Blog | Che cos'è il Pride? - Alley Oop

Oggi a Milano il corteo arcobaleno torna a riempire vie e piazze. Ma cos'è il pride per chi lo vive da 20 anni?

02/07/2019 19.42.00

Blog | Sabato scorso il corteo arcobaleno è tornato a riempire le strade di Milano. Ma che cos'è il Pride? - AlleyOop24

Oggi a Milano il corteo arcobaleno torna a riempire vie e piazze. Ma cos'è il pride per chi lo vive da 20 anni?

Che se poi ti domandi, ma che cos’è il Pride? Sapresti davvero dirlo? Perchè non è una risposta facile, nemmeno per te che lo vivi e lo aspetti, ogni anno.Cos’è il Pride? Certo, certo, è la manifestazione che ogni anno commemora in tutto il mondo la rivolta dello storico locale gay Stonewall Inn di New York, avvenuta la notte tra il 27 e il 28 giugno dopo l’ennesima vessazione della polizia. Roba che si trova su Wikipedia, con una Googlata qualunque. Ma è questo il Pride? O per meglio dire, è solo questo? La commemorazione di una rivolta avvenuta oggi 50anni fa? Ovviamente no, è molto, infinitamente di più. Ma allora che cos’è il Pride?

Sindacalista investito, Conte: 'Serve un nuovo statuto dei lavoratori' Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo Covid, la variante Delta pesa sull’Europa: Russia e Uk le più colpite

Se chiudo gli occhi, per me, il Pride è un’immagine, anzi tante, confuse e ordinate.E’ un viaggio a Berlino, a 19anni o giù di lì, a camminare per il quartiere gay, e vedere per la prima volta due ragazzi che si tengono la mano per strada, e le bandierine arcobaleno fuori i locali sulla strada, con i tavolini dove fanno colazione le signore di mezza età.

E’ l’eccitazione di scoprire che da qualche parte nel mondo, allora poteva accadere, di vivere normalmente, e la malinconia di sapere che presto saresti tornato lì, a casa tua, dove tutto questo era lontano milioni di anni luce.Il Pride è mia madre, alla quale dico, ragazzino, un pomeriggio di inverno, che non sono triste perchè sono gay, ma perchè, lui, l’amore della mia vita, ha smesso di amarmi, e io, ho paura che rimarrò solo per sempre. Perchè quelli come me, è diffide che si incontrino. headtopics.com

E’ il 2000, l’anno del Giubileo e del Word Pride di Roma, quando cambiò tutto. Sono le polemiche di quei giorni, la rabbia e l’orgoglio di non dovere più tacere nemmeno di fronte al Papa, che dopo le centinaia di migliaia di persone che sfilarono orgogliosamente in quel luglio di quasi 20anni fa, lanciò il suo anatema contro l’omosessualità durante l’Angelus. E’ la sensazione di avercela fatta, di avere smesso di essere invisibile, di avere portato allo scoperto anche quell’odio che per anni ha soffocato tanti di noi.

Il Pride è la prima volta che ho sentita mia la mia città. Frase strana vero?! Eppure, prima del 2001, prima del primo Pride a Milano, dove parteciparono 50mila ragazzi e ragazze, quella città, forse, non era mai stata mia. E’ il ricordo preciso e forte di quella gioia, di quell’orgoglio di saltare e di ballare per le vie del centro, con la polizia a scortarci ai lati, e le facce incredule di tutti, che non pensavano avremmo avuto il coraggio di essere così tanti. E’ il mio amico Nicola, venuto dalla Calabria e non dichiarato in famiglia, che in piazza San Babila, appena vede decine di fotografi letteralmente arrampicati ovunque per fotografarci impietrisce. E io che lo abbraccio e gli dico, “e adesso un bel sorriso per la stampa”.

Il Pride è il coraggio che è venuto dopo, un po’ a tutti, piano piano. Compreso quello di andare nelle scuole, a spiegare chi eravamo, e non “cosa” eravamo. “Chi, perchè siamo persone, esattamente come voi”. E le facce di quei ragazzi, che non te le scordi più, alcune non avrebbero mai capito, altre avrebbero cambiato idea, altre avrebbero voluto correre ad abbracciarti, ma non sapevano ancora di poterlo fare. Ma almeno, adesso, sapevano di non essere soli.

E’ mia nipote, la prima volta che l’ho vista, fuori dalla pancia di sua mamma. E la paura, me la ricordo ancora, di non sapere se, quando e come ci saremo trovati insieme sulla stessa strada, fino poi a capire che l’amore ha un alfabeto che non si pronuncia, ma si vede. Ed io l’ho visto il suo meraviglioso alfabeto, tutti i giorni e tutte le volte che di fianco a me, con la faccia piena di arcobaleni, ha marciato con me, per me e per il mondo nel quale lei dovrà e vorrà vivere. headtopics.com

'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio Covid, in Alto Adige via l'obbligo di mascherina all'aperto da lunedì Padova, violentò cinque ragazze straniere in vacanza nel suo bed & breakfast: 9 anni e 8 mesi di carcere a un carabiniere - Il Fatto Quotidiano

E potrei continuare, non so ancora per quanto, a dire cosa è il Pride, immagine dopo immagine: mio padre, prima che la malattia si portasse via il suo pezzo migliore, che mi dice la sera, senza che io ne sapessi nulla “sono venuto a vedervi partire, bello eravate tantissimi”. Il suo modo incomprensibile di amare, che così tanto bene e così tanto male può fare. E’ il mio amico Alex, la prima volta che sono riuscito a portarlo in corteo, che si mette a piangere vedendo tutte le bandiere sventolare, e io lo abbraccio perchè conosco quelle lacrime. Perchè ogni anno arrivano a tutti noi, anche se non ce lo diciamo. E’ il mio amico Andrea, più giovane, che mi chiede di pensargli la maglietta per il Pride un anno prima, perchè ha voglia di urlare in modo unico quello che è. E mi ricorda tanto me, come ero e come sono. E’ la sensazione di marciare non essendo soli, ma non perchè in quella piazza ci siano centinaia di migliaia di persone, no. Sai di non essere solo perchè sei lì e sei insieme a tutti quelli che lottano e stanno lottando per se stessi e per la libertà di tutti. Anche quelli picchiati nei Paesi in cui i cortei vengono vietati, minacciati. Sei lì, con i tuoi fratelli, parola bellissima e strana da dire, fratelli di pelle, di colore, di arcobaleno, sei lì con loro, con quel coraggio che forse, tu non avresti avuto mai.

E poi ancora, il Pride sono le risate di ballare “Cicale”, o aspettare la canzone di Madonna che non arriva mai, perchè adesso mettono di più Lady Gaga. Sono quelli col culo di fuori, che tutti chiamano volgari, ma che in realtà sono uno spettacolo della natura perchè portano il loro corpo, brutto, bello, perfetto, desiderabile o no, fuori. Fuori dai cliché, dagli obblighi e dalle regole, lo portano fuori e lo portano a se stessi, come la cosa più preziosa su cui solo loro, hanno diritto di parola, e per la quale e nonostante la quale, spettano a loro gli stessi diritti dei “ben vestititi”. Il Pride è quella libertà insolente e indecente che ancora fa storcere e il naso e che sempre dovrà farlo storcere per essere profondamente attaccata a se stessa, alla sua storia, ma soprattutto, alla vita delle persone che lottano.

E infine, il Pride è una foto. Siamo io e il mio amico Bruno, di fronte la fontana del Castello Sforzesco, primissimi anni duemila, entrambi ancora universitari. Io ho una maglietta col cuore, lui una specie di cappellino in testa, e siamo pieni di arcobaleni. Stanchi felici a fine corteo. E’ quella foto, che ho guardato per più di un anno quando abbiamo litigato, ed è quella foto, che mi ricordato quante volte ci siamo scambiati il sangue, nella stessa battaglia, e che non potevamo, per nessuna ragione, rimanere lontani.

Perchè forse, alla fine di tutto, il Pride è questo, è stare vicini, è non lasciarsi soli, è ridere nonostante il dolore, scherzare e colorarsi nonostante la violenza. E’ essere indecenti nonostante la morale. E’ amare alla luce del sole, nonostante le occhiate. E’ la stupenda e unica opportunità e fortuna, che è capitata ai migliori di noi, di avere il headtopics.com

compito di lottare ancora per la libertà Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

AlleyOop24 Purtroppo una pagliacciata che rende debole e fa passare in seco do piano il vero problema .... dovrebbero abolirla perché è solo una presa per il culo e basta AlleyOop24 Un posto in cui aumentano le malattie sessualmente trasmissibili ..... AlleyOop24 Non mi interessa. Io sono all'antica ed etero.

AlleyOop24 Una volgare carnevalata. E per di più, fuori stagione... AlleyOop24 Perché tutti i partecipanti al gay pride non capiscono che proprio aver creato questa manifestazione vuo dire manifestarsi inferiori...? AlleyOop24 Ormai perso moltissimo significato... Spesso diventata pagliacciata purtroppo

AlleyOop24 Una pagliacciata per far ridere Madre Natura 😂 AlleyOop24 Una roba per fermare la ggente che va in stazione centrale dicono. AlleyOop24 Un vero successo questo tweet AlleyOop24 Saluti da bibbiano. orcobaleni

Istanbul, lacrimogeni contro migliaia al Gay prideLa polizia turca ha sparato gas lacrimogeni contro le migliaia di dimostranti che hanno preso parte alla parata del Pride a Istanbul, vietata dalle autorità per il quinto anno consecutivo Strano. Poracci...lì si che so’ cazzi amari Turchia e Russia über alles!

Billy Porter, Donatella Versace e Lady Gaga al Pride di New YorkOutfit davvero strepitosi al pride di New York. Billy Porter si è presentato in Christina Siriano mentre Lady Gaga... 🌈🌈🌈 Christina Siriano Davvero? 😂🤣🤣 FAB. xxxxxx

Depilazione: gli errori che facciamo in estate con la ceretta - Glamour.itIl primo sbaglio? Essere impazienti e tradirla con il rasoio, che non perdona. Perché il circolo vizioso della ricrescita lampo diventa un fattore di stress durante le vacanze

Daisy Ridley non sarà nelle nuove trilogie di «Star Wars» - VanityFair.itL'attrice britannica svela che il personaggio di Rey non comparirà nelle due nuove trilogie del franchise: una curata da Rian Johnson e l'altra dai creatori di «Game of Thrones» David Benioff e D.B. Weiss

La robiola tutta di capra che ha salvato il borgo di LangaGrazie ad un disciplinare rigidissimo questo formaggio dalla tradizione millenaria si può produrre solo in 20 comuni

I pensionati che hanno sfidato la Giraglia: “C’è voglia di vincere anche alla nostra età”Salvatore Sanna Cherchi e Francesco Bascianelli,84 e 75 anni, hanno percorso le 241 miglia in 38 ore con «Leon», una barca di un amico-sponsor lunga quasi 13 metri. Tra i loro avversari campioni, principi e tycoon