Blog | Ecco l’Italia che fa la 'differenziata'. Male alluminio e batterie più attenzione alla plastica - Info Data

Ecco l’Italia che fa la “differenziata”. Male alluminio e batterie più attenzione alla plastica

29/10/2019 12.43.00

Ecco l’Italia che fa la “differenziata”. Male alluminio e batterie più attenzione alla plastica

Si parla di raccolta differenziata da 40 anni, eppure ancora oggi la percentuale di differenziata rispetto al totale dei rifiuti urbani raggiunge il 55,5%

Si parla di raccolta differenziata da almeno da 40 anni, eppure ancora oggi (dato Istat riferito al 2017) la percentuale di raccolta differenziata rispetto al totale dei rifiuti urbani raggiunge appena il 55,5%, +3% sul 2016, anche se la normativa imporrebbe il raggiungimento del 65% della quota di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani prodotti. Si tratta del “testo unico ambientale” in particolare dell’art. 205 del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152.

Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri

In realtà dipende dal prodotto:nel 2018 la plastica è differenziata e quindi riciclata dall’87,1% delle famiglie, il vetro dall’85,9%, la carta dall’86,6%: percentuali raddoppiate rispetto a vent’anni fa. L’alluminio e le batterie usate invece, si fermano a percentuali di differenziata molto più basse.

Due appunti:primo, le disparità geografiche sono assai rilevanti; secondo, non si può leggere il dato sulla differenziata da solo, ma va correlato con quello sulla produzione di rifiuti in generale, e quindi con il grande tema dello spreco. Evidentemente i dati Istat si possono riferire solo allo smaltimento di rifiuti che possiamo contare perché registrati legalmente dal sistema. Pur mostrando il più alto livello di rifiuti urbani prodotti, il Nord-est raggiunge la percentuale maggiore di raccolta differenziata, pari al 68,3%. A nord ovest la raccolta differenziata copre il 64% dei rifiuti urbani, nelle aree del centro il 51%, al sud il 47% e nelle isole un misero 31%, la metà di quanto imposto dalla normativa, anche se questo scarso risultato va imputato alla sola Sicilia (dove si differenzia il 21% dei rifiuti), mentre la Sardegna raggiunge un dignitoso 63%. headtopics.com

Non sono le città a differenziare di più i rifiuti, ma la provincia. Al crescere della popolazione residente infatti si hanno quote più alte di rifiuti urbani per abitante e percentuali più basse di raccolta differenziata. I piccoli comuni, fino a 10 mila abitanti, producono 443,5 kg di rifiuti urbani per abitante, e si differenzia il 61,6% dei rifiuti urbani.

Nei comuni di media dimensione (da 10.001 a 50.000 abitanti) i due indicatori sono pari rispettivamente a 490,1 kg per abitante e 58,8%. Nei comuni con oltre 50 mila abitanti i rifiuti urbani raggiungono 532,8 kg per abitante mentre la raccolta differenziata si attesta al 51%.

Infine, nelle grandi aree metropolitane – Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania e Cagliari – si sfiora nel complesso il 40% di rifiuti riciclati.Due famiglie su tre godono del servizio di raccolta dei rifiuti organici porta a porta e in quarto di esse si dice soddisfatta del servizio, una su tre a nord. Nei centri di piccole dimensioni i livelli di soddisfazione sono più alti.

Tuttavia, anche se la fanno, molte famiglie non sono davvero persuase dell’utilità della raccolta differenziata. Dal sondaggio Istat emergeuna famiglia su tre è scettica, addirittura il 45% al sud. La differenza la fanno comunque le amministrazioni comunali. Un’analisi condotta su 109 comuni capoluogo italiani restituisce il classico gradiente Nord – Centro – Sud. headtopics.com

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure La sai l’ultima? - Il Fatto Quotidiano

Sono 36 le città che attuano almeno 16 su 24 politiche in ambito rifiuti urbani, con una maggiore concentrazione al Nord, mentre dei 37 comuni che applicano da 3 a 11 politiche per la gestione dei rifiuti, due terzi sono nel Mezzogiorno. Per esempio, la distribuzione di contenitori o sacchetti per la raccolta differenziata viene effettuata nel 70% dei casi, soprattutto al Nord e al Centro, mentre il 50% dei capoluoghi ha attivato isole ecologiche mobili. Si osserva inoltre che fra sagre del nord e sagre del sud c’è una grossa differenza: di 35 capoluoghi su 109 che prevedono la promozione dell’uso di stoviglie biodegradabili o lavabili in sagre e/o manifestazioni temporanee, quasi tutti si trovano al centro-nord.

Infine,su 109 comuni esaminati, solo 10 e tutti al nord Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Blog | In Europa la popolazione invecchia e rischia sempre di più la povertà - Info DataGià nel 1995, annata per la quale mancano i dati relativi a diversi Paesi, emergeva una correlazione tra i due fenomeni È logico, la pensione è una fregatura. Veramente E chissà perché... Siamo diventati tutti pigri. Così magicamente, dal 2008 Lo studio dimentica di inserire nell'analisi la variabile 'politiche di austerità', causa della crescita della povertà.

Blog | In calo nuovi permessi di soggiorno e richieste d’asilo - Info DataSono però aumentati i permessi di soggiorno concessi per motivi lavorativi e per ricongiungimento familiare. La disparità nord-sud è rilevante

Blog | Chi emette più onde elettromagnetiche? Bene Samsung e Lg, male i cinesi - Info DataTra gli smartphone di cui si sa prezzo e valore del SAR, sono davvero pochissimi i casi che si avvicinano alla soglia di sicurezza fissata a 2W/Kg Male le cinesi? Malissimo Apple! Tra le grandi marche è peggio delle Cinesi. Non scende mai sotto 0.9! Meglio la Cina dell'America in questo caso. Perché non immaginate quante ne emetto io!

Blog | Impresa, la Cina entra nella top 10. Chi sono i nuovi ricchi? - Info DataLa Cina è tra le 10 economie in cui il contesto imprenditoriale è migliorato, ed è nella lista dei primi 10 in miglioramento per il secondo anno consecutivo Il prossimo algoritmo AI per mantenere la pace nel mondo: oltre un certo livello abnorme di ricchezza, quando letteralmente non si sa più cosa comprare, si viene eliminati, così si redistribuisce e si disincentiva l’accumulo. I famosi dollari cinesi, nemmeno il nostro Mario Rossi ha così tante omonimie.

Semi da mangiare: ecco le 7 varietà da aggiungere alla dietaLa Cucina del Corriere della Sera ti offre migliaia di ricette, una guida per scegliere i migliori vini e consigli per cucinare in modo sano e gustoso.

Blog | Economia, un codice complesso che espone la lingua a errori e inganniÈ noto che in economia la maggior parte dei termini proviene dalla lingua inglese. Il modo in cui raccontiamo le cose modifica il contenuto della narrazione