Caso marò, l’arbitrato internazionale dà ragione all'Italia. All’India solo un risarcimento

Caso marò, l’arbitrato internazionale dà ragione all'Italia. All’India solo un risarcimento

02/07/2020 22.46.00

Caso marò, l’arbitrato internazionale dà ragione all'Italia. All’India solo un risarcimento

Secondo i giudici dell’Aja la giurisdizione del caso Enrica Lexie, avvenuto nel febbraio del 2012, è del nostro Paese. L'Italia però “ha violato la libertà di navigazione e dovrà pertanto compensare l'India” per la morte dei due pescatori

4' di letturaSul caso marò, il Tribunale arbitrale internazionale dell'Aja ha dato ragione all'Italia. I giudici hanno riconosciuto “l'immunità” dei Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone accusati di essere i responsabili della morte di due pescatori nella notte del 15 febbraio 2012 al largo della costa del Kerala, Stato dell'India sud occidentale. All'India viene pertanto precluso l'esercizio della propria giurisdizione nei loro confronti. Il Tribunale ha riconosciuto che i militari erano funzionari dello Stato italiano, impegnati nell'esercizio delle loro funzioni, e pertanto soggetti alla legge “di bandiera”. Lo rende noto la Farnesina.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Valentine Jelastine e Ajeesh Pink, imbarcati sul peschereccio indiano St. Joseph, furono scambiati per pirati e uccisi da colpi di arma da fuoco provenienti dalla petroliera italiana Enrica Lexie, con a bordo un gruppo di marò della Marina militare quale scorta contro gli attacchi in mare, frequenti nella zona. Sull'incidente le autorità indiane hanno mantenuto sempre una posizione rigida, manifestando una netta contrarietà al trasferimento in Italia dei due fucilieri italiani in attesa della definizione dell'arbitrato.

Girone: da 8 anni nel limbo, ora siamo felici“Siamo felici che ci sia stata riconosciuta l'immunità funzionale e la giurisdizione italiana sul caso. Eravamo da otto anni e mezzo sempre nel limbo di questa vicenda”. Così il marò Salvatore Girone dopo il verdetto del Tai dell’Aja. “L'immunità riconosciuta - ha poi aggiunto - mostra che avevamo dunque l'immunità funzionale dal primo giorno di questa querelle. L'India ha fatto quello che non doveva fare, limitando le nostre libertà e tenendoci anche in prigione. Ho subito una grande ingiustizia da parte degli indiani”. headtopics.com

Contatti diretti per un accordoLa giurisdizione del caso Lexie è dunque dell'Italia. Inoltre, secondo il Tribunale, costituito all’Aja nel 2015 presso la Corte permanente di arbitrato, “l'Italia ha violato la libertà di navigazione e dovrà pertanto compensare l'India per la perdita di vite umane, i danni fisici, il danno materiale all'imbarcazione e il danno morale sofferto dal comandante e altri membri dell'equipaggio del peschereccio indiano Saint Anthony”, a bordo del quale morirono i due pescatori del Kerala. “Al riguardo, il Tribunale ha invitato le due Parti a raggiungere un accordo attraverso contatti diretti”. L'Italia, sottolinea ancora il ministero degli Esteri, “dovrà esercitare la propria giurisdizione e riavviare il procedimento penale sui fatti occorsi il 15 febbraio 2012, a suo tempo aperto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma”. A suo tempo, la Procura militare della Repubblica iscrisse i due Fucilieri nel registro degli indagati per il reato di «violata consegna aggravata e dispersione di oggetti di armamento militare».

Giudizio sulla giurisdizione e non sui fattiLa Farnesina ricorda che i Fucilieri di Marina Latorre e Girone hanno fatto ritorno in patria dall'India, rispettivamente, il 13 settembre 2014 e il 28 maggio 2016 e che il Tribunale Arbitrale era chiamato a pronunciarsi sull'attribuzione della giurisdizione, e non sul merito dei fatti occorsi il 15 febbraio 2012. Italia e India si erano di conseguenza impegnate a esercitare la giurisdizione una volta attribuita a una delle due parti. L'Italia, prosegue la nota, è pronta ad adempiere a quanto stabilito dal Tribunale arbitrale, con spirito di collaborazione. La Farnesina sottolinea che la decisione del Tribunale arbitrale lascia impregiudicato l'accertamento relativo ai fatti e al diritto per quel che concerne il procedimento penale che dovrà svolgersi in Italia. In chiusura, la nota esprime “apprezzamento per l'efficace lavoro svolto in questi anni dal team legale a tutela dell'Italia nelle sedi giudiziarie indiane e internazionali”.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Risarcimento senza processo. Mah! Indiani di merda. Il vero problema è che i due Marocco non avrebbero dovuto essere mai consegnati alle autorità indiane. Al di là delle loro responsabilità che vanno approfonditamente accertate con regolare processo. Cordialmente. Fs

Samsung Galaxy A31 arriva in Italia: prezzo e caratteristicheLeggi su Sky TG24 l'articolo Samsung Galaxy A31 arriva in Italia: prezzo e caratteristiche

Non è la Rai: 25 anni l'ultima puntata del programma cult di Italia 1Non è la Rai. 25 anni l'ultima puntata del programma cult, era il 30 giugno 1995 e le ragazze di Non è la Rai dicevano addio al programma fenomeno.

Italia e Unione europea La via possibile per il MesAl Consiglio europeo del 16-17 luglio saranno prese le decisioni fondamentali per i prossimi sette anni La via rettale, senza dubbio Questo ha preso il posto di Berlusconi gratuitamente.

La crisi da coronavirus rilancia la corsa al litigation funding in ItaliaFondi di investimento e grandi studi legali registrano un aumento di richieste di cessione delle cause: trend legato anche all’emergenza sanitaria

Christie's Italia va online con Nilufar

Beatrice di York vuole trasferirsi in Italia con il fidanzato Edoardo Mapelli MozziLa principessa e il futuro marito vorrebbero lasciare definitivamente la Gran Bretagna a causa delle continue ripercussioni dello scandalo Epstein. E in una videocall fatta a una charity ha rivelato: «Durante il lockdown ho avuto paura di essere lasciata sola con i miei pensieri»