Tangenziale, Rifornimento, Gestore, Carburante, Raccordo, Rete Autostradale

Tangenziale, Rifornimento

Carburanti, gestori; da mercoledì chiusura impianti autostrade

I benzinai e lo spettro dello sciopero da domani, ma il premier assicura: «Carburanti...

24/03/2020 23.17.00

I benzinai e lo spettro dello sciopero da domani, ma il premier assicura: «Carburanti...

La minaccia dei distributori: «Da mercoledì notte chiusi i rifornimenti della rete autostradale , raccordi e tangenziali. E via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria»

diRedazione Economia24 mar 2020«Filiera alimentare e i carburanti sempre garantiti» dice il premier Conte rispondendo all’annunciato sciopero dei benzinai. Gli impianti di rifornimento carburanti infatti cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria. Lo affermano in una nota Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc/Anisa Confcommercio sottolineando il fatto che nonostante la drammaticità della situazione oltre 100.000 gestori in tutta Italia hanno finora assicurato la distribuzione di carburante. «In un Paese che, malgrado i limiti strutturali e l’assoluta drammaticità della situazione, cerca e spesso trova il modo per far scattare meccanismi di solidarietà, c’è una categoria di persone, oltre 100.000 in tutta Italia, che, senza alcuna menzione, ha finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone. 100.000 persone che hanno continuato a fare il loro lavoro (ridotto mediamente dell’85%) a rischio della propria incolumità e mettendo in pericolo la propria salute, presidiando fisicamente il territorio, rimanendo dove sono sempre state e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarle ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada», scrivono nella nota.

Gilet arancioni in piazza a Roma: “Il covid è un bluff della finanza mondiale” Insegniamo l’ecologia a scuola Lutto per Nainggolan: la nipote morta di cancro

«Assicurare i rifornimenti sel service»Si muovono anche il ministero dei trasporti e il garante degli scioperi. La Ministra dei trasporti, Paola De Micheli, e il Ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli sono al lavoro per una intesa tra i concessionari e i benzinai. Lo si legge in una nota, in cui si precisa che i gestori potranno concordare con i concessionari autostradali periodi di apertura alternata. Dovranno essere, in ogni caso assicurati, i rifornimenti in modalità self-service. Il garante invece esprime « il fermo invito a tutte le organizzazioni sindacali, fino al 30 marzo 2020 a non effettuare scioperi che coinvolgano i servizi pubblici essenziali»

La protesta dei gestori«E forse, proprio per questa ragione, queste 100.000 persone risultano essere letteralmente invisibili, presenza data per scontata, indegna persino di quella citazione che di questi tempi non si nega a nessuno», prosegue la nota. «Noi non siamo certo eroi, né angeli custodi - proseguono i gestori aderenti a Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc/Anisa Confcommercio - ma nessuno può pensare di continuare a trattarci da schiavi, né da martiri. Siamo persone con famiglie da proteggere, cittadini tra gli altri che sanno di dover assolvere ad una responsabilità di cui non si vogliono spogliare, ma a cui non può essere scaricato addosso l’intero carico che altri soggetti, con ben altri mezzi, disponibilità economiche e rendite, si ostinano ad ignorare. Noi, da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio. Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria. Correremo il rischio dell’impopolarità e dei facili strali lanciati da comode poltrone, ma davvero non abbiamo né voglia, né la forza per spiegare o convincere delle solari ragioni che ci sostengono. Chi volesse approfondire può chiedere conto a governo, concessionari autostradali, compagnie petrolifere e retisti indipendenti: a ciascuno di essi compete fare per intero la propria parte se si vuole assicurare la distribuzione di benzina e gasolio».

Leggi di più: Corriere della Sera »

Non basta assicurare. Bisogna arrestare chi minaccia questo tipo di sciopero. Stanno creando panico.

Teleconsulti e videochiamate, la proposta di Cidimu durante la quarantena da coronavirus - La StampaUna piattaforma telematica che permette di ottenere una consultazione medica da casa.

Lega Calcio al lavoro per la richiesta dei danni da fare al Governo - La StampaGià sicura una perdita di 70 milioni. Saranno 700 se salterà l’intera stagione Ma la Lega Calcio, non può andare a fanculo ? Quindi la lega calcio può richiedere i danni e io cittadino no? Qui scoppierà una guerra... Incredibile, dovrebbero invece contribuire loro!!

Coronavirus, la beffa per infermieri e operatori socio sanitari: niente indennità da malattie infettive - La StampaAccade all'Asl To4, la denuncia è del sindacato Nursid.

La malattia, la quarantena, i funerali solitari: la lettera del 1918 (che sembra scritta oggi)La lettera alla sorella di un sopravvissuto della spagnola che il 3 novembre 1918 racconta la malattia in famiglia, la morte di suo padre, le esequie “senza accompagno”, le bare “ammonticchiate”, come adesso.

La Cina sta sconfiggendo il coronavirus: il racconto di Angelica Cheung da PechinoUna quarantena molto rigorosa, rispettata da tutti senza eccezioni. Il direttore di Vogue Cina spiega come, a prezzo di molti sacrifici, la sua città e il suo Paese siano riusciti a superare la fase più grave dell'epidemia da Covid-19: “Sentiamo di essere usciti dall’incubo, ma con apprensione. Non abbiamo voglia di festeggiare, ma siamo sollevati e grati”

Fiat Panda compie 40 anni: la storia e le versioni da comprareLa city car italiana entra negli anta e con cifre contenute si può comprare un pezzo di storia di buon livello collezionistico