Caro Bollette, Cingolani: 4 interventi in attesa di un provvedimento ad hoc

Il ministro della Transizione ecologica al question time alla Camera: il governo pronto ad intervenire sul caro energia. Troppo dipendenti dall'estero

19/01/2022 19.19.00

Aste di energia rinnovabile, fotovoltaico, idroelettrico, valorizzazione del gas naturale e riduzione del peso degli oneri di sistema: gli interventi allo studio per evitare il caro-bollette nelle parole del ministro Cingolani alla Camera

Il ministro della Transizione ecologica al question time alla Camera: il governo pronto ad intervenire sul caro energia. Troppo dipendenti dall'estero

Le misure alle quali sta lavorando l'esecutivo, ha spiegato Cingolani, sono una revisione delle regole del mercato elettrico su base europea, che consentirebbe"ai consumatori di beneficiare degli investimenti e dei minori costi dell'energia prodotta da fonti rinnovabili"; l'accelerazione delle installazioni delle fonti rinnovabili tramite"una semplificazione dei procedimenti autorizzativi"; e nuovi incentivi (coperti dal Pnrr e dalle aste energetiche)

Il governo sta lavorando per un intervento per contenere gli aumenti del prezzo dell'energia su diverse direttrici: le aste di energia rinnovabile, il fotovoltaico, l'idroelettico, la valorizzazione del gas naturale nazionale e ridurre il peso degli oneri di sistema sulla bolletta, tramite le cartolarizzazioni. Così il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nella sua relazione di fronte al parlamento per il question time:"Siamo pronti a far fronte a ogni eventuale sviluppo, anche tenendo conto dell'incertezza del mercato a livello mondiale".

Leggi di più: RaiNews »

Crollo Marmolada, le immagini dall'alto - Video

Domenica il crollo del serracco che ha causato la morte di 7 persone, 13 dispersi e 8 feriti Leggi di più >>

Camera, malore in aula per un deputato: seduta sospesaLa seduta dell'Aula della Camera è stata improvvisamente sospesa. Pare che un deputato abbia avuto un malore durante l'illustrazione degli ordini del giorno al decreto super Green...

Camera verso il no sul voto ai positiviLo scontro che si sta consumando in queste ore sull'eventualità di far votare i grandi elettori che dovessero risultare 'positivi' al Covid-19 è il primo, vero terreno di battaglia politica della sfida per il Colle Andassero affanculo Attenti a non sputtanare, dopo Senato e Parlamento, pure la Presidenza! Sinceramente non vedo dove sta il problema. In tutte le elezioni gli elettori che non possono recarsi al seggio possono votare al loro domicilio, caso ospedale ecc. Dove sta la differenza del voto per il Quirinale?

Letta a casa di Conte per sostenere Draghi. Ma intanto Pd e M5s si spaccano alla CameraIl vertice dei leader rossogialli. Il segretario del Pd prova a vincere le resistente di Speranza e Conte intorno all&39;"opzione Super Mario". Intanto a Montecitorio i grillini seguono il centrodestra sul diritto di voto ai positivi, e il centrosinistra va in tilt. L&39;ira di Palazzo Chigi valentinivaler MI PARE EVIDENTE CHE HANNO LIMONATO E SI SONO FATTI LE PUGNETTE INSIEME A CASALINO CHE HA SCRITTO QUESTO TWEET PER TUTTI E TRE

In bilico l'indennità di malattia per la quarantena. Costa 1 miliardo (di G. Colombo)Il Governo lavora alle misure contro il caro bollette: le quattro proposte di Giorgetti Bravi. Così la gente non si fa più un tampone se non in punto di morte Basta togliere la quarantena

Caro bollette, Mise propone di usare proventi delle aste EtsPer combattere il caro bollette nel breve periodo, il ministero dello Sviluppo economico ha proposto a Palazzo Chigi di utilizzare i proventi delle aste Ets, il sistema Ue per l'acquisto di diritti ad emettere CO2. Lo si apprende da fonti governative...

Ristori, caro bollette e cig Covid: gli aiuti allo studio del governoSale da ballo, discoteche, ma anche sport e cinema: il Consiglio dei Ministri del 20 gennaio affronterà le urgenze nell’ultimo decreto legge prima dell’elezione del Capo dello Stato. Confindustria chiede di aprire un tavolo per difendere il patrimonio produttivo L'unico ristoro sensato è lasciarci liberi. Siete voi ad affossare tutto..cosa volete aiutare 🤡🤡🤡🤡🤡🤡 pregliascoingalera BoicottaGreenPass Fuoridalcoro GovernoCriminale DRAGHIINGALERA beppesevergnini

(Camera dei Deputati) Le misure alle quali sta lavorando l'esecutivo, ha spiegato Cingolani, sono una revisione delle regole del mercato elettrico su base europea, che consentirebbe"ai consumatori di beneficiare degli investimenti e dei minori costi dell'energia prodotta da fonti rinnovabili"; l'accelerazione delle installazioni delle fonti rinnovabili tramite"una semplificazione dei procedimenti autorizzativi"; e nuovi incentivi (coperti dal Pnrr e dalle aste energetiche) Il governo sta lavorando per un intervento per contenere gli aumenti del prezzo dell'energia su diverse direttrici: le aste di energia rinnovabile, il fotovoltaico, l'idroelettico, la valorizzazione del gas naturale nazionale e ridurre il peso degli oneri di sistema sulla bolletta, tramite le cartolarizzazioni. Così il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, nella sua relazione di fronte al parlamento per il question time:"Siamo pronti a far fronte a ogni eventuale sviluppo, anche tenendo conto dell'incertezza del mercato a livello mondiale". Accumulare l'energia in"maniera stagionale" "Fermo restando l'obiettivo di giungere a un sistema energetico pulito, è necessario nella fase transitoria incrementare soluzioni che consentano di accumulare l'energia in maniera stagionale". Cingolani spiega le linee di indirizzo del governo per fronteggiare il caro bollette: interventi volti a trovare soluzioni transitorie che possano"compensare eventuali carenze di approvvigionamento". Rischio di offuscare l'intervento sulle bollette del governo "L'eccezionalità della situazione rischia di offuscare l'efficacia delle azioni messe in atto dal Governo", ha sottolineato il ministro, indicando la necessità di valutare"ulteriori misure di carattere prettamente strutturale".  Le misure su cui lavora l'esecutivo Fra queste, Cingolani indica: promuovere una revisione delle regole del mercato elettrico su base europea. Questo consentirebbe"ai consumatori di beneficiare degli investimenti e dei minori costi dell'energia prodotta da fonti rinnovabili", accelerare le installazioni delle fonti rinnovabili tramite"una semplificazione dei procedimenti autorizzativi", nuovi incentivi (coperti dal Pnrr e dalle aste energetiche). Troppo dipendenti dall'esterno "Paghiamo un prezzo elevatissimo per la nostra dipendenza dalla fonte primaria - aggiunge Cingolani - e abbiamo un 'energy mix' troppo dipendente dall'esterno, anche se per fortuna abbiamo differenziato le sorgenti più di altri". Paghiamo - secondo il ministro -"scelte energetiche del passato pesantemente sbagliate". E snocciola esempi: nel 2000 producevamo 16,8 miliardi di metri cubi di Gas, mentre lo scorso anno"ne abbiamo prodotti solo 3 di miliardi".    Proteggere i consumatori più esposti Secondo il ministro occorre proteggere i consumatori"più esposti" dal caro energia, con azioni mirate"in contrasto della povertà energetica", e sottolinea l'importanza dell'istituzione di un Osservatorio nazionale. Proteggere i clienti vulnerabili. Riunione con Draghi, Giorgetti e Franco Subito dopo l'intervento in parlamento, Cingolani è andato a Palazzo Chigi, dove è iniziata una riunione sul caro-energia con il premier, i ministri dell'Economia Daniele Franco, dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, oltre al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli e il consigliere economico del premier, Francesco Giavazzi. Riunioni che si stanno susseguendo in questi giorni, in vista del consiglio dei Ministri calendarizzato per domani, e che potrebbe varare nuove misure per calmierare gli aumenti delle bollette di luce e gas.