Blog | Storia di Arianna: «Ho denunciato gli abusi e ora lotto per fare la mamma» - Alley Oop

Blog | Storia di Arianna: «Ho denunciato gli abusi e ora lotto per fare la mamma» - @AlleyOop24

24/04/2019 22.22.00

Blog | Storia di Arianna: «Ho denunciato gli abusi e ora lotto per fare la mamma» - AlleyOop24

Una donna vittima della violenza di suo marito che trova la forza di denunciare. Ma che si trova a lottare anche contro i nodi irrisolti del sistema giudiziario

“Il fatto che oggi non prenda più botte, non significa che non sia maltrattata. Ci sono le continue minacce, come quella più dura, più frequente, di portarmi via i nostri figli. I maltrattamenti del proprio compagno sono come un gioco di specchi, tra paura, sensi di colpa, vergogna, speranze. E le stesse cose, gli stessi meccanismi, li sto affrontando ancora adesso con le istituzioni». Non finisce di lottare, Arianna. Ha denunciato per la prima volta quello che allora era suo marito ormai quasi 10 anni fa, pensava così di mettere in sicurezza se stessa e i suoi bambini. Si è separata, ha divorziato. Ha lottato perché i suoi figli non dovessero subire la violenza del padre. «Ma ad oggi – dice con amarezza ma senza rassegnazione – mi sento ancora incastrata in una situazione in cui è lui che orchestra e decide tutto. Sono ancora oggi in balia di quell’uomo, in ostaggio, con il rischio concreto che mi porti via i bambini, da un momento all’altro».

Lega, il capannone di Cormano venduto alla Lombardia film commission per 800mila euro? Fu comprato per mille euro - Il Fatto Quotidiano Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine

Quella di Arianna è una storia che colpisce: una storia di maltrattamenti subiti in casa, da part del proprio marito. Di una donna che, a fatica, come sempre in questi casi, reagisce e denuncia per salvare se stessa e i suoi figli. Che ottiene una condanna per il suo aggressore, in primo grado, senza ombre e senza dubbi.

Una sentenza penale che, però, non conta sul fronte civile: nella separazione e nel divorzio non conta il giudizio penale, la strada del procedimento civile viaggia su un sentiero separato.E così Arianna ha visto i suoi figli affidati ai servizi sociali prima, poi con l’affido congiunto, poi ancora ai servizi sociali. Senza che la violenza che ha subito e contro la quale si è ribellata abbia un peso in tutto questo. Non solo. In sede d’Appello la sentenza viene completamente ribaltata: anni di maltrattamenti si riducono al reato di percosse, a una multa. Un altro schiaffo, che lascia il segno. «Ho denunciato non per punire, ma per salvarmi. Per salvare me e i miei due bambini. Da allora invece di sentirmi più protetta sento che devo lottare sempre di più, ogni giorno». headtopics.com

Arianna, il nome è ovviamente di fantasia, è una donna forte, indipendente, con un lavoro che la porta a viaggiare molto. Incontra un uomo, si innamora, «il classico colpo di fulmine», dice. Lui è affascinante, con una brillante carriera davanti a sé, una professione che gli permette di vantare conoscenze agganci, in un ruolo di potere. Si sposano dopo pochi mesi. In quella prima fase, di idillio, ci sono già un paio di episodi preoccupanti.

Reazioni improvvise, violente e imprevedibili di lui, anche in mezzo alla strada, davanti a testimoni, per questioni futili. Arianna tentenna, in quelle situazioni non lo riconosce, ha dei dubbi. Ma poi mette a posto le cose, tende a vedere quelli come episodi isolati, poco importanti

. «Dopo i primi episodi – racconta – le sue scuse erano infinite, mi faceva quasi tenerezza tanto era dispiaciuto. All’inizio poi erano casi sporadici, diradati nel tempo, che tendevo a rimuovere». Dopo pochi mesi dall’inizio della relazione l’uomo viene trasferito all’estero: Arianna lascia tutto, il suo paese, il lavoro, la famiglia di origine, gli amici e lo segue. La situazione peggiora rapidamente: lei resta incinta, è sola in un Paese che non conosce ed è bisognosa. Lui è il suo unico punto di riferimento. Più lei lo cerca, richiede la sua presenza, più lui la respinge, diventa insofferente e sempre più spesso violento.

Con la nascita dei bambini, due gemelli, la situazione precipita: «Erano botte tutti i giorni. Se mettevo davanti le esigenze dei bambini, rispetto alle sue, scatenavo la sua furia», racconta Arianna con voce ferma. «La mia debolezza di quel momento significava che meritavo il suo disprezzo, meritavo di essere umiliata». Solo dopo qualche mese, con gran fatica, Arianna trova la forza di andarsene, torna in Italia e lì si rivolge a un centro antiviolenza. headtopics.com

Scarpinato: 'Il depistaggio su via D'Amelio è ancora in corso' Caso AstraZeneca, bocciate Regioni e Cts: gli italiani salvano solo Draghi e Figliuolo I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?'

«Nel mio percorso con il centro ho tolto unicità alla mia storia. Ho capito che ero dentro a un esempio da manuale, a una classica storia di maltrattamenti. Le operatrici predicevano ciò che il mio ex marito avrebbe fatto, loro lo sapevano già. E puntualmente le cose andavano in quel modo. Solo lì ho capito che quello era un modus operandi, solo lì ho preso le distanze da quella che pensavo fosse una storia d’amore unica. Solo lì sono riuscita a denunciare».

Da quella prima denuncia sono passati molti anni, i bambini sono cresciuti, ma l’incubo non è finito. A quella denuncia ne sono seguite altre. La sensazione di essere sotto attacco, di doversi difendere, di non essere al sicuro, in questi anni non è passata. Il suo aggressore non ha mai ammesso le sue colpe, nonostante in giudizio siano state presentate prove pesanti. Anzi, è sempre passato al contrattacco violento, anche dal punto di vista legale. Ha ammesso di aver reagito, ma solo una volta, con uno schiaffo, e perché provocato da lei.

In primo grado il giudizio penale è stato netto: l’uomo è stato condannato a diversi anni di reclusione, oltre al risarcimento dei danni.Sul piano civile però le cose prendono un’altra direzione: Arianna ha scelto la separazione consensuale pensando di facilitare così il percorso di allontanamento dal marito, ma così non è stato. Il marito l’ha accusata di alienazione parentale, i figli sono stati affidati ai servizi sociali che in più riprese hanno mandato il messaggio di non volersi né potersi occupare dell’aspetto dei maltrattamenti: «Mi hanno detto che il loro compito era quello di assicurare la relazione tra il papà e i bambini», dice Arianna con un sorriso amaro.

Dopo il giudizio di condanna di primo grado nel processo penale, le cose non migliorano: il riconoscere i maltrattamenti porta alla conclusione che la donna non può «garantire un adeguato accesso alla genitorialità».Un altro schiaffo per Arianna che, oltre a essere vittima di violenza, si trova a dover lottare per poter fare da madre ai suoi figli. headtopics.com

In quel periodo, i bambini riferiscono gli insulti del padre nei confronti della loro madre, soffrono la situazione e mostrano ovvi segni di disagio, mentre Arianna si sente dire che quello con il suo ex marito è un «rapporto conflittuale» e che «i conflitti andrebbero sedati», con un tono paternalistico che certo non si addice a una storia di maltrattamenti. A questo punto arriva però un’altra doccia fredda, la peggiore: l’uomo, nonostante le richieste della procura, viene assolto in appello dal reato di maltrattamenti nel giudizio penale e condannato per il ben più lieve reato di percosse: se la cava con una multa da qualche centinaio di euro e pena sospesa. Di fatto, tutte le violenze pregresse, subite e non denunciate, non sono state considerate nel secondo grado di giudizio. «Non è stato minimamente preso in considerazione il fatto che il desiderio di denuncia non è immediato. Arrivare a denunciare quello che si crede essere il compagno della propria vita è un percorso, a volte lungo. Qual è la donna che denuncia al primo schiaffo?», si chiede Arianna.

Arianna oggi continua a combattere, la sua battaglia, infatti, non è finita: «Ho scoperto risorse interiori che non sapevo neanche di avere, questo è sicuramente l’insegnamento che posso trarre da tutto questo», dice.La sua è la storia di una donna che ha reagito, che non ha voluto subire, ma che non ha trovato sempre quell’ascolto, quella comprensione, quella competenza e quella conoscenza dei meccanismi della violenza proprio in chi era chiamato a proteggerla

Biden-Xi, l'ipotesi di un incontro in ottobre al G20 in Italia Covid, 14enne morto a Moderna. Era stato contagiato a marzo Crop top eleganti, come abbinarli in 10 look di sfilata super chic e facili da replicare

. «Mi ritrovo ad avere ancora paura, anche oggi. Certo, non temo più così tanto l’aggressione fisica, ma mi ritrovo comunque costretta a subire. Spero ancora che la giustizia faccia il suo corso, che sia la verità alla fine a venire fuori. Lo spero per me, per i miei figli, perché altre donne non subiscano quello che ho subito io, perché riescano a proteggersi prima e meglio di me».

Leggi di più: IlSole24ORE »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Blog | Khaled, 'la banalità del male' di un trafficante di esseri umani che non si sente in colpa - Alley OopKhaled, trafficante di immigrati, racconta la Libia come una giungla e il traffico di esseri umani come un business. E si autoassolve.

Fognini scrive la storia del tennis italiano: batte Lajovic e trionfa a MontecarloIl ligure firma il primo successo italiano in un torneo Masters 1000 Finalmente, l'eccentrico rissoso e impenitente decide di giocare invece di straparlare...

Lazio, la storia degli ultrà: dalle croci celtiche agli adesivi di Anna FrankGli striscioni di Piazzale Loreto sono solo l'ultimo episodio controverso che ha visto protagonista la tifoseria biancoceleste: dalle simpatie destrorse degli anni 70 fino alle vicende odierne, viaggio all’interno di una delle curve più discusse d’Italia Sempre i soliti irriducibili ! Lazio Merda! Fenomeni che siete , prima scrivete che sono andati a divertirsi provocando lontano da San Siro, poi descrivete le varie puttanate ma non li chiamate col loro nome. SONO FASCISTI

Storia di Moise Kean, rivelazione dell’ottav scudettoQuando la Juve vinse il primo del ciclo, lui aveva 11 anni e giocava nel Toro giuseppe_masala Riuscirà Allegri a piallare anche lui 😜

La strana storia di una donna che si risveglia dal coma dopo 27 anniUn caso eccezionale che non deve far cadere in equivoci: solo la morte cerebrale permette l’espianto di organi

Gemini Man: storia di un killer incaricato di uccidere... se stesso - Video Gazzetta.itDiretto dal visionario Ang Lee, interpretato da Will Smith, Gemini Man è la storia di un killer professionista coinvolto in una vicenda per lui completamente nuova. Deve confrontarsi con un altro sicario professionista, che in realtà è un suo clone di 25 anni più giovane. Il film arriverà nelle sale il prossimo ottobre, mentre è stato lanciato oggi il trailer

Storia e origine dell'Uovo di Pasqua | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Storia e origine dell'Uovo di Pasqua | Sky TG24 | Sky TG24

Atalanta, Zapata, presente e futuro: ora la storia, poi il mercatoIl colombiano è a soli 3 gol da Pippo Inzaghi, il miglior marcatore della storia nerazzurra in una singola Serie A. A fine stagione Percassi può riscattarlo e pensare a fare plusvalenza Quanfo facciamo un articolo su i like di Cancelo ?

Migranti news: la storia di Mohamed Keita, fotografo e rifugiato | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Migranti news: la storia di Mohamed Keita, fotografo e rifugiato | Sky TG24 e allora ? Da giovane rifugiato all'Inter di Spalletti Caro Mohamed, se sei nato cantastorie e hai trovato il tuo modo per esprimerti con la fotografia - io mi felicito con te. Il mondo ha bisogno di persone sensibili capaci di raccontare. Sii fiero dei tuoi sforzi e dei tuoi successi, non lasciare che qualcuno li strumentalizzi.

E' scudetto Juve: ottavo trionfo consecutivo, come mai nella storiaLa vittoria con la Fiorentina in rimonta consegna alla storia la squadra che negli anni è stata guidata prima da Conte e oggi da Allegri

Blind Connie Williams, la storia del bluesman che non è mai morto L’unico videoIl «fantasma» del misterioso musicista, senza data di decesso, risorge in Rete: cieco, zoppo, calvo e senza denti, di lui non si sa (quasi) nulla