Camion forza corteo Cobas, muore un sindacalista. Draghi: fare subito luce

Camion forza corteo Cobas, muore un sindacalista. Draghi: fare subito luce

18/06/2021 14.04.00

Camion forza corteo Cobas, muore un sindacalista. Draghi: fare subito luce

Il premier Draghi: «Addolorato, si faccia chiarezza». La diversa visione del sindacato tra autonomi e confederali sta generando forti tensioni nella logistica

8' di letturaLo conoscevano tutti come Abil, il coordinatore dei SiCobas di Novara che è morto investito da un camion che ha forzato un blocco degli autonomi davanti ai cancelli della Lidl di Biandrate, vicino Novara. Secondo una prima ricostruzione l’autista sarebbe poi fuggito per poi essere bloccato dalle forze dell’ordine. A terra è rimasto il corpo senza vita di Abil che aveva 37 anni, una moglie e due figli adolescenti. «Sono molto addolorato per la morte di Adil Belakhdim. È necessario che si faccia subito luce sull’accaduto», ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi. Per il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, «è gravissimo quello che è accaduto» e le circostanze «andranno immediatamente chiarite. Nel settore della logistica stiamo assistendo ad una escalation intollerabile di episodi di conflittualità sociale che richiedono risposte urgenti. Alla famiglia del sindacalista la nostra vicinanza».

Green Pass, Giorgetti: 'Estenderlo serve ad aumentare la libertà'. Letta: 'Salvini su questi temi è totalmente irrilevante' In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Settembre: Bianchi già bocciato: tanta Dad, pochi prof - Il Fatto Quotidiano “A Enrì, sei stanco?” Meloni fa campagna col pilota automatico - Il Fatto Quotidiano

Lo sciopero dei Cobas contro il contratto della logisticaOggi è la giornata dello sciopero della logistica organizzato dai Cobas dove si intrecciano una serie di rivendicazioni che stanno surriscaldando un clima molto teso nel settore. Lo sciopero, a cui farà seguito una manifestazione domani a Roma contro il blocco dei licenziamenti, è contro il contratto collettivo nazionale della logistica firmato dalle 20 associazioni datoriali della logistica (da Anita a Confetra) e dai sindacati confederali, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che ha accordato ai lavoratori un aumento di 104 euro. Ma è anche contro la chiusura dell’hub di Piacenza a cui si appoggiava anche Fedex che ha redistribuito le attività che ruotavano attorno a quel sito su altri siti. Di qui i 280 lavoratori rimasti senza lavoro per i quali è in corso una trattativa su un doppio tavolo, uno con i confederali e uno con gli autonomi che sono il sindacato maggioritario a Piacenza. Ed è, infine, per il riconoscimento dei Cobas come interlocutore ai tavoli sindacali.

Loading...Le rivendicazioni degli autonomiAbbiamo parlato con Aboutabikh Mahmoud che è il coordinatore provinciale di Torino dei Si Cobas per capire che cosa sta succedendo. «Oggi c’è lo sciopero nazionale della logistica contro il contratto che hanno firmato i confederali che hanno rinnovato la parte economica del contratto con 104 euro in 4 anni, di cui 15 euro in arrivo a ottobre. Noi vogliamo aumenti salariali adeguati, con meno ore di lavoro a parità di salario. Poi c’è la questione dei lavoratori del fornitore di Fedex a Piacenza. Non è vero che vogliono sedersi al tavolo col sindacato. Noi siamo il sindacato più rappresentativo a Piacenza ed è con noi che devono dialogare. E diciamo che il sito di Piacenza non va smantellato e che i 280 lavoratori devono essere tutti riassunti dentro la cornice di un accordo collettivo, non attraverso trattative individuali con i lavoratori». headtopics.com

Nei Si Cobas c’è una richiesta forte di inclusione nelle trattative, di cui però non vi è la condivisione dell’impostazione che si deve a una diversa visione del sindacato come dicono le parole di Aboutabikh Mahmoud: «Noi ci basiamo sulla nostra forza, sugli scioperi, sui picchetti e nei magazzini dove abbiamo la rappresentanza ci sono condizioni migliorative rispetto a quelle del contratto della logistica con il ticket mensa di 8 euro e l’applicazione del quarto livello». È una visione del sindacato molto diversa da quella dei confederali ma anche da quella che chiede sedersi a un tavolo sindacale con l’obiettivo di arrivare a una conclusione attraverso la sola forza delle parole. Aboutabikh Mahmoud ci dice però che «noi vogliamo essere inclusi nella trattativa del contratto collettivo nazionale, ma è già stato firmato senza includerci ed è stato chiuso al ribasso». Sui rapporti con i confederali il sindacalista risponde dicendo che «i SiCobas hanno rapporti con i lavoratori e con questa gente che firma accordi al ribasso con i padroni che rapporti vuole che abbiamo?»

Il caso di Tavazzano con VillavescoNon sono esattamente parole che invitano al dialogo, ma l’interlocuzione è utile per capire anche gli ultimi fatti di cronaca che hanno coinvolto i SiCobas. Aboutabikh Mahmoud continua a ripeterci che a Tavazzano con Villavesco (Lodi) i lavoratori sono stati aggrediti dalle guardie della security del fornitore a cui si appoggia Fedex che non ha dipendenti diretti nel sito. Cosa sia successo esattamente la scorsa settimana nel lodigiano, lo diranno le indagini. E a parlare saranno anche le immagini delle videocamere di sorveglianza che chiariranno le dinamiche degli scontri avvenuti nel polo logistico, a cui si sta appoggiando transitoriamente anche Fedex. Puntare il dito contro la chiusura del sito di Piacenza per spiegare tutto, significa vedere solo una parte della storia. Dietro c’è molto di più. C’è la forte rappresentanza dei Cobas che in quell'hub sono il sindacato maggioritario e la loro visione del sindacato, molto diversa da quella confederale, anche nei metodi e nei mezzi utilizzati. C’è la lotta per la rappresentanza, per il riconoscimento del sindacato degli autonomi ai tavoli negoziali. Vissuta come una limitazione dell’attività sindacale. Ma c’è anche una lunga catena di appalti e subappalti che sfocia in mondi di confine. E proteste e picchetti di cui sono solo la punta dell’iceberg le manifestazioni a Tavazzano o lo sciopero nazionale dei Cobas contro il contratto collettivo nazionale della logistica. La chiusura del sito Fedex di Piacenza, cancellato anche da Google maps, e le internalizzazioni si associano così all’inizio di un percorso di normalizzazione di un settore molto variegato.

0Gli 800 internalizzatiNei mesi scorsi, come abbiamo raccontato noi del Sole24Ore, Fedex ha avviato un piano di insourcing (internalizzazione, ndr), di 800 addetti al servizio di smistamento pacchi negli hub nazionali e nelle stazioni di Padova, Ancona, Bari, Bologna, Fiano Romano, Firenze, Napoli Teverola. «Si tratta di assunzioni dirette, fatte dal bacino dei nostri fornitori che hanno già riguardato 150 addetti a Padova, entrati in servizio dal primo maggio, 150 a Bologna dal primo giugno e dal primo luglio altri 120 tra Firenze e Ancona. In ottobre procederemo a Fiano Romano, Napoli e Bari. Il percorso andrà avanti secondo i piani», spiega Stefania Pezzetti, presidente del consiglio di amministrazione di Fedex in Italia. È una scelta strategica «in un momento in cui il mercato richiede un servizio stabile e affidabile e la concorrenza per i clienti è più intensa che mai», continua Pezzetti. Proprio per questo motivo, per ottenere una maggiore affidabilità del network e prestazioni di servizio senza soluzione di continuità, Fedex sta implementando un modello operativo di handling di proprietà e controllato negli hub e nelle stazioni. E nel 2022 aprirà un nuovo hub logistico a Novara per supportare lo sviluppo dell'e-commerce. «La nostra esperienza ha dimostrato che promuovere un senso di appartenenza e garantire un dialogo diretto con i membri del team che lavorano nelle nostre strutture - in tutta l'organizzazione - è essenziale per creare la chiarezza, il coinvolgimento e l'impegno necessari per raggiungere i nostri obiettivi strategici - osserva Pezzetti -.Negli ultimi 5 anni, abbiamo introdotto con successo un modello di gestione diretta simile in altre sedi, al fine di garantire la continuità, l'efficienza operativa e il miglioramento delle prestazioni del servizio». «Il superamento degli appalti e della catena del subappalto è il primo baluardo per il contrasto all'illegalità ed alle forme improprie di utilizzo di cooperative spurie, nel settore - osserva il segretario generale della Filt Cigl, Stefano Malorgio -. E proprio con Fedex il sindacato confederale ha raggiunto un accordo che internalizza tutti i lavoratori degli appalti. Siamo quindi di fronte ad una delle più grandi operazioni di regolarizzazione del settore in Italia che prevede 800 internalizzazioni».

La decisione di chiudere PiacenzaNei mesi scorsi la società ha però deciso di lasciare il sito di Piacenza che è definitivamente chiuso e in fase di smantellamento. A irrompere nel quadro dell’internalizzazione, si colloca un’operazione di riorganizzazione traumatica. «La multinazionale - racconta Malorgio - ha scelto unilateralmente di lasciare il sito di Piacenza e il fornitore che aveva qui. Adesso ci sono circa 280 lavoratori che lavorano per il fornitore che devono avere una risposta occupazionale e di garanzia per il futuro. Non può essere lasciato indietro nessuno». Dal punto di vista occupazionale la scelta non ha avuto ricadute dirette sull'azienda, ma sul fornitore, la Alba (gruppo Lintel) che «si è resa disponibile ad aprire un tavolo con le parti sociali, in cui noi abbiamo dato il nostro sostegno», dice Pezzetti. La vicenda ha coinvolto circa 280 persone e nei due tavoli di trattativa aperti, uno con i confederali e l’altro con gli autonomi, Si Cobas e Usb, la parte datoriale ha offerto un pacchetto con un incentivo all'esodo volontario e un percorso di outplacement, a cui poi seguirebbe la Naspi. La trattativa non ha però avuto ancora una soluzione positiva. Malorgio dice che la strada «deve essere quella della ricollocazione, anche interna, dei lavoratori. Intorno a Piacenza ci sono i più importanti poli logistici del nord Italia, da Lodi, a Pavia, a Peschiera Borromeo. È nella direzione della ricollocazione che bisogna guardare». Una direzione a cui non guardano però gli autonomi che chiedono la riapertura dell'hub di Piacenza. Una scelta su cui però l’azienda non farà passi indietro. «Il sito di Piacenza è stato chiuso perché non funzionale al nostro network - chiarisce Pezzetti -. Abbiamo scelto di processare le attività in altri siti, nell'ambito di una riprogettazione del network nazionale in modo da garantire la sostenibilità della nostra attività in Italia, soprattutto in un momento in cui il mercato richiede un servizio stabile e affidabile e la concorrenza per i clienti è più intensa che mai». headtopics.com

Green Pass, Giorgetti allarga la spaccatura con Salvini: 'Misura per aumentare la libertà e per riaprire, credo che tanti abbiano capito' - Il Fatto Quotidiano Napoli. Si ripete miracolo di San Gennaro, sangue si è sciolto Cagliari, ecco l’inchiesta sulla megavilla di Solinas - Il Fatto Quotidiano

La strategia della tensioneDopo la chiusura di Piacenza sono però iniziati i blocchi e i picchetti continui a Peschiera Borromeo e non solo. Così « il fornitore a cui ci appoggiamo in caso di necessità ha aperto temporaneamente un sito alle porte di Lodi, a Tavazzano», dove ieri c’è stato un presidio e un corteo dei Si Cobas. Sugli scontri di Tavazzano, dove ci sono stati diversi feriti, Pezzetti non rilascia commenti ma si limita a dire che «Fedex condanna qualsiasi forma di violenza. Resta il fatto che così come esiste il diritto di manifestare, esiste quello di lavorare. Bisognerebbe garantire a chi è nei siti di poter lavorare liberamente e in sicurezza». Malorgio, sottolinea che «il fatto che è avvenuto sta coprendo una delle azioni più importanti nel settore e cioè l'internalizzazione di 800 lavoratori. La decisione di Fedex di chiudere Piacenza, però, la contestiamo e chiediamo che si ragioni sulla ricollocazione, anche interna, dei lavoratori».

Sullo sfondo della vicenda piacentina si staglia però anche un'altra questione e cioè la diversa visione del sindacato dei confederali e degli autonomi. E il mancato riconoscimento del sindacato degli autonomi ai tavoli negoziali, come quello del contratto della logistica, che è vissuta come una limitazione dell'attività sindacale. «Fedex però - sottolinea Pezzetti - non detta le regole di appartenenza ai lavoratori. Il contratto che applichiamo è però il contratto collettivo nazionale della logistica che ha determinati firmatari».

Numeri alla mano, Malorgio riconosce che ci sono siti in cui i Cobas sono maggioritari, come Piacenza, ma «il sindacato confederale rappresenta complessivamente oltre l’80% degli iscritti nella logistica e c’è una legge sulla rappresentanza. Semmai occorre un piano della logistica e dell'e-commerce nel quale lo Stato eserciti le funzioni di programmazione e definizione delle condizioni minime per chi in quei siti lavora, a partire dal rispetto dei contratti e del riconoscimento del sindacato. Bene la proposta del ministro del Lavoro Andrea Orlando di un tavolo specifico, con la quale si recupera la lunga assenza della politica da un settore strategico di cui ci si accorge solo in momenti drammatici, ma che rappresenta il 9% del Pil».

Aboutabikh Mahmoud ci lascia perché ha una riunione sulle nuove iniziative dopo l’incidente di Biandrate. Dopo averci gentilmente spiegato le rivendicazioni dei SiCobas ci lascia con una certezza: «Non ci fermamo qui». Leggi di più: IlSole24ORE »

11 settembre: 20 anni che valgono un secolo

Le storie

È un'esortazione rivolta alla magistratura o cosa esattamente? Dichiarazioni di circostanza, il nulla. ah ah Moixus1970 draghi? chi è? ah il servo del duo denaro! stia zitto e goda dei soldi che ha, quello può e deve fare

Novara, camion forza blocco durante una manifestazione per il lavoro, sindacalista investito e ucciso🔴 Camion forza blocco durante manifestazione nel Novarese: sindacalista travolto e ucciso. Autista fugge, bloccato dai carabinieri

Draghi firma il Dpcm sul green pass: valido in tutta l'Ue dal primo luglio | Ma sulle app il certificato non è subito reperibile - Tgcom24Con il documento ci si potrà spostare liberamente da un Paese all'altro e all'interno dei confini nazionali, partecipare a eventi pubblici, accedere alle Rsa. La certificazione disponibile anche in farmacia

Novara, sindacalista investito da tir durante manifestazione. 'Il camion ha forzato il blocco'Era il coordinatore dei Si Cobas Novara Adil, il 37enne italiano di origini marocchine, morto investito da un camion a Biandrate, nel Novarese, durante lo sciopero nazionale in corso alla sede Lidl APRITI CIELO ... un eroe, un martire, una 'Giovanna D'Arco'della rivendicazione sindacale... fate subito i figli orfani onorevoli, vitalizio ad imperituro, dedicategli vie e piazze italiane, fatelo SANTO subito ! Italianucoli...

Recovery: incontro Draghi-von der Leyen negli Studi di Cinecittà - EuropaCinecitta'? Allora è fiction! 😁 L’impresario che va a vedere il cantiere e il capo cantiere scelto dall’impresario che gli e lo illustra…noi i manovali ovviamente Cesare e Cleopatra. Regia di Matteo Renzi. Cinecittà Studios.

Caso AstraZeneca, bocciate Regioni e Cts: gli italiani salvano solo Draghi e FigliuoloPer Euromedia Research Lega primo partito tallonato da Meloni, terzo il Pd. M5s e Forza Italia in difficoltà Quali italiani? Chi? Provate a darli fisicamente in mano agli italiani e vediamo questa salvezza dove finisce. Carta da culo siete e carta da culo morirete.

Green pass, via libera di Draghi per muoversi in Italia e all’esteroIl Dpcm firmato da Mario Draghi sarà illustrato al Consiglio dei ministri. Serve anche per regolamentare la partecipazione a cerimonie e visite in Rsa Ah beh allora...