Blog | Ricerca, la Cina pubblica più studi scientifici ma gli Usa resano leader nelle citazioni - Info Data

Ricerca, la Cina pubblica più studi scientifici ma gli Usa resano leader nelle citazioni

11/07/2020 15.42.00

Ricerca, la Cina pubblica più studi scientifici ma gli Usa resano leader nelle citazioni

Nel 2018 la situazione si è ribaltata, Ma gli Usa restano il Paese con il maggiore impatto scientifico

Premessa: stiamo parlando di quantità, di numero di articoli pubblicati, non necessariamente di qualità. La National Science Foundation (NSF) degli Stati Uniti ha pubblicato un’analisi – a partire dal database Scopus, un archivio creato nel 2004 dalla casa editrice Elsevier – che mostra che nel 2018 sono stati pubblicati in tutto

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Paris Fashion Week 2021, le novità più interessanti della moda uomo John McAfee morto in carcere. la storia del fondatore dell'antivirus

il mondo 2.5 milioni di articoli scientifici(compreso l’ambito ingegneristico). Un aumento considerevole, rispetto ai 1.7 milioni registrati dieci anni fa.La produzione globale di ricerca in quel settore è cresciuta del4% circa negli ultimi dieci anni

eil tasso di crescita della Cina è risultato il doppio della media mondiale, tanto che anno dopo anno la Cina ha sostituito gli Stati Uniti come primo paese per numero di pubblicazioni scientifiche.Nel 2008 negli Stati Uniti erano stati pubblicati 394.979 articoli su riviste peer-reviewed, contro i 249.049 della Cina. headtopics.com

Nel 2018 la situazione si è ribaltata, con 528.263 articoli pubblicati in Cina (il 20% del totale) e 422.808 negli Stati Uniti(il 16%). L’India è arrivata terza nel 2018 con 135.788 articoli; a seguire la Germania (106.000 articoli), il Regno Unito (99.000 articoli) e il Giappone (98.000 articoli). Se considerati insieme, i paesi dell’Unione Europea (UE) rappresentano un quarto delle pubblicazioni scientifiche, con 622.000 articoli.

E l’Italia?Il nostro paese rappresenta nel 2018il 2,9% degli articoli pubblicati nel mondo, per un totale di 71.240 papers.Il tasso di crescita medio annuo nel numero di articoli varia da paese a paese: negli Stati Uniti ci si attesta intorno all’1%, una crescita rispetto alla media mondiale (4%).

I paesi dell’UE tra i 15 maggiori produttori del mondo (fra cui l’Italia) hanno registrato tassi di crescita annui inferiori alla media globale negli ultimi 10 anni. In Germania dal 2007 il numero di pubblicazioni scientifiche è cresciuto del 2%, nel Regno Unito e in Francia dell’ 1%, in Italia e Spagna del 3%. Tassi di crescita medi annui superiori alla media globale hanno invece riguardato l’Australia (+4% in 10 anni), la Corea del Sud (+5%), il Brasile (+7%), la Cina (+8%), la Russia (+9%), l’India (+11%), e l’Iran (+15%).

Stando a questi dati, anche le collaborazioni internazionali sono aumentate negli ultimi 10 anni. Oltre un articolo su cinque è scritto da coautori provenienti da paesi diversi.La percentuale di articoli scientifici prodotti con collaborazioni internazionale headtopics.com

Galli a La7: 'Mascherina diventata questione politica. Ma ha poco senso prendersela con lei, che è uno strumento, o trasformarla in bavaglio' Covid: nuovo picco contagi Delta in Gb, oltre 16.000 - Europa Haiti, liberato l'imprenditore italiano Giovanni Calì dopo 22 giorni

, vale a dire da almeno due paesi di provenienza, è passata dal 17% al 22% tra il 2007 e il 2017.La leadership degli Usa resta. In ogni modo, l’impatto scientifico complessivo, misurato da quanto le pubblicazioni vengono citate, mostra chegli Stati Uniti sono tra i paesi leader con quasi il doppio delle citazioni

che ci si aspetterebbe dai livelli di produzione statunitensi.Un impatto rimasto stabile negli ultimi 20 anni. Gli autori statunitensi hanno sperimentato una tendenza simile di crescente collaborazione internazionale e hanno collaborato a un ritmo più elevato rispetto alla media mondiale. Il 38% degli articoli prodotti da autori affiliati alle istituzioni statunitensi aveva un coautore internazionale nel 2017, rispetto al 26% nel 2007.

Per quanto riguarda i settori scientifici, su scala globale,il 37% degli articoli analizzati è stato pubblicato da riviste peer-reviewed, atti di convegni e libri classificati.Il 21% afferisce alle scienze mediche, il 15% alle scienze biologiche, mentre gli articoli di ingegneria costituiscono il 18% della produzione globale.

Gli articoli pubblicati dagli Stati Uniti e dai paesi dell’Ue mostrano una specializzazione e un impatto relativamente maggiori nei settori dell’astronomia e dell’astrofisica, delle scienze biologiche e biomediche, delle geoscienze, delle scienze della salute, della psicologia e delle scienze sociali headtopics.com

Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Dall' Articolo si evince che L' Unione Europea 🇪🇺 è la prima al mondo 🌏!

Blog | Tre cose da sapere per innamorarsi su Tinder - Alley OopTrovare l'amore online sembra meno strano, ai tempi del distanziamento sociale, ma occorre conoscere e accettare diverse regole del gioco.

Blog | South Working: il lavoro smart da Sud è utopia o possibilità concreta?South Working: il lavoro smart da Sud è utopia o possibilità concreta? | Post di frabruno88 | via econopoly24 econ24 10luglio --- segui Econopoly - Il Sole 24 Ore frabruno88 econopoly24 Vedere il Sud sempre più spopolato è una vera ferita. Sarebbe bello se molti giovani potessero lavorare da casa e quindi poi far circolare il proprio stipendio nelle regioni del Sud. frabruno88 econopoly24 Questo è il lavoro che non manca frabruno88 econopoly24 Così come per lo smart working, anche il south working non può ridursi a lavorare al Sud o, in senso più ampio, fuori dalle metropoli. Piuttosto deve portare un valore aggiunto ai e dai territori, generando nuovi network e stimolando nuove idee e creatività.

Blog | Instagram istruzioni per l'usoInstagram è foto, stories, live e IGTV, un universo complesso. Ecco i consigli di Orazio Spoto per imparare a usare meglio Instagram, l'app del momento

Blog | Alice Bellandi (judo): 'Noi atleti siamo macchine tarate per i quadrienni olimpici' - Alley OopAlice Bellandi, campionessa di judo, racconta la sfida di un'Olimpiade rimandata e gli obiettivi nella classe senior.

Usa 2020: Facebook valuta se bandire post politici - Tgcom24Secondo il 'New York Times' Facebook starebbe esaminando l'ipotesi di bandire gli spot politici sulla sua piattaforma prima delle elezioni presidenziali di novembre. Il quotidiano cita due persone a conoscenza del dossier. La quest... Vai a farti fottere Facebook!!! In questo modo mandate in rovina Salvini!!! E meno male che Facebook era libero. Stanno facendo come nelle dittature iniziano a mettere paletti, limiti, controlli. Che schifo!!

Dalla realtà al romanzo: tra Usa e Messico, il muro nero che scottaDon Winslow gli dedica l’ultimo dei sei racconti che compongono il nuovo libro: 350 chilometri già realizzati, per arrivare a 800 entro fine anno. La pandemia ha fatto crollare l’immigrazione clandestina, ma la macchina doi Trump non si è fermata guidoolimpio 7Corriere Di fatto prima gli USA 🇺🇸 lo costruirono a Berlino con l'aiuto della Russia ed adesso lo autocostruiscono ai confini del Messico 🇲🇽. guidoolimpio 7Corriere Don come scrittore niente da dire, opinioni politiche da dimenticare come certe newsletter che sappiamo