Bartoletti: «Capisco i medici di famiglia che non fanno i test»

Bartoletti: «Capisco i medici di famiglia che non fanno i test»

27/10/2020 02.28.00

Bartoletti: «Capisco i medici di famiglia che non fanno i test»

«Abbiamo bisogno di prepararci. E’ un miracolo se stiamo reggendo la crisi». «Il nostro lavoro andrà riorganizzato»

Lo sa che molti cittadini si lamentano di voi?«Non è una novità. Se le cose vanno bene è merito dell’ospedale, se vanno male è sempre colpa nostra», risponde conhumor, segretario dei medici di famiglia di Roma e vicepresidente dell’Ordine dei medici della Capitale.

Choc e lacrime a Napoli: 'Maradona per sempre nel cuore'. Lutto cittadino - Cronaca Morto Diego Armando Maradona, il più grande calciatore di sempre - Sport Morto Maradona, El Pibe de Oro in immagini - Primopiano

Il sabato e la domenica non vi si trova mai.«E lo credo bene. È dal ’78 che funziona così in base al nostro contratto. Dalle 12 del sabato fino al lunedì mattina riposiamo. Anche le Poste il fine settimana sono chiuse».Quindi che risponde a chi sostiene che fate il comodo vostro?

«Rispondo che sì, è vero, ci sarà pure qualcuno che non lavora col dovuto impegno. Ma la maggior parte di noi da quando l’epidemia è cominciata si fa in quattro».Che prove ha?«Semplice. Se fossimo stati degli scansafatiche il sistema non avrebbe retto. In questi mesi di emergenza rossa abbiamo portato avanti le attività ordinarie che non sono scomparse. Parlo di visite, controlli, prescrizioni, vaccini, nuove diagnosi. Il mio studio è a Tor Pignattara, ho 1.300 pazienti. Il telefono ha cominciato a squillare alle 8 di mattina. Da quel momento, sempre occupato».

Vi sentite degli eroi?«Gli eroi non esistono. Questo è il nostro mestiere. Però quando questa crisi sarà terminata, e mi auguro presto, bisognerà riconsiderare la medicina di famiglia e smetterla di continuare a utilizzarla come medicina delle scartoffie. La burocrazia in tempi normali ci mortifica. Poi arriva il Covid e si ricordano all’improvviso di noi».

Quello che non piace alla gente sono le vostre continue rivendicazioni sindacali.Ad esempio, perché non accettare di fare i tamponi rapidi negli studi?«Noi nel Lazio ne abbiamo fatto richiesta già a luglio. La Regione ci ha dato l’ok a ottobre. Adesso stiamo correndo per fare formazione. Non sono attività da improvvisare dal giorno alla notte. Ricordi che a livello nazionale abbiamo eseguito 700 mila test sierologici che dal punto di vista del rischio ponevano gli stessi problemi dei tamponi. Insomma, a me non sembra così strano che qualche collega preferisca non caricarsi di un’altra responsabilità».

Come sta vivendo la professione in epoca Covid?«Guardi, io amo il mio lavoro. Ero in ospedale e ho deciso di aprire l’ambulatorio per avere il contatto con i pazienti. Sono mesi difficili. C’è molta ansia, non sempre giustificata. Oggi un signore mi ha scritto quattro volte perché non ha trovato il vaccino antiinfluenzale in farmacia. Alla fine l’ho fatto venire da me anche se non fa parte dei cittadini che hanno il vaccino rimborsato».

Cosa consiglia?«Non bisogna farsi prendere dal panico. Chi risulta positivo e sta bene non ha ragione di chiamarci. Deve stare a casa. Lasciamo spazio a chi sta male e ha veramente bisogno di noi».26 ottobre 2020 (modifica il 26 ottobre 2020 | 22:59)

Aerei, l’idea di Qantas: vola solo chi ha fatto il vaccino anti-Covid Quando le parole fanno male anche senza essere insulti Su Rai2 tutorial per spesa 'sexy' al supermarket, è bufera - Cronaca Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid Piacenza, più contagi ma meno ricoveri | Video Sky - Sky TG24 HD

Guarda Covid Piacenza, più contagi ma meno ricoveri su Sky Video - Sky TG24 HD

Bartoletti : il Covid? Noi medici di famiglia faremo i tamponi negli studi e nelle parrocchieIl vicesegretario nazionale della Federazione: «Faremo test rapidi negli studi e anche nelle parrocchie, 311 colleghi hanno già aderito, aspettiamo solo le macchinette dalla Regione e poi via con i brevi corsi di formazione Attenti a non rompere la membrana Non serve a niente fare test a persone sane senza sintomi E sotto le pietre anche? L’importante è aumentare il terrore🥴

Tamponi dai medici di base, Zaia: 'Ok del ministero, potremo eliminare code'I talponi e perchè non le farmacie? Ma anche istituendo dei piccoli centri in tende nelle aree pedonali dei quartieri delle grandi città e una piattaforma che lavora su appuntamenti. in korea li fanno da dietro a un vetro! Ma cristo santo andava fatto e pensato a maggio! Ancora? Il teacciamento è fondamentale. Crisanti te lo ha detto in greco. Ma non lo ascoltate.....

La città che non c’è: pillole di utopia contro i divieti che tolgono immaginazioneIl festival di Torino Stratosferica

Vettel, sospetti sull’auto di Leclerc: «Guardo i dati e non capisco». Binotto: identicheIl tedesco allude a una disparità di trattamento, la replica di Binotto: «Monoposto identiche, mi aspetto di più anche da un secondo pilota» Vettel un malvagio di professione

Milan-Roma 3-3, doppio Ibrahimovic non basta: Kumbulla impedisce la fuga rossoneraPer tre volte avanti, grazie a una doppietta dello svedese e un gol di Saelemaekers, gli uomini di Pioli si fanno riprendere prima da Dzeko, poi da Veretout, i… L'arbitro che da sempre favorisce la juve da due rigori innesistenti arbitra malissimo non consulta il var ..e' un vero coglione che rovina tutto

L'appello social dell'infermiera a Napoli: 'Il Covid non esiste? Vi farei vedere gli occhi dei malati che implorano aiuto' - Il Fatto Quotidiano“Quando dite che il Covid non esiste, vi farei assistere ad un nostro turno con tutti i dispositivi di protezione, che fanno male e fanno sudare”. A scrivere è Martina Ricci, infermiera impegnata in prima linea nella lotta alla pandemia: a 25 anni lavora all’Ospedale Cardarelli di Napoli. Il suo è un appello, postato sui … GiorgiaMeloni matteosalvinimi leggetevi l'intervista è finitela di incitare la gente disperata alla violenza!!! Sei come Salvini Grande rispetto per questa ragazza,il problema dei negazionista e che non hanno rispetto neanche di se stesso