Digitall, Medico, Bari, Concussione, Medicine, Tumori, Tumore

Digitall, Medico

Bari, arrestato medico: chiedeva denaro per cure oncologiche gratuite

Tumori, arrestato medico a Bari: ha chiesto 130mila euro per cure oncologiche gratuite

29/05/2021 12.06.00

Tumori , arrestato medico a Bari : ha chiesto 130mila euro per cure oncologiche gratuite

Leggi su Sky TG24 l'articolo Tumori , arrestato medico a Bari : ha chiesto 130mila euro per cure oncologiche gratuite

©AnsaIl medicinale oncologico era coperto dal Servizio Sanitario Nazionale. L'indagato, ai tempi dei fatti dirigente del dipartimento di Oncologia all’Istituto Tumori Giovanni Paolo II, avrebbe agito con la complicità della compagna. Entrambi sono agli arresti domiciliari con l’accusa di concussione aggravata e continuata. Gli inquirenti: “Approfittavano delle condizioni psico-fisiche della vittima”. Sequestrati anche 136mila euro

Djokovic batte Nadal e va alla 5/a finale a Parigi LE FOTO - Tennis Pagelle azzurri: Berardi, serata da top player - Europei 2020 In Edicola sul Fatto Quotidiano del 12 Giugno: Figliuolo s’arrende. Ora fuori i numeri. Az solo over 60 - Il Fatto Quotidiano

Condividi:Un farmaco oncologico, gratuito, spacciato come "salvavita" e venduto a 130mila euro a un paziente, poi deceduto. Con l’accusa di concussione aggravata e continuata, è stato arrestato e si trova adesso agli arresti domiciliari Giuseppe Rezzi, dirigente - fino a un anno fa - del dipartimento di Oncologia all’Istituto Tumori Giovanni Paolo II di

Bari. Secondo la Procura barese il medico agiva con l’appoggio della sua compagna, l’avvocata Maria Antonietta Sancipriani, anche lei arrestata con le stesse accuse. Oltre alla misura cautelare, i carabinieri hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo per equivalente del valore di 136mila euro. In sede di perquisizione, nell'abitazione dell'indagato, i militari hanno trovato reperti archeologici e denaro contante per oltre 1,9 milioni di euro nascosto in buste e scatole per calzature. headtopics.com

I fattiMedico indagato per truffa,altri lavori in orari ambulatorioI fatti oggetto di contestazione da parte del pm Marcello Quercia risalirebbero al periodo compreso tra dicembre 2018 e dicembre 2019. Sono stati i familiari del paziente a far partire le indagini, dopo la sua morte. Stando alle carte delle indagini, Rizzi avrebbe eseguito le iniezioni del farmaco dietro pagamento sia durante l’orario di servizio sia fuori turno, e comunque non in regime di attività dichiarata. Il paziente sarebbe stato costretto a pagare per la medicina gratuita sia nella struttura ospedaliera sia nella sede del patronato Caf gestito dalla compagna, adibito illegalmente a studio medico. Rizzi e Sancipriani, dicono gli inquirenti, “approfittavano delle gravi condizioni psico-fisiche della vittima che versava in uno stato psicologico di soggezione e di reverenza oltre che di totale fiducia nel suo medico, al punto di indurre la vittima a riconoscerlo quale unico referente in grado di garantirgli la sopravvivenza”. Oltre ai 130mila euro, avrebbero ottenuto anche regali e lavori edili presso la loro villa nella località di Palese.

Leggi di più: Sky tg24 »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Che belle persone... Fidatevi della scienza Ergastolo! A questo losco personaggio dovrebbero iniettargli dosi e dosi di virus!!! Carogna❗❗❗ Impiccare. Radiazione immediata no?! Il resto della sua esistenza sia speso come cavia da laboratorio