Beppe Sala: «Serve un nuovo socialismo, la sinistra recuperi un’idea politica di società»

Beppe Sala: «Serve un nuovo socialismo, la sinistra ritrovi un’idea politica di società»

03/06/2020 08.33.00

Beppe Sala: «Serve un nuovo socialismo, la sinistra ritrovi un’idea politica di società»

Il sindaco di Milano: «La mia città prima della pandemia stava volando e quando cadi dall’alto ti fai più male. Ora c’è una risposta, ma il blocco del turismo pesa»

Milano stava volando ma molte cose non sono sue. I grattacieli simbolo della rinascita sono degli sceicchi. Persino il Milan e l’Inter non sono più milanesi. E le disuguaglianze sociali aumentano.«Nel libro cito il paradosso di Jevons: più ricchezza si crea, più si alimenta la povertà. Forse la ricchezza ha proprio bisogno di aumentare la dimensione della povertà, se vuole crescere e stiparsi in immense concentrazioni. Tutto avviene nelle città. Un tempo avevamo le città-Stato; ora abbiamo le città-mondo. Io credo in una città inclusiva. Che tiene dentro tutti, anche gli ultimi. Mi ha colpito moltissimo una scritta che ho visto su un muro di periferia».

Il Milan travolge la Lazio: 0-3. E la Juventus ora vola a +7 Nigel Farage si fotografa con la birra al pub nel primo giorno di riapertura: 'È in quarantena obbligatoria, denunciato' - Il Fatto Quotidiano Patrick Zaky scrive una lettera alla famiglia: «Sto bene e un giorno tornerò libero»

Cosa diceva?«La loro verità comincia dove finisce la tua. È una frase poetica e disperata. Esclude il “noi”. Contrappone “loro”, il sistema, a “te”, la persona».Lei fa parte del sistema.«Certo. Non posso e non voglio abbatterlo. Ma posso e voglio cambiarlo. Anche recuperando idee e parole che abbiamo abolito e relegato nel passato».

Il Corriere ha creato una newsletter sul virus - e la fase 2. È gratis: ci si iscrivequiLei scrive di un nuovo socialismo. Ci crede davvero?«Sì. Ricordo quando in tv assistetti alla fine del socialismo italiano: la scena delle monetine fuori dal Raphael».

Era la fine di Craxi. Su cui però lei nel libro non si esprime. Perché?«Non voglio riaprire un dibattito che sarebbe infinito. Dico che il socialismo non appartiene alla storia, ma all’avvenire. Solo in Italia è considerato una parola morta. Altrove non è così. Avremo il Recovery fund: usiamolo per prenderci cura dei cittadini e per rilanciare la politica industriale. Le risorse arriveranno; servono nuove idee. Siamo a un cambiamento d’epoca».

Lei cita più volte Moro, e mai Berlinguer. Perché?«Perché Berlinguer ha trovato eredi; magari maldestri, ma li ha trovati. L’eredità di Moro non l’ha rivendicata nessuno. Io non ho mai votato Dc, però ho avuto un padre democristiano. La Dc era il centro, non inteso come punto mediano di una retta, ma come punto centrale di una sfera. Moro aveva capito che la Dc poteva conservare la sua egemonia solo attraverso la mediazione, prima con i socialisti poi con i comunisti. Dopo di lui si è tornati a uno schema orizzontale, dall’estrema destra all’estrema sinistra, che ora non significa più molto».

Lei è davvero un uomo di sinistra? Il suo primo incarico pubblico fu city manager di Letizia Moratti.«Mi sento profondamente un uomo di sinistra. La storia della sinistra italiana viene raccontata come il romanzo della delusione: come se, una volta al governo, ci si dovesse limitare a gestire l’esistente. Ma io voglio una sinistra che recuperi un’idea politica di società. Oggi la sinistra è in grado di rappresentare il 40 per cento degli italiani, quel che serve per governare? Temo di no. Per questo deve cambiare. Un tempo la sinistra era rappresentanza, la destra era appartenenza. Oggi la destra rappresenta, magari male, una parte importante della classe lavoratrice. Dobbiamo capire come fare per rappresentarla noi. Lo spazio è enorme».

Cosa votava nella Prima Repubblica?«Quando ero bocconiano, Partito repubblicano. Poi radicale. Quindi per gli antenati del Pd. Compreso il Partito comunista».Cosa pensa di Conte?«Penso che stia facendo più di quanto ci si poteva attendere da una persona che ha esordito in politica da premier. Ma gli consiglio di valutare se chi gli sta attorno è in grado di gestire l’autunno drammatico che ci attende».

Paritarie, aiuti raddoppiati nel Decreto Rilancio: stanziati 300 milioni. M5s: 'Prendiamo le distanze, scuola resti pubblica' - Il Fatto Quotidiano Udine, consigliere comunale in divisa nazista. FdI: «Non è un iscritto» Patrick Zaki invia una lettera alla famiglia: 'Sto bene. Mi mancate molto, non riesco a esprimerlo a parole. Ma presto sarò libero' - Il Fatto Quotidiano

Pensa a un altro governo, sempre con Conte premier, ma con nuovi ministri?«Sì. Credo sia inevitabile. Ogni partito deve mettere in campo i migliori: non necessariamente tecnici; persone che abbiano una storia alle spalle, che abbiano gestito organizzazioni complesse. Vale per i 5 Stelle, ma anche per il Pd». E lei cosa farà? «Il sindaco, ovviamente».

Nel libro racconta la sua malattia.«Senza la malattia non sarei qui. Mi ha cambiato profondamente. Avevo 39 anni ed ero molto concentrato su me stesso. Impiegarono tre mesi a diagnosticarmi un linfoma non Hodgkin. Mi si era tappato un orecchio dopo un’immersione e non si riusciva a capire perché. Vede questa cicatrice sul collo? Mi tolsero un linfonodo. L’esame istologico era negativo, ma il medico mi disse: non mi fido. Mi tolsero un altro linfonodo, dalla schiena. E capirono. Mi sentii gelare il sangue: mio padre era morto della stessa malattia».

Suo padre non reagì, si lasciò morire.«Papà aveva un fondo di depressione, a differenza di mia madre, che è forte, energica, positiva, e l’ha sempre un po’ salvato. Con mio padre non ho mai parlato molto. Mi ha insegnato con l’esempio. Casa e bottega: una piccola azienda di divani letto, in Brianza. Ricordo quando venne un creditore che non poteva pagare; papà rispose dandogli altri soldi. Ma quando si ammalò, rinunciò a combattere».

Lei cosa fece?«Mi affidai del tutto ai medici. Non andai neppure a leggere cosa fosse un linfoma. Chiesi però aiuto a uno psicologo. Un sociologo ebreo, cui sono molto legato».Nel libro lei racconta una notte di panico.«Mi svegliai di soprassalto: non riuscivo a respirare, sentivo il cuore sul punto di fermarsi. Mi trascinai in bagno, madido di sudore. Erano le due di notte. Chiamai lo psicologo. Mi rispose. Mi disse di chiudere gli occhi, di respirare. Fu quasi una seduta di ipnosi al telefono. Mi addormentai senza accorgermene, senza neppure spegnere il cellulare. Mi svegliai disteso in bagno. Impiegai minuti a rialzarmi. Ma il peggio era passato».

3 giugno 2020 (modifica il 3 giugno 2020 | 07:22) Leggi di più: Corriere della Sera »

Non servono più gli slogan Milano non si ferma ? Serve che vi leviate dal cazzo andiamo a votare? Il nuovo socialismo è l’identitarismo. Suka Ancora sto babbeo La sinistra non ha mai avuto una idea di società.. Solo repressione e violenza Sinistra? Che è la sinistra? BeppeSala

Lite sulla patente di immunità con Solinas, Sala: «Il mio ‘me ne ricorderò’ era sbagliato»Aria di vacanze. Sarà pace (fatta) tra Beppe Sala e Christian Solinas? Intanto, il sindaco di Milano fa le scuse (social) alla Sardegna con un post... Quante volte quest'anno ha già chiesto scusa per le sue stronzate? Mamma mia Sala un po’ di amor proprio Troppo tardi, troppo facile. Secondo errore sul coronavirus BeppeSala

Fase 2, il sindaco di Milano Sala chiede scusa al governatore Solinas: 'La frase 'me ne ricorderò'? Sbagliata nella forma' - Il Fatto QuotidianoIl sindaco di Milano Giuseppe Sala chiede scusa, almeno in parte. Nel botta e risposta con il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas sui test sierologici il primo cittadino della città lombarda aveva sbottato. “Quando deciderò dove andare per un weekend o una vacanza me ne ricorderò”, aveva detto in risposta all’ipotesi del governatore della … Di sana e robusta, Costituzione invece lassa stà.. XD Ormai il livello di educazione e dialettica è al livello di bar della stazione. Bel sindaco che ha Milano Uno come Sala da queste parti lo nominerebbero un “bischerello a giro”. Sembrava una brava persona, ma ormai ne pesta una al giorno. Prima che poi passerà anche lui forzalombardia

Blog | Inquinamento, dove sono i dati sulla qualità dell'aria? Pensiero critico della società data-driven (3) - Info DataNuovo video segnalato da utenti-lettori del blog per riflettere sulle prospettive di una società mossa dai dati

Riscrivere il passato con il carbonio 14Un nuovo sistema di misura per correggere le datazioni al carbonio 14, uno dei metodi principali per la datazione adottato anche su Sindone e mummia di Otzi

​Libia a un passo dalla riapertura dei negoziatiLibia, il Governo di Riconciliazione Nazionale e il Libyan National Army hanno dato il via libera a riattivare i colloqui sul cessate il fuoco, il disarmo e la gestione politica ed economica del paese Sarà sceso in campo Di Maio?🤣🤣🤣 SI SPERA.

Il discorso del presidente Mattarella per la Festa della RepubblicaLeggi su Sky TG24 l'articolo Mattarella per la Festa della Repubblica: '2 giugno con dolore ma verso un nuovo inizio' 2 giugno speriamo bene..... Troppi sono incazzati!! Bla bla bla bla non vi lasceremo soli e bla bla