Blog | Quanto è diffusa la violenza della polizia negli Stati Uniti? In sette anni sono morte 7.663 persone - Info Data

Quanto è diffusa la violenza della polizia negli Stati Uniti? In sette anni sono morte 7.663 persone

04/06/2020 08.53.00

Quanto è diffusa la violenza della polizia negli Stati Uniti? In sette anni sono morte 7.663 persone

In sette anni la polizia americana ha ucciso 7.663 persone. Secondo Fivethitrtyeight si è spostata la geografia degli omicidi dalle città alle periferie

Il secondo, in particolare, mette a disposizione liberamenteche riepilogano quante persone sono state uccise da agenti di polizia dal 2013 al 2019, e che possiamo usare per farci un’idea di massima. Nel complesso, mostrano i risultati dell’archivio, in sette anni la polizia americana ha ucciso

'Io e tanti altri espatriati non torneremo se l'Italia non ci tutela' Vaticano contro la legge Zan: «Viola il Concordato». La Santa Sede scrive una nota ufficiale al Governo Sostegni bis, Confesercenti: 'Fare chiarezza sul perché gli aiuti non arrivano e risolvere il blocco. Per ripartire serve liquidità' - Il Fatto Quotidiano

7.663 persone, ovvero in media 1.100 l’anno e circa 0,34 ogni 100mila abitanti.Si tratta soltanto di una parte dei 15mila e più omicidinegli Stati Uniti, ma comunque significativa considerando che i poliziotti rappresentano una fetta molto piccola della popolazione. Per fare un confronto con l’Italia, secondo

http://dati.istat.it/index.aspx?queryid=3846#Istat gli omicidi volontari consumati dal 2013 al 2018 sono stati in media 0,7 ogni 100mila abitanti. Vuol dire che, in rapporto alle rispettive popolazioni, i soli omicidi compiuti da poliziotti negli Stati Uniti nel nostro paese peserebbero praticamente come metà di tutti gli omicidi volontari. Non c’è modo di sapere quanti di essi siano stati commessi di proposito, e quanti invece involontariamente dalle forze dell’ordine americane, per cui è probabile che il rapporto reale sia in effetti un po’ minore di così. Ma già che sia possibile fare questo paragone e trovare ordini di grandezza simili rende forse la scala della questione. headtopics.com

Un articolo suFivethitrtyeightha cercato di capire come si è evoluto il problema negli ultimi anni, trovando che anche dopo le grandi proteste che fecero seguito all’omicidio di Micheal Brown a Ferguson (Missouri) nel 2014 quanto a numero di morti causate dalla polizia non sembra essere cambiato molto.

Eppure secondol’analisi del sito di data journalisma essersi evoluta èla geografia degli omicidi, che sono diminuiti in maniera significativa nelle grandi città ma cresciuti in egual misura nelle aree suburbane e rurali. Il primo miglioramento, è l’ipotesi, si deve a una serie di riforme relativo all’uso della forza da parte della polizia implementate nei centri principali in seguito ad alcuni casi che avevano raggiunto rilevanza nazionale. “Sembra che soluzioni in grado di ridurre le uccisioni da parte della polizia esistano”, sottolinea l’autore, “il problema è semmai se un’area ha la volontà politica di metterle in pratica”.

Prendendo come riferimento le trenta città più popolose degli Stati Uniti, per esempio, troviamo che dal 2013 al 2019 le forze di polizia hanno ucciso il 30% in meno di persone secondo i dati del progettoMapping Police Violence. I giornalisti del Washington Post hanno compilato informazioni per un periodo leggermente diverso, ma trovando

comunque un calo del 17% dal 2015 al 2019. E anche un’analisi realizzata dallo stesso autore dell’articolo, Samuel Sinyangwe, ha trovato un calo del 37% in 23 delle 30 grandi città – tutte quelle per cui è stato possibile reperire numeri.Ma tutti questi miglioramenti sono stati cancellati da quanto è accaduto nelle zone suburbane e rurali, dove invece la violenza della polizia è risultata in netto aumento. headtopics.com

La letalità del Covid è crollata dell'80% con i vaccini: ora uccide poco più dell’influenza Battiato, un concerto-tributo all’Arena di Verona con le star della musica Medici di base su richiami AZ: “Non firmeremo i consensi” - Il Fatto Quotidiano

Il risultato finale è che, negli ultimi anni, il numero complessivo di cittadini uccisi dalle forze dell’ordine americane resta grosso modo sempre identico.Si tratta di un cambiamento che, sottolinea ancora l’articolo, rispecchia un trend più generale dell’intero sistema di giustizia americano. Da un lato infatti le persone incarcerate risultano in calo all’interno delle aree urbano, dall’altro invece sono aumentate a un ritmo simile in quelle rurali. Lo stesso vale per gli arresti, che di nuovo calano nelle prime aree per crescere nelle seconde. E quando si verificano meno arresti cala drasticamente anche la probabilità di un esito violento dell’azione, come risulta da alcune r

icerche condotte in proposito.Alcune analisi hanno attribuito i miglioramenti a una minore severità nel trattare reati come il possesso di marijuana o la prostituzione, ma anche altre riforme dal lato delle stesse forze delle ordine sembrano aver avuto il loro peso. Gli omicidi compiuti dalla polizia in città come Philadelphia, San Francisco o Baltimora sono calati dopo che tali dipartimenti hanno cominciato a seguire una serie di raccomandazioni del Department of Justice, mentre a Chicago una riduzione della violenza ha fatto seguito a politiche più restrittive nell’uso della forza e un nuovo sistema per far sì che gli agenti siano più responsabili delle loro azioni. Situazioni simili si sono verificate anche in altre importanti città come Denver (Colorado), Phoenix (Arizona) o Dallas (Texas), in diverse delle quali in seguito a proteste avvenute dopo omicidi in circostanze simili a quelle che hanno provocato

la morte di George Floyd a Minneapolis, lunedì 25 maggio scorso.Allo stesso tempo la crescente polarizzazione politica negli Stati Uniti non gioca sempre a favore di queste riforme, con le aree urbane dove spesso a essere più popolari sono i democratici mentre in quelle rurali tendono a prevalere i repubblicani di Trump.

Come sottolinea ancora il progetto Mapping Police Violence, non solo si tratta di un tipo di violenza ben diffusa ma haspesso anche specifiche connotazioni etniche. Gli afroamericani rappresentanoil 24% delle vittime di questo genere di omicidi, benché costituiscano appena il 13% della popolazione. headtopics.com

In tutto il 2019, d’altra parte, ci sono stati soltanto27 giorni in cui la polizia non ha ucciso nessuno nell’intero paese. I numeri compilati dal progetto hanno trovato anche otto grandi città in cui la polizia ha ucciso afroamericani più di frequente rispetto al tasso di omicidi complessivo degli Stati Uniti

. Se nel 2018 in America c’erano stati otto omicidi ogni 100mila abitanti (contro gli 0,5 italiani), a Reno, nel Nevada, il solo tasso di uccisioni di afroamericani da parte delle forze dell’ordine è arrivato a 12. E appunto non è l’unico caso, con altre località come Oklahoma City, Santa Ana o St. Louis dove ha raggiunto comunque il valore di 7-8.

Mascherine, via all’aperto dal 28 giugno: domande e risposte sulle regole da rispettare Uefa nega stadio 'arcobaleno' a Monaco di Baviera: ''No a riferimenti politici'' Piacenza, incidente sull'A1: scontro tra un'auto e due camion. Due morti

La violenza da parte della polizia non sembra neppure riflettere il livello di criminalità presente in diverse zone. Mettendo a confronto il numero di omicidi in capo alle forze delle ordine con quello dei crimini violenti non emerge una correlazione particolare: troviamo talvolta città non particolarmente colpite dal crimine ma con molti omicidi compiuti dalla polizia, o viceversa.

A questo si aggiunge che il 99% degli omicidi compiuti nei sette anni analizzati dal progetto non ha portato all’incriminazione degli agenti coinvolti. Quelli effettivamente condannati sono stati soltanto una piccolissima parte del totale. Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

anni più violenti sono stati quelli sotto presidenza Obama! ... a prescindere (se si può) dal problema razziale, difficilmente vedremo un diverso 'approccio' dei cops americani, almeno fino a quando ogni cittadino potrà passeggiare con un'arma in tasca Eh beh....? E Barack Hussein non ha cambiato nulla nei suoi anni di presidenza?

​Francia: nuova perizia su Traoré, morì soffocato in una caserma dopo l'arrestoIl fatto risale al 2016. La sua morte è diventata simbolo della violenza della polizia in Francia. Migliaia di persone oggi alla manifestazione per Tourè

I cavalli e la Bibbia: le scelte di Trump tra farsa e tragediaIl presidente ha ripreso il centro della scena, mentre le rivolte per la morte di George Floyd dilagano praticamente in tutte le città degli Stati Uniti. RIELEZIONE ANDATA IN FUMO Ridicolo come un pagliaccio triste! Usare la religione come ponte, è di un sciacallaggio dei peggiori. Ma secondo me è stato un signore, avrebbe potuto esagerare ancora di più visto la feccia con la quale ha avuto a che fare, trattasi di terroristi con paghette di soros e Co. Per destabilizzare saccheggiare e distruggere. Non si manifesta in questo modo, il razzismo è un pretesto

“La casa nella prateria” torna in tv: lutti precoci e abusi di droga e alcool come sono ora gli attoriChi non c’è più, chi si è candidata al Congresso degli Stati Uniti, chi si è rilanciata come stand-up comedian: ecco cosa è successo ai protagonisti della serie cult Ma chissene frega perchè non parlate di quello che sta succedendo in America?

Da New York a Los Angeles non si placano le proteste per la morte di FloydContinuano le proteste negli Stati Uniti per la morte di George Floyd, avvenuta durante un fermo di polizia a Minneapolis il 25 maggio scorso

«Non posso respirare»: dalla crisi Covid-19 a George LoydTra i manifestanti a New York, dove alle proteste per la morte dell’ennesimo afroamericano per mano della polizia si vanno a sommare la frustrazione e la disperazione causate dalla quarantena. Su 24+ l'informazione premium del Sole 24 Ore E te pare 😂😂😂 perché su 24+ non ci parlate anche dei bianchi uccisi dalla polizia... sapete ogni anno sono circa il doppio dei neri, sorpresi? Non credo siete solo in malafede! frustrazione da lockdown? ho fatto due mesi di quarantena e non ho saccheggiato nulla... mi spetta un premio?

Estorsione e riciclaggio, arrestato a Roma l’ex senatore De GregorioSecondo quanto si apprende è destinatario della misura cautelare del carcere.