Barcone prese fuoco, i “finanzieri-eroi” sotto inchiesta per omicidio colposo

Barcone prese fuoco, i “finanzieri-eroi” sotto inchiesta per omicidio colposo

02/10/2020 21.09.00

Barcone prese fuoco, i “finanzieri-eroi” sotto inchiesta per omicidio colposo

Intervennero per salvare un gruppo di migranti al largo di Capo Rizzuto, quattro morirono

02 Ottobre 2020CROTONE. Da eroi a indagati. E' la sorte toccata ai quattro finanzieri della Sezione operativa navale di Crotone che il 30 agosto scorso, al largo della costa calabrese davanti a Isola Capo Rizzuto, intervennero per soccorrere un gruppo di migranti a bordo di una barca a vela, finendo coinvolti nell'esplosione improvvisa che provocò la morte di quattro migranti ed il ferimento di due militari. I due, Maurizio Giunta e Giovanni Antonio Frisella, nonostante fossero rimasti feriti - il primo con una frattura ad una gamba ed il secondo ad un piede - si buttarono in acqua riuscendo a salvare alcuni naufraghi. Ai militari giunsero i complimenti del ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, del leader della Lega Matteo Salvini - che oggi dice che è «assurdo» - e dell'arcivescovo di Crotone Santa Severina, mons. Angelo Panzetta, che evidenziò «il prendersi cura del prossimo senza distinzione senza distinzione di razza,sesso, lingua e religione» da parte loro.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Giustizia, l'attacco di Marta Cartabia: “Crisi di credibilità e fiducia, ci vorrebbero tanti Livatino”

L'iscrizione nel registro degli indagati da parte della Procura di Crotone è avvenuta dopo che alcuni dei migranti che erano a bordo hanno riferito - durante le indagini per accertare le cause dell'esplosione - di avere visto i finanzieri fare carburante poco prima dell'esplosione. Circostanza che ha spinto i magistrati a fissare un incidente probatorio per cristallizzare le loro dichiarazioni prima che magari si trasferiscano in altre regioni o all'estero. Da qui la scelta - praticamente un obbligo - di iscrivere i finanzieri nel registro degli indagati con le ipotesi di reato di omicidio colposo plurimo e naufragio colposo. Stamani, davanti al gip, si sono presentati sette migranti (due somali, un egiziano e quattro pakistani), di cui sei minori, che con l'aiuto degli interpreti hanno raccontato quei momenti. Le versioni fornite hanno concordato principalmente su due punti: che c'è stato un rabbocco di carburante prima dell'esplosione e che quest'ultima è avvenuta a centro barca. Tutti hanno sottolineato come i finanzieri si siano prodigati per salvare i migranti caduti in mare dopo l'esplosione.

Dal racconto fatto rispondendo alle domande del pm Pasquale Festa, è emerso che dopo l'arrivo sulle coste calabresi, a Sellia Marina, la barca a vela - dalla quale erano sbarcati una ventina di migranti oltre agli scafisti - è stata scortata dai mezzi della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto verso Crotone navigando a motore. Quando il motore si è spento all'altezza di Isola Capo Rizzuto i due finanzieri che erano a bordo - hanno raccontato i migranti - hanno provato a riaccenderlo ed hanno proceduto ad un rabbocco di carburante. Dopo un primo tentativo andato a vuoto, è stato fatto ripartire il motore, ma qualche minuto dopo c'è stata l'esplosione, avvenuta nella parte centrale della barca non quindi nella zona di poppa dove si trova il motore. headtopics.com

Dopo l'esplosione c'è stato l'incendio e una successiva esplosione. Un dato non secondario visto che le difese, rappresentate dagli avvocati Pasquale Carolei, Filly Pollinzi ed Emanuele D'Alessandro hanno evidenziato che il gasolio non è un carburante che esplode. Alcuni migranti hanno riferito di avere sentito, sottocoperta, odore di benzina ed altri hanno indicato la presenza di una bombola di gas e di un fornello da cucina. Il prossimo passo dell'indagine, quello forse decisivo per accertare le cause del disastro, sarà il recupero del relitto dal cui esame si potrebbero avere dei dati tecnici rilevanti. 

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

MarioI perché dei nostri lettori“Perché mio papà la leggeva tutti i giorni. Perché a quattro anni mia mamma mi ha scoperto mentre leggevo a voce alta le parole sulla Stampa.Perché è un giornale internazionale.Perché ci trovo le notizie e i racconti della mia città.

Paola, (TO)I perché dei nostri lettori“Leggo La Stampa da quasi 50 anni, e ne sono abbonato da 20.Pago le notizie perché non siano pagate da altri per meche cerco di capire il mondo attraverso opinioni autorevoli e informazioni complete e il più possibile obiettive. La carta stampata è un patrimonio democratico che va difeso e preservato. headtopics.com

Compie un anno Richard, il bimbo più prematuro di sempre: «Gli davano zero possibilità» Primarie, scongiurato il flop a Roma alle 19 hanno votato in 40 mila Euro 2020: Italia-Galles 1-0, azzurri primi nel girone A. LIVE

AnonimoI perché dei nostri lettori“Ho comprato per tutta la vita ogni giorno il giornale. Da due anni sono passato al digitale. Abito in un paesino nell'entroterra ligure: cosa di meglio, al mattino presto, di.... un caffè e La Stampa? La Stampa tutta, non solo i titoli....E,

visto che qualcuno lavora per fornirmi questo servizio, trovo giusto pagare un abbonamento. Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Barcone prese fuoco e 4 migranti morirono nel crotonese: indagati finanzieri definiti 'eroi'Tassisti indagati?

Coronavirus. Nel Lazio mascherine obbligatorie all'aperto da sabato: firmata l'ordinanza regionaleMetterle obbligatorie ai bimbi di 6 anni mi sembra troppo!

15 minuti di tortura, 30 di pulizia e 15 di controllo: il piano di Antonio De MarcoIl gip ha convalidato il fermo per il duplice omicidio, aggravato da crudeltà e premeditazione. I legali: «Valuteremo se chiedere una perizia psichiatrica» Non c è da chiedere nessuna perizia psichiatrica.era lucido e non è pazzo..stanno cercando tutte le escamotage per farlo assolvere e farlo uscire...quanto in così poco conto tiene la vita umana la giustizia italiana!....l ergastolo gli dovete dare..pluriomicidio premeditato è!!

Transgender: farmaci per il processo di transizione gratuiti in tutta ItaliaPassi avanti per le persone transgender: ora possono ricevere i farmaci ormonali sotto controllo del Servizio sanitario regionale. Cosa sapere

Dopo un mese 18 pescatori ancora prigionieri in Libia: 'Liberateli subito'La protesta sotto Montecitorio di madri, mogli e figlie: 'Il governo deve fare qualcosa'

Covid, Conte: 'Proporremo proroga stato d'emergenza a 31 gennaio'Ad anticipare la proroga dello statodiemergenza è il presidente del Consiglio Conte: 'In Cdm abbiamo convenuto che la situazione resta critica, per quanto la curva dei contagi sia sotto controllo' Ci può stare...basta che con il prossimo anno basta Ecco ..la dittatura mascherata da buonismo!