Blog | Perché insegnanti, intellettuali e artisti sono mal pagati o non riconosciuti?

Perché insegnanti, intellettuali e artisti sono mal pagati o non riconosciuti?

16/07/2019 15.29.00

Perché insegnanti, intellettuali e artisti sono mal pagati o non riconosciuti?

In Italia, chi vive di cultura vive di stenti e, spesso, muore di fame. E non c’è spazio per i messaggi trionfalistici e benauguranti

La relazione entro la quale si sviluppano l’economia e il benessere di un paese è costituita principalmente da tre membri funzionali: materia prima, tempo e risultato produttivo. Questi elementi, insieme, appartengono, a una sorta di aggregazione storica inalienabile e, per certi aspetti, naturale, non altrimenti che se esistesse una tendenza inevitabile al ciclo della produzione. La memoria di ciascuno di noi, quand’anche fosse esclusivamente scolastica e indiretta, ne contiene indirettamente parecchi esempi. Già nell’Antico Testamento (RE I) si narra della sontuosa opera di costruzione del primo Tempio di Gerusalemme, per la cui realizzazione Salomone avrebbe importato legna pregiata dalle foreste del Libano, si sarebbe avvalso delle maestranze di Tiro e avrebbe impiegato migliaia di operai.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Anche se, all’epoca, non esistevano ancora un concetto diReturn on Investmentné, tanto meno, una misura delBreak Even Point, in specie nel campo delle opere pubbliche, o, di conseguenza, della spesa in conto capitale, il resoconto storico ci impone due considerazioni. La prima: l’uso della materia prima, il tempo impiegato e il bene finito, poi distrutto e ricostruito nel caso in questione, dimostrano che la produttività è quasi assimilabile a un istinto; la produttività precede lo stesso valore aggiunto. Ed è chiaro che potremmo andare ancora più indietro nel tempo per darne prova. La seconda considerazione è la seguente: sebbene migliaia di anni fa non si redigessero bilanci, pubblici o privati che fossero, il patrimonio che il mondo ha ereditato è stato – ed è – studiato, tutelato e ‘raccontato’ da figure professionali che, al contrario, rappresentano un importante fattore della produzione: il lavoro.

Nell’ambito della relazione descritta in apertura, lo studioso, il ricercatore, il docente, cioè coloro che permettono a un certo patrimonio di esistere, documentandone utilità e valore ed educando altri soggetti al ‘consumo’, diventano deimedia headtopics.com

insostituibili, il cui costo per la Pubblica Amministrazione è ammortato, per così dire, dal mercato della fruizione. Proviamo ad entrare nella materia viva, così da fornire al lettore riscontri tangibili!Qualche anno fa (2009), il massimo esperto italiano di

Economia della Cultura, il professor Walter Santagata, in un proprio saggio per Treccani, scrisse che “nei fatti, l’impostazione tradizionale, che si concentra sulle politiche di welfare e sulla giustificazione dell’intervento pubblico in campo culturale, comporta una sopravvalutazione delle politiche di conservazione a scapito di quelle di produzione di cultura”. A questo punto, vien fatto di chiedersi: qual è il ‘valore’ dell’insegnante di storia e filosofia dei licei che istruisce il discente circa le vicende di realizzazione d’una grande opera o le dinamiche che l’hanno resa possibile? E, soprattutto, qual è il suo ruolo all’interno della relazione tra materia prima, tempo e risultato operativo? Il sintagma

economia della cultura, purtroppo, è quasi del tutto legato a musei e strutture similari, parchi archeologici e gallerie: la sua esplicazione semantica e semiotica, di cui abbiamo testimonianza mediante i report dell’ISTAT e di altri istituti nazionali di ricerca e statistica, non contempla affatto gli interpreti principali della cultura attiva, gli uomini che la producono in una certa unità di tempo, facendo guadagnare alla collettività il cosiddetto risultato.

Quindici anni fa circa,Il libro bianco sulla creativitàattestava che il macrosettore della cultura valeva il 9,33% del PIL, mentre, nell’ultimo biennio, il dato ha oscillato tra il 16 e il 17 per cento. L’impennata è significativa e soddisfacente, specie per un paese che ha sempre fatto gran vanto del proprio primato culturale. A tal proposito, è bene dire che nel quinquennio 2011-2015, la cultura è riuscita a muovere quasi 250 miliardi di euro. Non è un caso, pertanto, che la percentuale di persone occupate in attività culturali retribuite, in Italia, sia discreta, se commisurata agli altri paesi dell’Unione Europea: 3,6%; siamo ancora nella parte medio-bassa della classifica, ma bisogna considerare che, in cima, si trova l’Estonia con un ‘non lontanissimo’ 5,5%. headtopics.com

Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts

EUROSTATA ogni modo, passare in rassegna quotazioni e cifre non è di certo la più utile delle attività da svolgere in questa sede perché sarebbe opportuno, prima d’ogni altra cosa, intendersi sul concetto di cultura e, in particolare, su quello di ‘cultura utile’. Se, come si dice per lo più, la moda è cultura, allora sembra davvero difficile che il tenore di vita di un designer e di uno stilista e, soprattutto, la loro capacità produttiva possano essere paragonati con quelli di un professore o di un ricercatore scientifico. Se il cinema è cultura – e conveniamo tutti che lo è –, allora è altrettanto difficile – ci si conceda la ripetizione! – che il tenore di vita e la capacità produttiva di un attore italiano famoso possano essere paragonati con quelli di un professore o di un ricercatore scientifico. Allo stesso modo, avvalendoci di questo

drivercomparativo, come stimiamo la produttività di un soprano che solca i palcoscenici del territorio nazionale interpretando ora laCarmenora laTraviata, dopo aver dedicato parecchi anni alla formazione e continuando, giocoforza, a studiare e perfezionarsi? E, ancora, cosa dire del teatro, di attori e registi, spesso relegati ai margini della dignità di sopravvivenza?

Analizzando i grandi numeri, con riferimento alle due aree summenzionate, scopriamo che il fatturato aggregato della moda, nel 2017, ha superato i 70 miliardi, mentre l’incasso del comparto cinema, nello stesso anno, è stato di quasi 550 milioni. Il divario è quasi ‘irrazionale’. Ampliando invece le categorie d’impatto economico, non possiamo fare a meno di trattare l’editoria, poiché dovrebbe avere, almeno in linea teorica, un ruolo dominante. Ebbene? In Italia, esistono 1.459 editori, i quali, nel 2017, hanno pubblicato 70.159 opere, determinando un fatturato di quasi 3 miliardi, secondo il rapporto dell’

Ufficio Studi dell’Associazione Italiana Editori. Resta sempre irrisolto e ‘intrattabile’ il problema della risorsa umana, dell’essere umano quale motore di questa vasta e, spesso, inclassificabile produzione. Infatti, siamo pieni di dati riguardanti i musei, per esempio: sono 4.976 quelli aperti al pubblico, come riferisce l’ISTAT; nel 2015, anno record, sono stati visitati da più di 110 milioni di persone e hanno fatto registrare incassi per oltre 190 milioni di euro, ma siamo privi di dati che riguardino il presunto benessere dell’intellettuale. headtopics.com

ISTATGrazie ai risultati raggiunti (…il termine “risultato” riappare continuamente quale occorrenza fondamentale!), di recente, ci si è lanciati in affermazioni trionfali e sicuramente frutto di grande ottimismo e generosità: “Con la cultura si mangia”, “Quasi 2 milioni di occupati nella cultura”, “Cultura come motore dell’economia”

et cetera. Se ne comprende sicuramente l’entusiasmo, ma, parimenti, non se ne può giustificare né constatare l’effettività. Comodamente e sbrigativamente, non faremmo alcuna fatica nel proporre al lettore la curva, nettamente e chiaramente discendente, della

Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Covid, le raccomandazioni dei pediatri: “Vaccinare i ragazzi”

spesa pubblica per cultura e servizi ricreativio gli istogrammi riguardanti l’incidenza sul PILdel medesimo settore produttivo, che vedono l’Italia al quart’ultimo posto nell’UE, tuttavia, così facendo trascureremmo l’aspetto più importante della questione: il fattore umano o, meglio, quello intellettuale e, in taluni casi, artistico.

Spesa pubblica per cultura e servizi ricreativi (euro pro capite, valori costanti 2010)Per dirla in parole povere: quanto prende quell’insegnante dei licei di cui abbiamo parlato precedentemente in termini esemplificativi? Consultando le tabelle fornite da FLC CGIL per amore di precisione, dato che, ovviamente, basta chiedere in giro, sappiamo che, a inizio carriera, percepisce € 1.350,00 netti, mentre, a fine carriera, € 1.960,00. In pratica, a seconda del costo della vita specifico e, di conseguenza, della parte d’Italia in cui vive e delle condizioni personali, il dubbio se cambiare lavoro in fretta e furia può assalirlo molto di frequente. Il ricercatore universitario non se la passa affatto meglio, come si suol dire. Il suo stipendio è quasi uguale a quello del professore delle scuole superiori.

Dunque: se si è in una famiglia monoreddito e si paga un normalissimo affitto, si è in condizioni di povertà relativa, pur avendo dedicato una vita agli studi. E non è necessario incomodare gli esperti dell’EUROSTAT o dell’ISTAT per venirne a capo. Un professore associato fa qualche passo avanti, giungendo a poco oltre i 2.000 euro al mese; il professore ordinario invece raggiunge la soglia dei 3.000: stiamo parlando di cifre nette, esclusi gli scatti d’anzianità.

È sconcertante, a un certo punto, apprendere che un professore a contratto, per un modulo di 30 ore, ‘rischia’ di percepire una cifra che oscilla fra i 3,75 e i 15 euro lordi per ora di lavoro: ne dà notizia un’indagine svolta dallaRete dei Precari per la Didattica e La Ricerca

dell’Università di Bologna. Un disastro inqualificabile e inenarrabile! Si può concludere agevolmente che, in Italia, chi vive d’intelletto vive di stenti e, spesso, muore di fame. E non c’è spazio per i messaggi trionfalistici e benauguranti.

Un po’ di logica elementare ci spinge a fare qualche deduzione: se studiamo l’economia o la chimica o la matematica e la nostra attività si trasforma nell’utile d’una qualche azienda, allora il nostro ruolo nella società è riconosciuto e ricompensato; diversamente, se studiamo le stesse discipline, facciamo delle pubblicazioni scientifiche e ‘insegniamo’ a chi, poi, permetterà a qualche azienda di generare utili, allora siamo considerati come una parte incidentale e indubbiamente poco rilevante del ciclo produttivo.

Qualcosa di altrettanto ‘insopportabile’ accade nel mondo dei professionisti della scrittura: l’Osservatorio sul Giornalismodell’AGCOM (2017) e ilRapporto LSDI sul Giornalismo in Italiariferiscono, rispettivamente, che il 40% dei giornalisti italiani, nel 2015, faceva parte della fascia di reddito con meno di € 5.000,00 euro e 8 giornalisti su 10 della categoria freelance guadagnano meno di € 10.000,00 l’anno. Molti giornali non riconoscono neppure un compenso minimo, laddove molti altri si spingono a pagare il

contributorcon la stratosferica cifra di 3 euro per pezzo. In sostanza, si ignora totalmente il vero motore del ciclo produttivo, quello della conoscenza, sia perché la si dà per scontata sia perché non si è affatto in grado di ridurne la troppo ingombrante area imputazionale in termini di valore aggiunto.

AGCOMNel 1966, William Baumol e William Bowen pubblicarono un testo imprescindibile in materia di analisi dei valori economici dell’arte e della cultura:Performing Arts The Economic Dilemma. Gli studiosi statunitensi, entrambi professori alla Princeton University, dimostrarono che arte e cultura sono afflitte da una sorte di ‘sindrome economica’, di ‘malattia dei costi’, come venne più volte definita, a causa della quale i costi di messa in opera sono insopprimibili e, soprattutto, non si possono razionalizzare all’interno del processo d’evoluzione tecnologica.

L’azienda che si occupa di ristorazione collettiva, per esempio, può ridurre i tempi di produzione e il costo del lavoro con delle macchine che sfornano un certo numeri di pezzi in una determinata unità di tempo. Lo stesso metodo non si può applicare alla messa in scena della

Carmendi Bizet o delRiccardo IIIdi Shakespeare perché attori, autori, registi, cantanti e orchestra non possono essere sostituiti da controfigure meccaniche della produttività.Eppure, non esisterebbe produzione, come non esisterebbero economia aziendale né, tanto meno, PIL, in assenza di coloro che, studiando incessantemente, istruiscono materialmente e concretamente la scena economica. È mai capitato che l’amministratore di un’azienda esortasse i propri manager a dedicare almeno un paio d’ore di ogni giornata lavorativa allo studio?

Leggi di più: IlSole24ORE »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Come i sindacalisti da 20 anni non riconoscono tutti i figli dei lavoratori del settore privato,in modo da non far accedere i genitori a quella parte del loro tfr che la Legge 53/2000 che sostiene le nascite destina ai richiedenti il sostentamento economico ? Perché per le persone il lavoro è manuale e sudare tanto.

a) fare l'intellettuale non è un lavoro mai visto annunci di lavoro per intellettuali b) con gli insegnanti ogni volta che hanno provato ad inserire il merito c'è stata la sommossa del personale docente c) gli italiani considerano arte Sanremo . D) abbiamo finito i soldi !!!! Non solo loro ma tutte i professionisti sono mal pagati! Un esempio i medici sono sfruttati e mal pagati

perche lo stato vuole stupidi schiavi non persone intelligenti capaci di capire le prese in giro governative

Blog | Parità di genere: il tempo che divide maschi e femmine (in Italia) - Info DataQuasi un maschio su quattro dice che, se il figlio si ammala ed entrambi i genitori sono occupati, non è giusto fare i turni per assisterlo

Blog | Occupazione, in Italia abbiamo le casalinghe più colte d'Europa - Alley OopIgnoranti ma non troppo e le donne alzano la media. Le dannoe possiedono almeno un diploma il 63,8% delle donne, contro il 59,7% degli uomini, eppure non trovano lavoro. Un dato che conferma, la discriminazione di genere anche nel lavoro e il mancato sostegno alle mamme lavoratrici, non c'è né da stupirsi, né da esultare per questo AlleyOop24 💋👏

Cybersecurity, perché non ci difendiamo dai pirati?L’Italia è vulnerabile. Per respingere gli hacker c’è mezzo miliardo in 16 anni (contro gli 1,4 miliardi della Francia nel solo 2018). E nel documento governativo 2019-2021 la cifra sale di appena un milione all’anno. Eppure è recente l’aggressione a 500 mila email. Comprese quelle del Comitato per la sicurezza della Repubblica...

Ecco perché Djokovic ha battuto Federer nella partita del secoloIl 16° torneo dello Slam del serbo è arrivato in una finale memorabile, segnata però da alcuni errori di Roger nei passaggi chiave del match. Non è la prima volta che succede Mentre due ragazzini se ne davano di santa ragione sulla pista di Silverstone, pochi chilometri a sud, su un prato verde di Wimbledon, due vecchietti facevano altrettanto. Se le domeniche di luglio ci regalano queste emozioni, le spiagge possono aspettare. gazzetta Wimbledon Grande Finale, se ne volete ascoltare delle opinioni guardate qui:

Candoni: “Savoini è un vero idealista perché crede nella madre patria Russia” - La StampaL’ex vicepresidente di Confindustria Mosca: “Nessuno va al Metropol, quella era una trappola” Come ci credeva una volta il Pc ?

La sorpresa di Palazzo Chigi sulla difesa del ministro “Perché negare l’evidenza?” - La StampaLo staff di Conte ha avvisato il vice della nota che stava per fare: «L’indagine riguarda Savoini, non è a rischio la tenuta del governo» E perché? Il ruggito del 🐰 (no, non il noto programma di RaiRadio2 ma improvviso inatteso coraggio di contechenonconta!) Sapesse GiuseppeConteIT lo stupore degli elettori che volevano un governo del cambiamento e si trovano un premier pd invece di un realDonaldTrump ....