Carta di identità o no, sui social serve davvero più trasparenza

Carta di identità o no, sui social serve davvero più trasparenza

30/10/2019 11.14.00

Carta di identità o no, sui social serve davvero più trasparenza

La individuazione, o almeno la individuabilità, della provenienza dei messaggi pare indispensabile per aumentare il tasso di trasparenza della comunicazione in rete

Leggi di più: IlSole24ORE »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Hanno gli indirizzi IP e gli SMART..sanno perfettamente dove è chi siamo. Voi del Sole non capite una mazza siete patetici. I politici usano i social perchè sono gratuiti, e perchè sono numerosi. Pensate realmente che schedando la gente non si svuoteranno e andranno da qualche altra parte dove non ci siete voi a rompere i coglioni con le carte d'identità?

Da fastidio sentire la voce della verità! Evvai con la dittatura social ! Già perché forse governano per caso quelli dei social e le cose vanno male ?

Scoperto un alloggio dove i tossici custodivano la refurtiva per comprarsi la dose - La StampaArrestato il pusher, cinque denunciati per ricettazione e furto di energia elettrica.

La Brexit slitta ancora: Johnson prova la carta delle elezioni anticipate, ma viene bocciata in Parlamento - Tgcom24La Camera dei Comuni ha respinto la mozione presentata dal governo britannico per ottenere le elezioni politiche anticipate il 12 dicembre. Bruxelles sposta ancora la deadline per l'uscita di Londra dalla Ue Vuole entrare nel Guinness dei primati per sconfitte parlamentari? 👊 continuando così non ci sarà nessuna Brexit… anche la politica britannica... Merde europeiste

Campi nomadi, la stretta della Regione: “Stop all’abusivismo, una garanzia anche per loro” - La StampaFabrizio Ricca: “Stiamo facendo partire una rivoluzione che diventerà un punto di riferimento per il resto del Paese”. Perché non le censiscono e fanno controlli a tabula rasa dove prendono i soldi?

Torino, la statua di Quintino Sella si sposterà al Politecnico - La StampaTORINO. Farà ritorno a casa, dopo una sosta provvisoria durata 87 anni in un’aiuola di corso Massimo d’Azeglio. A differenza di molti altri, il soggetto non compie nessun gesto eroico. La statua in bronzo di Quintino Sella, ingegnere e statista biellese che 160 anni fa esatti, era il 1859, fu tra i fondatori della Scuola di Applicazione degli Ingegneri, l’antesignana del Politecnico di Torino, osserva una semplice pietra. Realizzata dallo scultore Cesare Raduzzi, l’opera fu inaugurata nel cortile del castello del Valentino a dieci anni dalla morte di Sella il 14 marzo del 1894, raccontano le cronache del tempo, «sotto una pioggia insistente e noiosa». Rimase lì per 38 anni. Poi, nel 1932, in seguito a una deliberazione del Podestà di Torino, Thaon di Revel, il monumento fu trasferito dal cortile del castello a un’aiuola poco distante. Finalmente, dopo quasi un secolo, il prossimo 7 novembre, giorno dell’inaugurazione del Festival della Tecnologia organizzato dall’ateneo torinese, la statua verrà collocata nel cortile della sede di corso Duca degli Abruzzi, vicino all’ingresso dell’aula magna, e lì resterà per sempre. L’operazione è stata resa possibile da un’intesa fra Politecnico, Comune di Torino e fondazione Sella. Statista, alpino, banchiere e studioso, Quintino Sella fu uno di quei camaleontici uomini ottocenteschi che contribuirono alla costruzione dell’Italia. Lo stesso Sella, tra le altre cose, fece parte della commissione che produsse la «legge Casati» del 1859. La statua, custodita in questi giorni nello studio di architettura Thierry Radelet, che l’ha restaurata grazie al contributo della fondazione Sella, «verrà posizionata nel cortile del Poli in modo che Sella, come fosse un normale professore, circondato da migliaia di studenti, possa continuare a osservare il suo minerale in un contesto che gli dia maggiore credibilità» spiega il professor Sergio Pace, docente di Storia dell’architettura al Poli e membro della commissione che si è occupata del trasfe Fenomeni paranormali.

Elena Santarelli e il figlio Giacomo dopo la malattia: «La nostra vacanza, io e te»La modella e showgirl ha pubblicato su Instagram uno scatto insieme al figlio che ha affrontato e vinto la battaglia con il tumore che lo aveva colpito

Brexit, la Ue concede il rinvio al Regno Unito - La StampaTusk: estensione flessibile fino al 31 gennaio. Johnson presenterà oggi la mozione per le elezioni anticipate il 12 dicembre. È una gabbia l’inutile UE