Caucus Iowa, i risultati definitivi

Per i primi voti Buttigieg è in testa

05/02/2020 03.33.00

Le primarie dem nello Iowa: testa a testa tra Sanders e Buttigieg

Per i primi voti Buttigieg è in testa

EmailPete Buttigieg è in testa, con il 26,9%; Bernie Sanders è vicino: 25,1%. Terza: Elizabeth Warren, con il 18,3%. E solo al quarto posto, staccato, il favorito della vigilia: Joe Biden, con il 15,6%. Nel pomeriggio americano (notte italiana) finalmente arrivano i primi risultati dei «caucus», le assemblee in Iowa. Ma sono ancora dati parziali, perché coprono il 62% delle 1.678 circoscrizioni. Le percentuali si riferiscono al numero dei delegati conquistati da ciascun candidato sul totale dei 41 in palio. Le posizioni in classifica, dunque, potranno cambiare nel corso della notte.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano

Buttigieg cattura i moderatiTuttavia alcune indicazioni sono già chiare: Buttigieg, il giovane sindaco di South Bend, Indiana, ha fatto breccia nell’elettorato e si propone ora come il leader del fronte moderato. La sconfitta dell’ex vice presidente Biden, invece, è netta. Sul versante opposto, Sanders, non ha dilagato, ma la sua partenza è eccellente, considerando che al momento è primo nella graduatoria del voto popolare, con 28.220 preferenze, contro le 27.030 raccolte da Buttigieg. Regge bene la senatrice Warren, che resta pienamente in corsa. Incoraggiante anche il bilancio di Amy Klobuchar, con il 12,6% dei delegati conquistati. Modesto il raccolto di Andrew Yang: 1,1%,con circa cinquemila voti.

Figuraccia mondialeMa l’America, e non solo, è sbalordita per la figuraccia mondiale rimediata dal Partito democratico dell’Iowa. Il sistema dei caucus, le assemblee, è tanto affascinante, quanto complicato. I sostenitori dei democratici scelgono in prima battuta il loro candidato. Se questi ottiene il 15% dei consensi, partecipa alla distribuzione dei delegati. In caso contrario viene offerta agli elettori la possibilità di spostare il consenso su un altro dei concorrenti, «la seconda scelta». Nel 2016 i sostenitori di Sanders accusarono l’organizzazione di aver nascosto le cifre sui flussi da uno schieramento all’altro per favorire Hillary Clinton, che vinse di stretta misura. Quest’anno allora il partito ha cambiato le regole nel segno della massima trasparenza. Alla fine i manager dei «caucus» dovevano riportare i voti ottenuti da ogni concorrente nel primo conteggio e quelli totalizzati nel secondo. Inoltre riferire come sono stati distribuiti i 41 delegati per la Convention in palio nell’Iowa. headtopics.com

Il naufragio della appTutte queste operazioni dovevano essere gestite con una «app» installata sui telefonini dai responsabili delle circoscrizioni. Ma a quanto pare quasi nessuno le aveva testate prima di cominciare le assemblee. C’è chi non è riuscito a scaricarla, chi a inserire i dati. Molti funzionari del partito si sono attaccati ai telefoni, come ai vecchi tempi. Ma dall’altra parte non c’era una centrale operativa pronta a riceverli. Il sistema è andato in tilt. Linee intasate, confusione tra i tabulati cartacei, dati incompleti in arrivo dalle diverse contee. Sulla rete sono fiorite rapidamente le teorie del complotto. Sono stati i russi; sono gli hacker; no, l’establishment ha voluto oscurare la vittoria di Sanders, eccetera. La realtà è più banale: è stato semplicemente un pasticcio colossale. La Shadow Inc., la società che ha ideato l’app, si è scusata pubblicamente. Donald Trump si è inserito con un tweet: «Quando i democratici cominceranno a incolpare la Russia, Russia, Russia per la loro incompetenza per il disastro che è appena capitato nel grande Stato dell’Iowa?»

4 febbraio 2020 (modifica il 5 febbraio 2020 | 00:58) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Occhio a Rita Pavone

Usa 2020, primi risultati Iowa: Buttigieg in testa | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Usa 2020, primi risultati Iowa: Buttigieg in testa | Sky TG24 Forza Buttigieg - Buttiieg, + Buttiglione

Usa 2020, Trump vince caucus repubblicani in Iowa | Risultati dem slittano al pomeriggio - Tgcom24Polemica per il ritardo dei risultato dei voti dei candidati democratici

Primarie Usa, i caucus in Iowa in diretta: la sfida Biden-SandersParte la corsa per la conquista della nomination democratica nel piccolo Stato agricolo del Midwest che può decidere chi sarà il futuro inquilino della Casa Bianca

Caucus Iowa, primarie democratiche al via. I favoriti: Sanders, Biden e ButtigiegDodici candidati in lizza per la nomination democratica. Lo Iowa, un piccolo stato poco rappresentativo degli Stati Uniti seppur storicamente con un peso nella scelta dei candidati, inaugurerà con poco più di 3 milioni di abitanti le candidature rosse. Tra i nomi ricorrenti ci sono l'ex vicepresidente Joe Biden, i senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, e il sindaco di South Bend Pete Buttigieg Quello che conta è che ci sia almeno 1 candidato dalla forte personalità e un idea di programma che piace ai votanti. Se invece tutti si prodigano a insultare Trump, è meglio che lo neutralizzano con la destituzione anticipata dalla presidenza. Rosse?

Chi sono (e cosa vogliono) gli 11 democratici in corsa in IowaI due più giovani hanno 38 anni, quattro sono settantenni. Due miliardari, un socialista e tre donne. Solo uno di tutti loro emergerà vincitore da quattro mesi di caucus e primarie. E sfiderà Donald Trump il prossimo 3 novembre GLNtw spieghi tu che Mike Bloomberg non corre, di fatto, per le primarie in Iowa? mi spiegate perché asserite che Bloomberg corre in Iowa quando non è così?

I caucus del piccolo Iowa sono alle porte. Ecco le ragioni della loro importanzaOltre 1.600 assemblee tra pianure gelate mettono alla prova la stoffa dei candidati e delle loro campagne presidenziali