Blog | Giornata della Memoria, è struggente l'Olocausto raccontato dalle donne

Blog | Giornata della Memoria, è struggente l'Olocausto raccontato dalle donne

24/01/2021 15.55.00

Blog | Giornata della Memoria, è struggente l'Olocausto raccontato dalle donne

Violenze inaudite, ma anche solidarietà e speranza. In sei libri l'Olocausto raccontato dalle donne. Per tenere vive memoria e responsabilità.

Percorre tutto il secolo breve il suo nuovo romanzo“Biancaneve nel Novecento”, pubblicato da pochi giorni (Solferino). Duro e poetico, racconta attraverso gli occhi di due donne i segreti nascosti delle famiglie, il corpo femminile, la violenza a cui è sottoposto. Tra tutti,

Bellanova e Scalfarotto tornano al governo a un mese e mezzo dalle dimissioni. Quando Renzi diceva: 'Noi unici a rinunciare alle poltrone' - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 24 Febbraio 2021 - Il Fatto Quotidiano La lista completa dei sottosegretari del governo Draghi

il bordello del campo di concentramento di Buchenwald, una realtà tra le meno trattate nell’ampia letteratura sulla Seconda guerra mondiale.Nel romanzo due storie parallele (a lieto fine) si sviluppano in capitoli alternati, a specchio: Bianca, bambina che a Bologna negli anni 80 vive un’infanzia infelice e Lili, giovane francese reclusa che a Buchenwald è costretta a prostituirsi nei bordelli dei lager voluti da Himmler, che dava a internati ritenuti “meritevoli” e a kapo senza scrupoli una busta con cui abusavano dei corpi delle donne. Lo sdoppiamento narrativo permette a Oliva di percorrere gran parte del Novecento, dai crimini dell’Olocausto all’Italia di Ustica, della strage di Bologna, della banda della “Uno bianca”, della piaga dell’eroina.

Per quante generazioni dura il male?Inevitabile la domanda. Il dubbio si scatena quando si apre l’armadio di famiglia, pieno di segreti che il tempo non cancella, tra cui la maternità e le sue varie sfaccettature: accettata, rifiutata, conquistata. Le vicende di Bianca e di Lili, gli intrecci tra le generazioni, headtopics.com

danno voce al rimosso di un secolo.“Volevo creare un collante– afferma Oliva –tra la storia che viviamo tutti i giorni, e la grande Storia, quella che crediamo ci sormonti ma in realtà ci affianca quotidianamente, soltanto talvolta non ce ne accorgiamo perché siamo troppo distratti dalle incombenze dell’esistenza e dei nostri guai”.

Proprio le storie nella storia sono quelle raccontate daLia Leviin“Ognuno accanto alla sua notte”, appena uscito per le edizioni e/o. Il titolo, un verso di una poesia di Paul Celan, sembra alludere al peso delle ombre che agitano il passato dei tre “narratori” (Gisella, Doriana e Saul), compagni di un corso d’inglese che si ritrovano in una casa di campagna per studiare. I ricordi che si scambiano sono tutti ambientati nel ghetto ebraico di Roma all’epoca dell’entrata in vigore delle leggi razziali: quello di un commediografo ebreo costretto a lavorare in clandestinità, della breve storia d’amore tra una ragazza ebrea e il figlio di un gerarca fascista, del rapporto conflittuale tra un giovane e suo padre, autorevole esponente della comunità ebraica negli anni 40.

L’autrice, già vincitrice del Premio Strega Giovani 2018 con “Questa sera è già domani”,affianca al discorso sulla memoria quello cruciale della responsabilità. Non si sottrae all’operazione faticosa di mettere in scena le crepe che hanno segnato quell’epoca, le sottovalutazioni, il tentativo ostinato di trovare razionalità dove non c’era, l’illusione che gli ebrei romani sarebbero stati salvati dalla furia nazista. Come nel libro di Oliva, anche qui è nel filo rosso tra le generazioni, nel rimando continuo tra gli errori del passato e il dolore del presente, che la memoria si fa materia viva.

“La memoria– dice Fiammetta –non è un imperativo, un obbligo morale.È il pane di cui continuiamo a nutrirci come sempre. Stesse domande, dubbi, oscurità e sprazzi vivificati”.* Hanno collaborato Davide Madeddu, Filomena Spolaor e Manuela Perrone headtopics.com

“Basta allevamenti di animali in gabbie”, l’appello di 140 scienziati alla Ue. Tra i firmatari l’etologa Jane Goodall e 12 italiani Etna, attività stromboliana dal cratere Sud-Est del vulcano e cenere Omicidio Khashoggi, Cnn: 'Killer giunti a Istanbul su aerei del principe saudita Mohammad bin Salman'. Domani il rapporto degli 007 Usa - Il Fatto Quotidiano

*****Titolo: “Le donne e l’Olocausto” Leggi di più: IlSole24ORE »

Draghi in Senato ai commessi: 'Mi dite quando posso sedermi?'. VIDEO

Leggi su Sky TG24 l'articolo Draghi in Senato, la domanda ai commessi: 'Mi dite quando posso sedermi?'. VIDEO

Mai Dimenticare, Mai. Non sono stati uccisi solo ebrei.