Coronavirus, Ripresa, Solidarietà, Buon Senso, Rinunce

Coronavirus, Ripresa

Buon senso, solidarietà e rinunce: che terremo quando sarà finita?

Buon senso, solidarietà e rinunce: che terremo quando sarà finita?

02/04/2020 01.19.00

Buon senso, solidarietà e rinunce: che terremo quando sarà finita?

Quello che vale oggi nella clausura varrà domani nell’apertura: la somma delle risposte individuali diventerà reazione collettiva

Per esempio: chi premieremo con i nostri acquisti, nei prossimi mesi?Quando vediamo le sfilate di saracinesche abbassate, oggi, non possiamo non saperlo: dietro a ognuna ci sono spese e preoccupazioni. Una visita in più nei negozi, appena potremo farne, costituirà un incoraggiamento. I negozi alimentari di quartiere, invece, sono rimasti aperti: le nostre sentinelle di fronte al nemico che non si vedeva. Meritano di (ri)diventare un’abitudine, da aggiungere agli ipermercati: grazie a questi e a quelli.

La moglie del poliziotto chiede il divorzio: «Sono devastata» Lockdown, chi ha una casa piccola si è depresso Gilet arancioni: scontri, niente distanze di sicurezza e mascherine «Vogliono venderci alla Cina»

Dove trascorreremo le prime vacanze? In Italia, speriamo.Sarà una decisione importante, perché accoglienza e ristorazione sono stati devastati dall’isolamento obbligatorio. Ogni albergo, ogni ristorante e ogni bar chiuso ha pagato affitti, spese e — almeno in parte — stipendi, senza incassare nulla. Festeggiamo da loro e con loro, quando potremo. Si può fare anche senza affollarsi, all’inizio, perché non vogliamo ricominciare da capo.

Leggi ancheA lezione di umiltà: siamo fragili, ne usciremo unitiQuando il mondo dello spettacolo proverà a rialzarsi, sosteniamolo. Ho scritto ieri al teatro Franco Parenti di Milano, cui sono affezionato, prenotando un abbonamento 2020/2021: voglio esserci, quando piano piano ripartirà. Autori, attori, musicisti, registi, agenti, tecnici e amministratori hanno guadagnato qualche applauso, in queste settimane; soldi no, e non ne arriveranno per un po’. Saprà l’Italia dei troppi eventi diventare l’Italia dei buoni eventi? Stare insieme è terapeutico, ricordiamocelo.

A quali guadagni sapranno rinunciare, imprenditori e aziende, per sostenere dipendenti, collaboratori e professionisti che hanno lavorato in questo periodo, magari rischiando qualcosa? Alcune grandi gruppi — Giovanni Rana, Ferrero, Barilla, Heineken, Lactalis e altri — hanno deciso di premiare i lavoratori, e sono stati applauditi. Ma il momento è difficile per tutti: anche non togliere, quindi, è un regalo. Ma qualcuno, temo, sarà tentato di farlo.

A quali sussidi sapremo rinunciare,se potremo farne a meno? Ogni persona che non chiede aiuto allo Stato consente di aiutare meglio chi di aiuto ha bisogno: un euro in più, una richiesta di meno. In questa materia saremo chiamati a fornire una nuova, enorme prova di senso civico. Se parte la solita gara di egoismi e rivendicazioni, buonanotte.

Ci sono altre grandi decisioni che dovremo prendere, nei prossimi mesi. Saremo pronti a giustificare i tagli alla sanità, a perdonare gli evasori fiscali sistematici, a premiare i politici che li applaudono? Saremo indifferenti davanti al soffocamento delle facoltà di Medicina e delle scuole di specializzazione? Come tratteremo medici e infermieri, quando l’emergenza Covid sarà un ricordo? Saremo aggressivi in un pronto soccorso? Minacceremo — peggio: intenteremo — azioni legali contro medici e ospedali, per non averci consentito di essere immortali? Oppure ci ricorderemo delle facce stanche dietro le mascherine, e delle parole che alcuni hanno sussurrato agli anziani ricoverati, accompagnandoli all’uscita dal mondo?

Pensiamo a tutte queste cose,nelle settimane che mancano alla prima, cauta libera uscita. Il tempo l’abbiamo, e po’ di buon senso dovremmo averlo allenato.1 aprile 2020 (modifica il 1 aprile 2020 | 23:23) Leggi di più: Corriere della Sera »

Con due mesi di ritardo. Ma è possibile che per leggere un articolo bisogna abbonarsi anche in questo periodo?

Carcere, c’è un altro virus: quello dell’inerzia del governoIl coronavirus aggrava la situazione già complicata degli istituti di pena del nostro Paese sscuto Si lasciano le persone oneste senza risorse, senza soldi, senza aiuto, senza futuro, ma ci si preoccupa per i galeotti, gente che ha commesso atti delinquenziali che sta pagando. Questo Paese fa ridere i polli.

Coronavirus, Borrelli: «Sud ancora a rischio. Difficile colmare quel metro»Intervista a Borrelli: «Sud ancora a rischio. Quando sarà finita, difficile colmare quel metro»

Iss, Brusaferro: 'Stiamo arrivando al plateau'Le misure stano funzionando, afferma il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, ma non dobbiamo illuderci che il rallentamento della diffusione ci faccia rallentare le misure di distanziamento sociale No, con l’evento di oggi peggiorerà di nuovo. Quanti erano gli ospiti di Fontana oggi in Fiera? Ecco, contateli già come contagiati per i prossimi giorni. Vi regalo una 'n' ;)

Coronavirus: il Viminale dice sì alla passeggiata con i figli - VanityFair.itl Viminale in una nuova circolare ha aggiunto e chiarito un punto: «I figli potranno fare una passeggiata con uno dei genitori nei pressi della propria abitazione perché si tratta di un’attività motoria e non di uno sport all’aperto»

Quando il principe Filippo disse che rinascendo 'sarebbe voluto essere un virus letale'Il marito della regina Elisabetta, oggi 98enne, lo disse trent'anni fa. Allora fu uno choc, oggi sembra ancora più inquietante alla luce dell'emergenza Coronavirus Mortacci sua...ma non morto?

Coronavirus, buoni spesa e pacchi alimentari: come e per chi - VanityFair.itNon sono solo buoni spesa, ma anche consegna di pacchi di cibo da parte dei volontari e donazioni dei privati. È un piano di solidarietà alimentare