Bologna, gli angeli con la ramazza: “Parchi pieni di sporcizia, dopo il virus qui è il caos'

Bologna, gli angeli con la ramazza: “Parchi pieni di sporcizia, dopo il virus qui è il caos'

24/05/2020 12.55.00

Bologna, gli angeli con la ramazza: “Parchi pieni di sporcizia, dopo il virus qui è il caos'

L’associazione Ventaglio di Orav cura le pulizie con alcuni giovani disabili: “Abbiamo scritto al sindaco, dal Paleotto a Forte Bandiera una

  I colli dopo il lockdown si sono riempiti di immondizia, oltre che di persone. Coi ristoranti in crisi da distanziamento e tanti ancora chiusi, quassù si moltiplicano i picnic a tutte le ore, solo che la riscoperta della natura non va di pari passo con quella della coscienza civica. I cassonetti strabordano, i prati brulicano di cannucce e fazzoletti. "Abbiamo bisogno di aiuto - è la denuncia di Alfonso Ciacco dell’associazione Ventaglio di Orav, che si occupa di mantenere puliti i parchi collinari insieme alla cooperativa Avola e ai volontari Auser -. Bisogna che una pattuglia di vigili intervenga almeno il sabato e la domenica, per fare opera di dissuasione ed eventualmente sanzionare come previsto dai cartelli. La Fase 2 del coronavirus ha cambiato le carte in tavola anche qui: i rifiuti sono aumentati enormemente".

I due ragazzi contro i genitori No Vax: «Vaccinateci, vogliamo essere liberi» Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti» Un mese alle Olimpiadi: le paure dei giapponesi, i sogni degli italiani. Il podcast

  Per denunciare la situazione Ciacco ha scritto anche una lettera al sindaco. Il punto secondo lui è che bisogna cambiare mentalità. "Non possiamo più permetterci di pagare delle persone che vengano ogni giorno a ripulire e raccogliere quello che abbiamo sporcato. I tempi sono cambiati, bisogna che ognuno si riporti a casa la sua bottiglia vuota e il suo cartone. È così difficile? In tantissime oasi naturali già succede". Ecco perché l’associazione ha preparato anche nuovi cartelli plastificati, nel tentativo di convincere gli amanti dei colli a fare uno sforzo: "I tuoi vuoti sono più leggeri di quando erano pieni - si legge -, riportarli a casa per te è facile, è più difficile farlo uno solo per tutti. Il parco è un bene pubblico, è il tuo giardino. Abbandoneresti i rifiuti nel tuo giardino?".

  Le ore previste dall’appalto comunale del verde per i colli non bastano, così da qualche mese Ciacco ha reclutato anche nuovi volontari che raccolgono i rifiuti più piccoli, come i tappi di bottiglia. "Ma la gente non aveva smesso di fumare?", si chiede uno, Franco Righetti, mentre tira su dall’erba l’ennesimo mozzicone. Lui lavorava in ferrovia, sua moglie Claudia alle Poste, con la pensione si sono appassionati al trekking e adesso escono una volta alla settimana armati di un lungo bastone con la pinza. Un altro volontario, Mario Gualtieri, prima lavorava nell’assistenza tecnica di una multinazionale. Con loro ci sono anche quattro disabili psichici, assunti dalla cooperativa Avola in collaborazione col dipartimento di Salute Mentale. Conoscono i sentieri a menadito, sanno che ogni bottiglia dimenticata li aspetterà lì fino alla settimana successiva, richiamandone altre. headtopics.com

Leggi di più: la Repubblica »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Klopp vuole la Premier: “Il calcio pensi positivo, diamo un segnale al Paese”A Liverpool il focolaio del virus, il tecnico: «Ma dopo 10 settimane di stop, è tempo di ricominciare». Prima le scuole!

Effetto crisi, il calciomercato riscopre il baratto: la Juve prova gli scambi per Zaniolo e ChiesaPoca liquidità e plusvalenze necessarie per sistemare i bilanci dopo il virus. Così torneranno di moda gli scambi di giocatori Nelle farneticazioni di mercato l'ex tuttosport rivela le umili origini

Tesina di terza media: da Marie Curie al caos, le scelte degli studentiEcco i trend per gli elaborati che sostituiscono l’esame di terza media: il nero, Calvino, Hayez: paure e prospettive per il futuro dopo il Covid-19 sono i temi preferiti

Mafia, confiscati beni a un prestanome dei boss Provenzano e Lo Piccolo per 150 milioni di euroAd eseguire il provvedimento di primo grado gli agenti della divisione anticrimine della questura di Palermo.

Il giallo della morte di Edoardo, impiccato con le ginocchia sulla sedia: «Non è un suicidio»Il 31enne fu trovato senza vita un mese fa inginocchiato su una sedia. La famiglia: «Troppe cose non tornano». Sequestrati cellulare e computer

Cittadini contro l’inquinamento del fiume Sarno. «Se non ora, quando?»Il primo flash mob dell’iniziativa «Aquamunda» civica con gli sversamenti illegali e l’inquinamento del bacino idrografico