Barcellona Pozzo di Gotto, uccise fratello e poi simulò la caduta dal balcone: arrestato 25enne

Barcellona Pozzo di Gotto, uccise fratello e poi simulò la caduta dal balcone: arrestato 25enne

06/02/2021 14.28.00

Barcellona Pozzo di Gotto, uccise fratello e poi simulò la caduta dal balcone: arrestato 25enne

Le indagini hanno confermato che l’uomo è morto per un colpo al volto e non riportava ferite causate dalla caduta da un’altezza di cinque metri

EmailAl culmine della lite con il fratello l’avrebbe colpito alla testa, in maniera violenta, con un corpo contundente uccidendolo sul colpo. Poi, per far credere in un incidente, avrebbe portato il corpo nell’androne del palazzo per simulare la caduta dal balcone di casa da un’altezza di cinque metri. Infine avrebbe completato il piano con la messinscena del ritrovamento del cadavere e la telefonata alle forze dell’ordine. Ma oggi, a distanza di quasi nove da quell’omicidio, commesso nel maggio del 2019, i carabinieri hanno fatto luce sulla dinamica dei fatti e arrestato il 25enne Tiberius Stelian Apetroaei, cittadino di nazionalità romena ma residente a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina Per SuperMario l’Immenso si citano Gesù, Sánchez, Kissinger e Gadda - Il Fatto Quotidiano Gb: basta pubblicità di cibo spazzatura in tv prima delle 21 - Mondo

La ricostruzioneLa vittima, Ciprian Catalin Apetroaei, era stata accompagnata a casa dal fratello dopo una serata al bar dove aveva avuto un diverbio con altri clienti. Nel locale aveva anche dimenticato il cellulare. Così il presunto omicida, secondo la sua versione rilasciata ai carabinieri, avrebbe lasciato il fratello a casa per tornare al bar e recuperare il telefono. Al rientro lo avrebbe trovato morto dopo la caduta dal balcone. Ma la dinamica non ha convinto sia i magistrati che i carabinieri. E già le indicazioni del medico legale avevano fatto immaginare una vicenda del tutto diversa. Perché il decesso, secondo il riscontro dell’autopsia, è stato causato da un «grave trauma cranico con fracasso craniofacciale» provocato «da un oggetto di ingente peso». Inoltre, il corpo non presentava le tipiche lesioni da caduta, ma aveva escoriazioni da «trascinamento», come se fosse stato spostato. Le indagini svolte dai carabinieri hanno fatto emergere altre contraddizioni anche sulla tempistica dei fatti fornita dall’uomo, che è stato arrestato e trasferito in carcere.

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.