Modificato il: 20 Gennaio 2022 1 minuti di lettura Kingmaker, significato: espressione che si applica ad una persona che abbia grande influenza in una successione (in origine monarchica), senza poter a sua volta essere un possibile candidato.Con il tuo abbonamento puoi accedere soltanto su un dispositivo/browser per volta.si sono sentiti al telefono: per domani è in programma a Roma un vertice di coalizione .

Per il Pd c'è il 'piano A', ovvero Draghi, quello B ovvero una convergenza di tutto il Parlamento sul Mattarella bis , e infine quello C, ovvero una figura che faccia da ponte tra centrodestra e centrosinistra. In quel caso il preferito è Amato, ma non si escluderebbe Casini. Partiamo da qui perché le parole hanno un loro, preciso significato: ed è certo possibile stiracchiarle, ma non proprio all’infinito. Il Movimento 5 stelle per ora non ha scoperto le carte: Conte ha ipotizzato l'ex ministro Severino, nei giorni scorsi non avrebbe chiuso a Casini (le cui quotazioni sarebbero in discesa perché non sarebbe la prima scelta né della Lega né di Berlusconi) che ha il gradimento di Renzi, anche se il leader di Italia viva, al pari di Letta (i due si sono incontrati oggi e hanno deciso per una comune strategia in Aula , concordando sulla necessità di un patto di fine legislatura), preferirebbe di gran lunga puntare su Draghi. La trattativa dietro le quinte è sul governo, sempre il leader di Iv vede un esecutivo istituzionale, ma al momento anche i nomi di Cartabia e Colao non raccolgono un largo consenso tra le forze politiche. La partita si sbloccherà sabato dopo il vertice del centrodestra. Non si parla esplicitamente di Villa Grande , la residenze romana di Berlusconi sull'Appia antica.

Se Berlusconi dovesse decidere di candidarsi Lega e Fratelli d'Italia, al pari dei centristi, darebbero il via libera. Altrimenti si andrà su una figura, come dice Salvini, di alto profilo . Ma anche i nomi come Casellati e Pera difficilmente otterrebbero una larga convergenza. Il sospetto nell'ex fronte rosso-giallo che sia la prima che la seconda siano delle opzioni in campo magari da spendere alle prime tre votazioni, sempre qualora Berlusconi non dovesse avere i numeri. Ma il Pd ha già detto che non voterà un candidato di centrodestra..

Da qui l'impasse che potrebbe, gioco forza, favorire proprio il presidente del Consiglio . "Ti conviene intestarti Draghi", continua a suggerire una parte di FI al Cavaliere. Ma l'ex premier per ora resiste ed elenca agli interlocutori i motivi per cui a suo dire il premier dovrebbe restare a palazzo Chigi. Draghi non ha detto una parola sul 'dossier Quirinale' in Consiglio dei ministri. Riterrebbe in ogni caso, secondo quanto riferiscono fonti parlamentari della maggioranza, i due temi - quello del Colle e quello del governo - non legati uno dall'altro.

"Alla fine il rischio è che si vada su Draghi e per noi sarebbe un disastro", dice un senatore del partito di via Bellerio. Ma anche nel Movimento 5 stelle il fronte di chi non vuole il premier al Colle 'resiste'.  Articoli correlati .