Blog | I bianchi si laureano ancora molto più dei neri. Il gap etnico dell'università americana oggi - Info Data

I bianchi si laureano ancora molto più dei neri. Il gap etnico dell’università americana oggi

08/06/2020 15.36.00

I bianchi si laureano ancora molto più dei neri. Il gap etnico dell’università americana oggi

Negli Usa ha una laurea triennale il 16% degli afro-americani e il 13% dei latini, contro il 24% degli americani bianchi caucasici adulti.

Si stima che nel 2020 circa il 65% dei posti di lavoro americani richieda una qualche forma di istruzione universitaria, rispetto al 28% del 1973. In generale, i tassi di disoccupazione sono più bassi per le persone con un livello di istruzione superiore, e i loro salari sono più alti.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Euro 2020: Italia-Galles 1-0, azzurri primi nel girone A. LIVE Covid Napoli, festa in terrazza senza mascherina: 96 sanzioni

Rispetto ai diplomati,i laureati triennali hanno quasi due volte meno probabilità di essere disoccupati e guadagnano circa 25.000 dollari in più ogni anno. Inoltre, chi possiede una laurea triennale, guadagna in media quasi 1 milione di dollari in più nel corso della propria vita rispetto a chi non ha frequentato il college.

La cosa interessante è che non si tratta solo di un vantaggio individuale. Questi aspetti economici personali comportano maggiori benefici per la comunità: un aumento delle entrate fiscali e una minore dipendenza dall’assistenza pubblica o dai programmi di “rete di sicurezza sociale”. Inoltre, headtopics.com

un aumento dei livelli di istruzione per tutti è associato a meno criminalità e detenzione, a una migliore salute pubblica, a più volontariato, e a più contributi filantropici.Eppure, nel 2018 possiede un Bachelor (corrispondente alla nostra laurea triennale) il 16% degli afro-americani e il 13% dei latini, contro il 24% degli americani bianchi caucasici adulti.

E mano a mano che sale il livello di istruzione, aumenta il gap etnico. Ha un Master Degree il 10,7% dei bianchi, il 7% degli afro-americani e il 4,1% dei latini; un dottorato il 2,3% dei bianchi, l’1,2% degli afro-americani e lo 0,6% dei latini. In numero assoluto nel 2018 hanno una laurea magistrale oltre 15 mila bianchi e appena 1800 afro-americani adulti e 1300 latini. Hanno un dottorato 3218 bianchi e solo 300 afro-americani e 193 latini. Certo, bisogna considerare che (dato 2016), il 60% della popolazione americana è bianca caucasica, mentre gli afro-americani sono il 13% e i latini il 17%. Nel 2017, in media una persona con una laurea ha guadagnato 3,7 volte di più di una persona che ha abbandonato gli studi prima del diploma.

Nel 2014-2015 aveva un titolo di studio universitario (associate+bachelor+master+dottorato) il 30% degli afro-americani fra i 25 e i 64 anni, rispetto al 47,1 per cento degli adulti bianchi della stessa età. Lo racconta un’analisi di Education Trust, una no profit statunitense che si occupa di disuguaglianze nell’accesso all’università.

Che cosa accadrà nel 2060, quando si prevede una netta diminuzione percentuale della presenza bianca?Certo, le cose sono migliorate negli ultimi anni. Dal 2000 al 2016, ad esempio, il numero di adulti latini con un titolo di studio universitario è aumentato del 72%, quello di adulti afro-americani è aumentato del 25%. headtopics.com

In Edicola sul Fatto Quotidiano del 21 Giugno: Fico: “Ora il salario minimo e nuovo alt ai licenziamenti” - Il Fatto Quotidiano Covid, 17 morti in 24 ore: è il numero più basso dell’anno. I DATI Primarie, il segretario del Pd Enrico Letta vota al Testaccio: 'Grande affluenza, popolo centrosinistra c'è' - Il Fatto Quotidiano

La situazione nel paese però non è omogenea, anzi il gap è notevole: se consideriamo la percentuale di afro-americani 25-64 enni con almeno un “associate degree”, ci sono stati dove questo gruppo non supera il 20% del totale, cioè 10 punti percentuali al di sotto della media del paese. La metà degli stati americani ha una percentuale di afro americani laureati al di sotto della media nazionale. A cavarsela peggio è in particolare il Sud: Lousiana, Arkansas, Wisconsin, West Virginia, Mississippi, Nevada, South Carolina, Kentucky, Michigan.

Questi dati acquistano ancora più rilevanza se consideriamo che7 dei 10 stati con il più basso tasso di raggiungimento dei neri si trovano nel sud, dove gli adulti afro-americani rappresentano quote maggiori della popolazione dello stato dai 25 ai 64 anni

. Oltre il 30% degli adulti in Louisiana e Mississippi e quasi il 16% degli adulti in Arkansas è afro-americano.Nel complesso il divario fra bianchi e neri è ancora significativo.In ogni stato americano considerato esiste un divario etnico tra i tassi di laureati, e in metà degli stati tale gap fra bianchi e neri laureati supera i 15 punti percentuali.

Talvolta un gap ridotto non significa alti tassi di laureati fra gli afro-americani, ma solo che il livello di istruzione della popolazione è molto basso, anche fra i bianchi. È questo il caso del West Virginia, che mostra il gap più basso di tutti gli Stati Uniti, ma solo in ragione del fatto che sono pochi anche i laureati bianchi. Lo stesso per Kentucky e Tennessee. headtopics.com

Dei 10 stati con gap più esigui, solo il Nuovo Messico, l’Arizona, la Georgia e l’Oregon hanno tassi di laureati fra gli afro americani che superano la media nazionale.All’altra estremità dello spettro troviamoConnecticut, Minnesota, Massachusetts, Wisconsin, New Jersey e New York, che presentano un’ampia disuguaglianza nel conseguimento del grado tra adulti bianchi e neri,

Leggi di più: IlSole24ORE »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Penso che ogni forma di razzismo sia segno di inciviltà e se ciò accade negli Stati Uniti d'America tale evidenza è vergognosa Mary

Blog | Trump e i suoi tweets: cronaca e numeri di una giornata sui social - Info DataDa quando è stato eletto negli Stati Uniti Trump ha 'twittato' oltre novemila volte, con una media di quasi dieci tweets al giorno. Ieri giornata record (cit johncusack ) 25 anni fa si diceva: Berlusconi avrebbe vinto senza manifesti elettorali? Ora ce lo si chiede per Trump con twitter. I tempi cambiano,ma non cambia la superficialità di analisi. Un leader che non piace vince solo grazie ad aiuti 'esterni' mmm sembra occuparsi equamente di qualsiasi argomento l'unico termine dominante è FALSE, che sia uno smascheratore di fake news? :)

Blog | Alluvioni e frane: la mappa dell'Italia in bilico - Info DataDiamo una percentuale parziale, il 7,9 del territorio nazionale è come se fosse in bilico, a rischio frana. E poi ci sono le alluvioni.

Blog | L'impatto psicologico (ed economico) del Coronavirus sui giovani europei - Info DataUno studio dell’agenzia Eurofound in aprile ha sondato cosa sta accadendo nella testa degli europei. Alcuni luoghi comuni sugli italiani sono cambiati

Blog | Gli indicatori per misurare l'allarme globale sulla biodiversità (Prima puntata) - Info DataL'Italia con le sue 60 mila specie animali e 12 mila vegetali, è uno dei Paesi europei più ricchi di biodiversità in Europa

“Se torna il Patto di Stabilità per l’Eurozona sarà il disastro” - Il Fatto QuotidianoJoseph Stiglitz è uno degli economisti più brillanti d’America: 77 anni, laureato al MIT, ha vinto il premio Nobel nel 2001, uno dei pochi economisti critici ad esserselo aggiudicato. Critico dell’euro e della globalizzazione neoliberista, recentemente ha pubblicato Popolo, potere e profitti (Einaudi), in cui sostiene l’idea di un capitalismo progressista. Partiamo dalle proteste negli … bonetti_aless Stigliz ha trascorso la sua carriera accademica a fare ricerca sulla microeconomia (screening), vincendo un premio Nobel. Intervistarlo su questioni macroeconomiche equivale a intervistare un oculista sulla miglior cura per il cancro. marcotravaglio bonetti_aless ma vah?..... marcotravaglio bonetti_aless

“Il mio diario-terapia: inerme e sola ad affrontare il virus” - Il Fatto QuotidianoIl primo paziente affetto da covid-19, Martina Benedetti, non lo scorderà mai. Nessun nome: per lei, 27 anni infermiera all’ospedale Noa di Massa Carrara, era il “Signor A”. Un paziente zero, come il Mattia di Codogno. Eppure, racconta Martina, quella persona che necessitava di un’incubazione per respirare “era un uomo con nome e cognome, un … salvini_giacomo Potete anche mettere la foto dei cadaveri putrefatti come per le sigarette. Ciò non toglie che il virus è sparito e non tornerà mai più, come quello della SARS. A meno che non scappi dai frigoriferi dei laboratori dove si trafficano gli stessi. salvini_giacomo Sei cara buona giornata. salvini_giacomo Vai a piddiarti 'nu poco d' sole Ca' ne hai besogno! Poi rilassati e non pensarci. Tanto è inutile non è colpa tua, ma dei tuoi superiori. Quindi preparati alla prossima ondata,vai fuori mangia muoviti rinforzati nel fisico nello spirito che stai sicura che ce la rifarai ancora!