Blog | Dalle bombe nascono gioielli: il progetto di ricostruzione di No War Factory - Alley Oop

Blog | Dalle bombe nascono gioielli: il progetto di ricostruzione di No War Factory - Alley Oop

14/01/2020 12.27.00

Blog | Dalle bombe nascono gioielli: il progetto di ricostruzione di No War Factory - Alley Oop

Il Laos è stato il paese più bombardato nella guerra Usa-Vietnam. Il progetto utilizza gli scarti bellici, realizzando gioielli e aiuta l'economia locale

Mettete dei fiori nei vostri cannoni” cantavano “I Giganti” alla fine degli anni Sessanta, quando i giovani di tutto il mondo provavano a fare la rivoluzione dei diritti, della pace nel mondo contro la guerra in Vietnam. Quel conflitto ventennale, che aveva stimolato tanta produzione musicale e cinematografica, ha un’eco ancora oggi. Pochi forse sanno che i resti di quella guerra giacciono ancora oggi tra le campagne sperdute del Laos dove gli Stati Uniti sganciarono, tra il 1964 e il 1973, oltre due milioni di tonnellate di ordigni.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano

Ma se “dai diamanti non nasce niente”, per andare di citazione in citazione musicale, da quelle bombe inesplose oggi nascono gioielli in alluminio che ridanno speranza alle popolazioni contadine del paese del Sud Est asiatico. È questa, infatti, l’idea di

, Massimo Moriconi e Serena Bacherotti, ai quali l’anno scorso si è unito un terzo socio, Riccardo Biagioni, che prende il nome di “No War Factory”, una linea di gioielli realizzati da artigiani dei villaggi rurali del Laos, riciclando scarti di ordigni bellici risalenti al conflitto USA-Vietnam ed altro materiale di recupero. headtopics.com

Gli artigiani laotiani realizzano questi manufatti con una tecnica chiamata “a staffa”, ovvero per mezzo di semplici stampi in argilla nei quali viene successivamente colato l’alluminio fuso. I prodotti vengono poi importati in Italia ed impreziositi dal lavoro di orafi locali, per dare loro maggior appeal commerciale sul mercato europeo. E sono certificati poiché non c’è alcuna tossicità o radiazione.

Tutto questo contribuisce principalmente a due obiettivi: sostenere attivamente progetti di sminamento di quei terreni – in realtà sarebbero necessari 125 anni per il completo sminamento del Laos al ritmo attuale, come riportano sul loro sito – e contribuire ad aiutare i lavoratori locali, che non hanno molte fonti di sostentamento, soprattutto se pensiamo che il Laos non è un Paese ad elevata attrattività turistica ed è molto povero. In molte zone manca persino la corrente elettrica e l’acqua corrente. Parte del profitto, infatti, viene devoluto in progetti di sminamento ed acqua potabile.

Il loro è un lavoro lento e accurato, fatto di attenzione alle persone, di incontri e di tanta passione. «Sono 10 anni che andiamo in Laos per realizzare progetti di beneficienza– spiega Massimo Moriconi –soprattutto per la distribuzione di filtri in ceramica trattati con argento colloidale, che distribuiamo alle famiglie dei villaggi rurali. La soddisfazione ogni volta che torniamo è enorme anche se quello che riusciamo a fare è veramente pochissimo

».Dal viaggio, dunque, quella preziosa intuizione che provano a far funzionare a migliaia di chilometri di distanza, grazie a Internet e ai social network. «L’attività commerciale è iniziata da 2 anni– racconta Moriconi, in procinto di tornare in Laos tra pochi giorni – headtopics.com

Covid, zero casi a Codogno. Il sindaco: 'Passo verso normalità' Pd: Letta, a Bologna la festa nazionale dell'Unità - Politica Covid, in Israele stop all'obbligo della mascherina al chiuso

quando ad un mercatino di Luang Prabang abbiamo comprato alcuni bracciali realizzati riciclando scarti bellici, da lì l’idea di incontrare personalmente gli artigiani di questo villaggio ed iniziare una collaborazione. I prodotti che compriamo da loro (al prezzo che ci richiedono) vengono poi esportati in Italia dove nel tempo abbiamo realizzato e migliorato il packaging e grazie a diversi orafi migliorato la nostra linea

».Stando ai dati forniti sul sito, per chi volesse approfondire ulteriormente, il 30% delle bombe sganciate è rimasto inesploso. Praticamente 80 milioni di bombe da disinnescare. Dal 2008 ad oggi i morti sono stati circa 160, di cui la metà bambini che tentavano di aprire gli ordigni per rivenderne poi il metallo. Le bombe inesplose sono spesso del tipo cluster, ossia quelle a grappolo.

Attualmente l’azione di sminamento è portata avanti daenti specializzati. E accanto all’attività più strettamente commerciale, con finalità etiche e di economia circolare, c’è anche l’associazione “Sons of Mine”, guidata dai tre soci e da un gruppo di amici e sostenitori che si occupa di raccolta fondi per sostenere progetti di sminamento del territorio e di distribuzione di acqua potabile.

Già. In Laos l’80% delle famiglie deve far bollire l’acqua prima di poterla bere. Non è una cosa da poco. E francamente si fatica a concepire come questa situazione sia ancora possibile nel 2020. «Questo E-commerce ci permette, al momento – headtopics.com

conclude –di aiutare economicamente circa 10 famiglie del villaggio, e inoltre con il 10% del ricavato netto annuo riusciamo a realizzare progetti di approvvigionamento per dare acqua potabile ai villaggi rurali ed una parte da donare all’associazione MAG di sminamento. Da 2 anni collaboriamo anche con Emergency e altre associazioni come “Baobab Experience”, “Open Arms Italia” e “Tam Tam Basket”

Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Blog | Cripto attività: l'Italia incornicia il passato, l'Europa è già nel futuroIl 2 gennaio Consob ha pubblicato il Rapporto Finale sulle offerte iniziali e gli scambi di cripto-attività. Lavoro già obsoleto viste le mosse di Bruxelles Concordo e sottoscrivo la riflessione del commercialista sulla materia delle cripto valute e della più totale mancanza di presa di posizione e di conoscenza dell'argomento. Mi pare che non tutti gli stati regionali dell'Unione Europea ne abbiano valutato il rapporto costo/benefic

Mercato residenziale in salute per il 2020 - Il Sole 24 OREIl 2020 confermerà i trend dell'anno appena finito: compravendite in aumento, tempi di vendita in discesa e canoni di affitto in salita. Torna la...

Il Pd si è convinto: trattativa impossibile, Aspi va revocata - Il Fatto QuotidianoCosa fare con Autostrade per l’Italia è telenovela che va avanti da un anno e mezzo e due governi. Negli ultimi giorni, però, va registrata una novità di rilievo: anche il Pd – dal segretario Nicola Zingaretti alla ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli – si è convinto che la strada da prendere è la …

Celine a Miss Belgio: cade, perde il reggiseno e vince il concorsoNonostante l'incredibile capitombolo la modella fiamminga ha trionfato nella serata finale del concorso di bellezza Miss Belgio avrà una seconda..... Si dovrà comunque accontentare di un contratto Meteo o di conduttrice in qualche TV. ( In Belgio certe Donne sono più serie di quelle italiane e lo show-business è meno marcio di quello italiano). Pero' potrà fare carriera come Avvocato , visto che è laureata i Legge.

Il giallo dell’aereo che sorvola di notte il cielo di Torino - La StampaIronia e rabbia (“Ci ha tolto il sonno”) sui social per il velivolo che tra le 2 e le 5 di domenica, 12 gennaio, ha volato sopra la città. E’ un Piper che Iren usa per rilevare i guasti della rete.

Il Verona ribalta il Genoa e vede la zona Europa League - La StampaIl Verona in rimonta supera il Genoa per 2-1 al Bentegodi e consolida la sua classifica dopo il successo ottenuto domenica scorsa contro la Spal. Per i rossoblù invece in chiave salvezza una nuova battuta d'arresto, la prima per il tecnico Davide Nicola che aveva esordito sulla panchina dei Grifoni con la vittoria sul Sassuolo. Ospiti in vantaggio con Sanabria al 41' (che non andava a segno dal febbraio del 2019) ma nella ripresa la squadra cede dal punto di vista anche fisico (pagato lo sforzo della Coppa Italia persa giovedì ai rigori contro il Torino) e gli scaligeri reagiscono trovando prima il pari con Verre al 55' (Romero travolge nella propria area Zaccagni bravo ad anticipare il genoano) e dieci minuti dopo firmano la rete vittoria proprio con Zaccagni dopo una splendida azione corale. Il Verona ora è a -4 dalla zona Europa League. Nicola si affida a Schone, sulle ali spazio ad Ankersen e Barreca mentre in avanti c’è la coppia Pandev-Sanabria. Tra i padroni di casa allenati da Juric partono titolari gli ex Gunter, Veloso e Lazovic. Pronti via e Rrhamani si becca subito il cartellino giallo per un fallo tattico su Pandev. Al 5' la prima occasione del match, Cassata mette in mezzo una palla invitante su cui Sanabria arriva con poca convinzione. Le due compagini iniziano una fase di studio poi il Verona inizia a premere sull'acceleratore e si porta costantemente dalle parti di Perin. E proprio il portiere rossoblù sale in cattedra con due super parate. La prima al 16 su conclusione di Lazovic che si accentra e tira, Poi ancora Perin su conclusione volante di Pessina. Fioccano i cartellini gialli al Bentegondi: ne fanni le spese Criscito e Schone. Al 34' ancora una fiammata gialloblù con Rrhamani che salta in area su calcio d'angolo, Perin blocca in due tempi. Al 41' la fiammata del Grifone che si porta in vanataggio. Azione in velocità, la palla arriva a Barreca che fa partire un cross preciso in area su cui Sanabra si avventa anticipando Gunter. Il primo tempo