Sport%2Ccalcio%2Cserie%20A

Caprari decide nel recupero: la Samp vince a Ferrara, Spal ko - La Stampa

Prima vittoria dei blucerchiati con Ranieri alla guida

05/11/2019 01.10.00
Sport%2Ccalcio%2Cserie%20A

Caprari decide nel recupero: la Samp vince a Ferrara, Spal ko

Prima vittoria dei blucerchiati con Ranieri alla guida

23:11FERRARA. Quando sembra uno 0-0 scritto tra ultima (Sampdoria) e penultima (Spal), al 91' esce il jolly. Igor non recupera una palla da fondocampo, Depaoli la mette in mezzo per Ramirez: colpo di testa ad allungare per Caprari, entrato da due minuti, che sempre di testa spiazza Berisha. E' la zampata della Sampdoria che espugna il Mazza al fotofinish senza in realtà cercare mai davvero la vittoria. Però il colpo da tre punti la rilancia nella corsa salvezza, mentre fa sprofondare la Spal ora ultima assieme al Brescia. E finisce tra i fischi dei fan ferraresi, mentre la curva genovese canta e salta.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini'

Era match da 0-0, con poche emozioni. Invece il brivido è in coda. Spal in partenza con Murgia in regia e Moncini in avanti al fianco di Petagna, Ranieri schiera la Sampdoria col 4-4-2 lasciando in panchina il trequartista Ramirez e l'acciaccato Quagliarella. Il primo tempo fatica ad accendersi, l'importanza della posta in palio si fa sentire. Ekdal prova a costruire, ma non c'è velocità e Murgia riesce a chiudergli le verticalizzazioni per Bonazzoli o Gabbiadini. Che finiscono poi ulteriormente isolati, perché la Spal inizia a spingere e sulla sinistra con Kurtic e Reca mette alla frusta Depaoli e Thorsby. Costretta a stare sulle sue, la Samp stenta ad accompagnare il movimento delle punte e gli sganciamenti sulla sinistra di Jankto. Così Berisha è inoperoso, mentre la Spal seppur più manovriera non trova mai il guizzo. L'unico tiro in porta, di conseguenza è di Reca al 24' su palla persa in disimpegno dai doriani. Audero è attento sul primo palo.

Nella ripresa piglio più vivace in avvio, però zero occasioni. Giusto un diagonale al 5' di Strefezza per Valoti anticipato sul secondo palo da Ferrari. E un gol di Gabbiadini in netto fuorigioco dopo batti e ribatti in area. Mister Semplici prova ad uscire dallo stallo inserendo Floccari e Missiroli, la Spal spinge di più. Chiude la Sampdoria nella sua metà campo. Fiutato il pericolo, Ranieri mette dentro il talento di Ramirez per togliere pressione. Però esce Gabbiadini e quindi Doria sempre con centrocampo a "quattro". La mossa in effetti frena un po' lo slancio estense, che perde pure in lucidità. Ma nulla fa presagire l'epilogo che premia la Sampdoria di Mastro Ranieri.  headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Resta impigliata nel cancello di casa: 18enne muore nel Torinese - La StampaLa vittima ha tentato di scavalcare perché era rimasta senza chiavi.

Serie A, Mediapro fa l’offerta: entra nel vivo la partita per i diritti tv - La StampaSky e Dazn vedono la Lega. L’ad De Siervo: porteremo la proposta in assemblea entro fine mese Spezzatino diritti sempre più odioso

Il surriscaldamento climatico è arrivato nel profondo delle Alpi - La StampaUna ricerca del Cnr documenta come lo strato di ghiaccio si sia sciolto anche nelle cavità più profonde in cui dovrebbe essere perenne.

Novara spuntato, l’Alessandria si coccola Eusepi: il suo gol decide il derby - La StampaQualche patema nel finale per i grigi che comunque meritano il successo e rischiano solo su un paio di tiri da fuori e in qualche mischia

Tik Tok, il social cinese amato dai più giovani finisce nel mirino dell’Fbi - La StampaAperta un’inchiesta sull’acquisizione di un’ applicazione Usa per lo scambio di video. Siamo ahimè, sempre alla casella numero1. Non esistono nativi digitali ma nativi di gadget tecnologici. Xavere1minimo di competenze informatiche e digitali bisogna essere curiosi e studiare. Solo così si acquisisce1grado di consapevolezza maggiore. Vale per ragazzi e per adulti

Ghili filma nonna Vera che lasciò tutti nel kibbutz per andare in ex Jugoslavia - La StampaSarà anche vero che gli scrittori raccontano sempre e soltanto se stessi, ciò che hanno vissuto e ciò che ancora sperano di vivere, ma c’è pure un confine fra l’invenzione e la realtà, che a volte si varca e a volte si lascia dove è, restando su una sponda o l’altra. David Grossman, scrittore cruciale d’Israele, classe 1954 eppure già un classico, ha attraversato una volta quel confine con un libro uscito dopo la morte in guerra di suo figlio Uri, nell’agosto del 2006. E’ stato allora che Grossman ha cominciato a usare la parola «non» in una accezione e con una concretezza tutta diversa da prima. All’insegna di quella negazione era Caduto fuori dal tempo, uscito in Italia nel 2011: una sorta di elegia a più voci, tutta fondata sulla perdita. Un libro strano, indefinibile. Con il suo ultimo romanzo, La vita gioca con me, uscito in Israele nel febbraio di quest’anno e ora in traduzione italiana, Grossman valica di nuovo il confine fra finzione e vita vissuta raccontando una storia avvincente, a volte intrigante a volte felicemente scombinata, ispirata alla vicenda di una anziana donna che Grossman ha conosciuto e frequentato con costanza e affetto, ascoltandola e dando retta al suo desiderio di essere narrata, proprio così come ha fatto lui in questo libro. Eva Panic Nahir è stato un grande personaggio nella ex Jugoslavia. C’è della bibliografia su di lei, sulle sue battaglie per la libertà e per il buon nome del primo marito, tacciato di tradimento al soldo dello stalinismo. Pur di restare fedele al marito e non firmare una falsa confessione, Eva rinunciò al ruolo di madre, cosa che pagò per il resto della vita. Un resto della vita all’insegna della fedeltà alla memoria del suo Rade. Mancata qualche anno fa, protagonista di un documentario prodotto nel 2003 in Israele, Eva visse sempre nel segno di grandi, drastiche scelte che furono puntualmente fonti di solitudine. Una solitudine mitigata, forse, nell’ultimo tratto di vita, grazie a David Grossman e al suo desideri