“Barriere nei taxi di Torino per separare autisti e clienti” - La Stampa

“Barriere nei taxi di Torino per separare autisti e clienti”

10/02/2020 09.53.00

“Barriere nei taxi di Torino per separare autisti e clienti”

Come a Londra e a New York. Ma l’emergenza non sono aggressioni e rapine, ma le corse non pagate

7:02TORINO. C’è chi si fa accompagnare a Torino da un paese della prima cintura e lascia il taxi in attesa per poi essere riaccompagnato a casa, salvo poi accorgersi di non avere in tasca nemmeno un centesimo. Ci sono i clienti della notte, che salgono in gruppo dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo e salutano l’autista senza fare nemmeno il gesto di pagare. E poi c’è quella che sembra essere l’ultima moda: provare a saldare la corsa sventolando la tessera del reddito di cittadinanza. Tradotto: un altro viaggio a scrocco. Che fa sprecare tempo e carburante agli autisti.

18/24 giugno 2021 • Numero 1414 E' morto Giampiero Boniperti, una vita per la Juventus - Sport Perché difendo il video della funivia

Torino, telecamere a bordo dei taxi: “Così ci proteggiamo da rapinatori e monopattini”federico gentaA pochi giorni dall’annuncio della Regione, che promette di finanziare l’acquisto di telecamere per tutte le auto bianche del Piemonte, Taxi Torino ha informato i suoi soci della possibilità - assolutamente discrezionale e a proprie spese - di dotare l’auto di un divisorio: vale a dire una barriera di plexiglas che divida il posto guida dai sedili riservati alla clientela.

Un accorgimento che fa subito pensare a Londra e New York, dove questo sistema di sicurezza è ormai la prassi per la maggior parte degli autisti professionisti. Ma se qualcuno pensa che il provvedimento nasca anche qui per difendersi da rapine e aggressioni, è fuori strada: quel che più spaventa le auto bianche torinesi sono le corse non pagate. Quelle che Alberto Aimone Cat, presidente della cooperativa Taxi Torino definisce «furti impropri». Lui conferma: «Sono episodi ormai sempre più frequenti. E non passa giorno che dai colleghi vengano segnalati almeno un paio di nuovi casi». Il tema del divisorio, però, ha origine lontane: «Avevamo iniziato a discuterne con la Città già diversi anni fa. Allora erano emerse difficoltà legate all’uso delle cinture di sicurezza posteriori». Già, perché senza quelle basterebbe una frenata più brusca del solito a scaraventare i passeggeri contro le barriere. «Ora l’utilizzo è obbligatorio, anche se chiediamo a tutti i nostri soci, che decidano di installare la parete divisoria, di verificare ogni volta l’effettivo utilizzo». headtopics.com

I vantaggi del divisorio? «Sicuramente gli autisti si potranno sentire più sicuri, specialmente quando lavorano di notte e in zone problematiche. Si tratta di una misura di sicurezza immediata. A differenza delle telecamere: quelle sono sì utili a rintracciare un criminale, ma non possono riparare nell’immediato da un’aggressione. In questo modo, in attesa dell’intervento delle forze dell’ordine, chi è al volante sarà protetto».

Dopo yellow e black cab, la rivoluzione arriva tra le auto bianche di Torino? «New York e Londra sono riconosciute da tutti come città evolute, un simbolo per la capacità di accogliere i turisti. Non vedo perché non si possa introdurre questo sistema anche tra le nostre strade. C’è chi vede nel divisorio una sorta di gabbia per i passeggeri. Noi, invece, pensiamo alla sicurezza di tutti. Degli autisti e dei clienti».

Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Mettere tassametro registratore di cassa,obbligo bancomat,obbligo foto licenza con foto del vero titolare.fattoquotidiano

Compleanno di Torino: ecco la prova astronomica - La StampaSecondo la ricostruzione di Guido Cossard la fondazione avvenne alle 8 del mattino del 5 febbraio del 27 avanti Cristo. La città sul 45° parallelo come proiezione del cosmo.

Torino, al via il “Carnival Street Parade”: da piazza Castello alla Pellerina - La StampaLa parata di Carnevale oggi, domenica 9 febbraio, anticipa la sfilata dei carri allegorici di sabato prossimo, 15 febbraio..

“Jude” e stella di David: scritte antisemite su una porta di Torino - La StampaColpita la casa di Marcello Segre, volto noto del volontariato “Non ho paura, ma neanche nemici. È un odio inspiegabile” un’odio fomentato da personaggi che vanno a suonare ai campanelli, fomentano gli ingnoranti ...... Sig. Segre, sa mica se prima hanno suonato al citofono? Posso dire che 'Suo padre era di origini ebraiche, sua madre italiana' non si può proprio (ma proprio) sentire? Il tono dell'articolo è ineccepibile, ma quella frase - e gli ebrei italiani - meritano davvero una rettifica. Grazie. Maumol

Il Torino non esce dalla crisi: la Sampdoria ne fa 3 in nove minutiAllo stadio Grande Torino, la prima del nuovo tecnico Longo non è fortunata: dopo un primo tempo soporifero, i padroni di casa passano in vantaggio con

I blocchi di cemento sui binari della ferrovia Cuneo-Torino non sono un caso isolato: “Altri episodi su quella tratta” - La StampaIl treno regionale delle 17,50 è stato costretto a frenare appena uscito da Cavallermaggiore.Un testimone: “È successo più volte negli ultimi mesi tra le stazioni di Trofarello e Savigliano”.

Torino, chiede di avere sacchetto gratis e poi rapina negozio: preso | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Torino, chiede di avere sacchetto gratis e poi rapina negozio: preso | Sky TG24