Blog | Perché ai media serve un correttore di pregiudizi - Alley Oop

Blog | Perché ai media serve un correttore di pregiudizi - Alley Oop

09/10/2020 22.01.00

Blog | Perché ai media serve un correttore di pregiudizi - Alley Oop

Tra le professioni del futuro, potrebbe servire un correttore di pregiudizi, che aiuti i media a tenere il passo con la velocità con cui cambia il mondo.

I pregiudizi sono necessari per comprendere la realtà.I pregiudizi sono mappe che ci guidano in territori sempre più complessi e mutevoli: senza pregiudizi non potremmo nemmeno pensare, tale sarebbe la quantità di informazioni che dovremmo processare in ogni momento della nostra vita.

18/24 giugno 2021 • Numero 1414 Limoni Perché difendo il video della funivia

Dobbiamo costantemente “pre-giudicare” ciò che ci circonda: solo se il 99% delle informazioni che ci raggiungono è già pre-classificato come noto, sicuro, associato a qualche significato nel nostro cervello,potremo dedicarci al restante 1% per decidere come comportarci.

La capacità di trasmettere la conoscenza tra le generazioni è ciò che ha reso la specie umana così avanzata: ognuno di noi, nel nascere, beneficia di un insieme enorme di conoscenze implicite ed esplicite, che ci fa partire dall’oggi invece che continuamente dall’originario punto di partenza. Quelle conoscenze sono associazioni intelligenti tra concetti, associazioni che hanno dimostrato di funzionare e di essere utili: per esempio “il fuoco brucia”, “l’acqua disseta”, “una pistola è pericolosa”. headtopics.com

Ogni volta che impariamo qualcosa, creiamo una nuova associazione. E spesso per farlo dobbiamo romperne una precedente.Ma è stato dimostrato, per esempio, che nemmeno i neonati sono tabula rasa: sin dalla nascita portiamo dentro di noi alcune conoscenze condivise dalla nostra specie.

I pregiudizi sono dunque collegamenti tra concetti, che facciamo in modo inconscio in ogni secondo, e che mantengono mappata la realtà in cui viviamo in un modo che ci consente di vivere “normalmente”.Che cosa li produce, che cosa li rafforza, e che cosa può romperli per migliorare il nostro grado di comprensione della realtà?

Esternamente, i pregiudizi si esprimono con i concetti: parole, immagini.Il vocabolario che usiamo è un potente strumento di conoscenza, e quindi anche di pregiudizio.Nasce da qui la lotta per declinare al femminile i nomi delle professioni, quando a compierle sono le donne. Le parole beneficiano di una superstrada verso il nostro cervello: sono veloci nel trasmettere concetti. Ancora più veloci sono le immagini, che si agganciano a un livello di comprensione più immediato e primitivo.

Quello che vediamo, ascoltiamo e leggiamo è terreno di fertile coltura perla creazione e il mantenimento dei collegamenti con cui comprendiamo il mondo.Come in una profezia che si auto verifica, a nostra volta proiettiamo quella mappa nei nostri comportamenti e nelle parole che usiamo ogni giorno, rafforzandola ancora. Ogni pregiudizio è strutturalmente disegnato per auto-confermarsi: perché questo fa risparmiare energie al cervello. headtopics.com

Sileri, stop ai voli dal Regno Unito se la variante Delta elude i vaccini E' morto Giampiero Boniperti, una vita per la Juventus - Sport Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre»

Chi descrive qualcosa per gli altri, sta necessariamente pre-giudicando, nel momento in cui sceglie che cosa dire e che cosa no. Il rischio diventa più alto quando si possono usare poche parole o un’immagine: come far intravedere qualcosa in modo immediato senza affidarsi alle definizioni più note in circolazione? Chi fa comunicazione sa che la finestra di attenzione dell’interlocutore è minima, e che questi è raramente disponibile a soffermarsi in caso di messaggi incerti.

Proprio per questo potrebbe essere interessante per i media, tradizionali e social, introdurreuna nuova figura professionale: il correttore di bias(bias è il nomecooldei pregiudizi). Serve un professionista dedicato a intercettare le innumerevoli volte in cui sviste editoriali rafforzano in modo impercettibile e inesorabile vecchie immagini del nostro mondo.

Non sono mai episodi eclatanti, e la loro dannosità sta proprio qui: sonomilioni di minuscole gocce velenose di obsoletoche ritardano la nostra possibilità di dare forma al nuovo.I giornalisti dibattono da tempo del tema – ne è un esempio il “

decalogosul femminicidio” proposto dal direttore di Repubblica – e sono discussioni che infiammano sempre cuori e talenti. Ma i luoghi in cui si annida un rischio forse maggiore – e quindi può emergere una grande opportunità di creare nuove connessioni tra i concetti – sono quelli in cui c’è meno spazio per spiegare: i titoli, le didascalie, i tweet, e ovviamente le immagini. headtopics.com

Quando una coppia viene assassinata e dalle notizie si evince la professione dell’uomo e non quella della donna, il correttore di pregiudizi se ne accorge e completa il quadro. Quando il Nobel per la fisica viene assegnato a due uomini e una donna, e solo della terza la didascalia cita la condizione familiare (

moglie di, madre di), il correttore di pregiudizi arricchisce le informazioni anche per gli altri due. Se la stessa scienziata si chiama Andrea e unquotidianola declina al maschile, pur avendo accanto la sua foto, il correttore di pregiudizi interviene. E via così. Perché, dicevamo, i pregiudizi non nascono dannosi, ma lo diventano quando, invece di aiutarci a comprendere la realtà, ci mantengono

Stupri di gruppo a Roma, la poliziotta: 'Quando è riuscita a parlare di quella notte, abbiamo pianto insieme. Sotto la divisa sono anche una madre' Euro2020, Yarmolenko sposta le bottigliette ma verso di sé: 'Per favore, contattatemi!' Eriksen operato al cuore: impiantato il defibrillatore cardiaco Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Blog | Lavoro, le persone con disabilità emergono quando il viaggio è “alla pari” - Alley OopAvete pensato al viaggio delle persone con disabilità nel mondo del lavoro?La possibilità di sentirsi 'alla pari'con gli altri viaggiatori fa la differenza!

Blog | Bambini, sempre più davanti agli schermi ma quanto peggiora la loro vista? - Alley OopL'emergenza per la pandemia mette a rischio controlli e prevenzione. L'8 ottobre è la giornata della vista, ecco uno studio sui bambini.

Lorenzo Chiesa e gli insulti su Instagram (perché il fratello Federico è andato alla Juve)Lorenzo ha 16 anni e indossa la maglia della Fiorentina, ma non è stato sufficiente a risparmiarlo dalla furia dei cosiddetti leoni da tastiera. Poteva succedere ovunque ed invece è successo a Firenze. La gente è malata. Ma lo capiscono che dietro alla figura del calciatore c'è una cazzo di persona? Aldilà di quelle che possono essere le scelte da 'calciatore', si rendono conto che hanno una sensibilita e un'anima? Chi scrive quelle cose non merita niente. Non si possono riconoscere e punire a dovere questi cretini? I giocatori vanno nelle squadre che gli danno ingaggi più alti, come fanno tutti i lavoratori. Diverso è la contestazione contro il sistema che elargisce tanti soldi.

Il 16enne Chiesa e gli insulti su Instagram (perché il fratello Federico è andato alla Juve)Lorenzo ha 16 anni e indossa la maglia della Fiorentina, ma non è stato sufficiente a risparmiarlo dalla furia dei cosiddetti leoni da tastiera. Tipica usanza dei tifosi fiorentini, che non accettano di essere una squadra di metà classifica, che ha vinto praticamente mai niente e che non potrà farlo in futuro. Se tutti vanno via, gli viene spiattellato che non capiscono la loro dimensione, un motivo ci sarà. Ridicoli. Insultare è da coglioni, certi personaggi, mi riferisco all' imbronciato, andrebbero ignorati. Questa sarebbe una cosa, che li lascerebbe davvero male, non è cosi' difficile da capire. E poi Chiesa non è Baggio e non sarà mai Antognoni.

Blog | Tregua commerciale USA-UE: un bilancio della guerra dei daziTregua commerciale USA-UE: un bilancio della guerra dei dazi | Post di DottAngiolillo e Flavio Menghini, di smart_inst | via econopoly24 econ24 8ottobre --- segui Econopoly - Il Sole 24 Ore

Blog | La sonificazione della pandemia per ricordare ai negazionisti che il virus c’è - Info DataOgni nuovo caso di positivo nel mondo un ding. L’effetto è quello di un pachinko dell’orrore about every 25 seconds a new asymptomatic case is reported Non esiste mica solo il covid-19. Ogni secondo quanta gente muore di tumore o malattie cardiache? Fatela finita! l'immagine che avete postato e' incompleta (la riposto cosi' vedete). Questo succede con tutte le immagini che twittate.