Banca mondiale, lo scandalo della classifica truccata per favorire la Cina

Pressioni sullo staff anche dalla ex ad Georgieva, che ora guida il Fondo monetario

18/09/2021 19.27.00

SCANDALO ALLA BANCA MONDIALE Pressioni sullo staff anche dalla ex ad Georgieva, che ora guida il Fondo monetario

Pressioni sullo staff anche dalla ex ad Georgieva, che ora guida il Fondo monetario

migliorasse di sette gradiniil posizionamento di Pechino rispetto a quello che le era già stato assegnato. Questo mentre Georgieva lavorava a unmaxi aumento di capitaleda 13 miliardi di dollari della Banca, che sarebbe andato in porto l’anno successivo con un significativo

Salvini: 'Astensione problema, sindaci eletti da minoranza di minoranza' - Il Sole 24 ORE Tennis, Australian Open aperto solo ai vaccinati. Djokovic: 'Non so se ci sarò' La zanzara coreana (sbarcata a Orio al Serio) sopravvive al freddo e ora invade la Lombardia

allargamento (dal 4,6 al 6%) della quota azionariain mano alla Cina.Il comitato etico dell’Fmi ha subito avviato un’inchiesta sulla sua numero uno, indicata per quel ruolo dai ministri dell’Economia europei, mentre ilTesoro statunitense(Washington resta il maggiore azionista della Banca) ha fatto sapere che è in corso un’analisi sui “

gravi esiti” dell’indagine a carico dell’economista bulgara che è stata fino al 2016commissario europeo per la Cooperazione internazionale e gli aiuti umanitari. Il rapporto di WilmerHale – che ha analizzato 80.000 documenti e intervistato decine di dipendenti ma non ha avuto accesso ai headtopics.com

contenuti dei telefoni cellularidegli ex funzionari – svela infatti dettagli pesantissimi sul ruolo di Kim, della Georgieva e del suo consigliereSimeon Djankovnel richiedere e ottenere che la posizione della Cina fosse artificialmente gonfiata. Susollecitazione

di funzionari cinesi che in più occasioni avevano espressomalcontentoper il ranking ottenuto dalla Repubblica popolare nel 2017, quando si era piazzata78esima su 190 Paesi, e auspicato con i vertici il “riconoscimento” delle riforme fatte da Pechino.

Nella prima versione del report la Cina perdeva posizioni– La prima versione del report 2018, approvata il16 ottobre 2017, vede la Cina scendere all’85esimo posto: nonostante per la Banca avesse messo a segno alcuni progressi “altri Paesi nella sua fascia di punteggio avevano

fatto molto megliodirettore senior dell’unità Economia dello sviluppoin una mail indirizzata a un funzionario dell’ufficio del presidente Kim, nominato daBarack Obama. “Jim non sarà contento se non c’è un piano pergestire le ripercussioni politiche headtopics.com

Tampon tax, in manovra anche il taglio dell'Iva sugli assorbenti: dopo le promesse mancate, M5s con Pd e Iv spingono per ridurla al 4% - Il Fatto Quotidiano Chiusa l'inchiesta sulla fondazione Open: 'Era diretta da Renzi'. Indagate 4 società e 11 persone: anche Boschi e Lotti. Tutte le accuse - Il Fatto Quotidiano Festa del Cinema di Roma, premio alla carriera a Quentin Tarantino

“, avverte lo stesso giorno un altro membro dello staff di Kim. La questione va risolta. Il giorno dopo, in un meeting ad hoc con lo staff del presidente e dell’ad Georgieva, si discute come fare per abbellire il risultato. Arrivando addirittura a ipotizzare, su indicazione del “senior management” della Banca, di “

incorporare dati su Taiwan e Hong Kongin quelli della Cina”.Il ruolo di Georgieva e il “clima tossico” per lo staff– Il pomeriggio del 18 entra in campo la Georgieva in persona, bocciando “per ragioni politiche” l’ipotesi di sommare i risultati di Hong Kong e

rimproverandoun alto funzionario per “aver gestito male le relazioni della Banca con la Cina e non aver valutato l’importanza del rapporto Doing Business per il Paese”. A quel punto arriva l’accelerazione: si tenta unasimulazionesu cosa accadrebbe utilizzando, invece che la media delle città cinesi, solo i dati relativi a

PechinoeShanghaiche presentavano i punteggi migliori, ma il trucchetto non è fattibile. Lo stesso direttore senior propone alla ad di aggiungere una “approfondita spiegazione su come la Cina abbia fatto progressi sostanziali” e sia stata scalzata solo in seguito agli headtopics.com

“sforzi eccezionali”fatti da altri Stati. Proposta bocciata. Su richiesta dell’economista bulgara Djankov, descritto dagli impiegati come un “bullo” che creava un “ambientetossico” e gestiva le persone attraverso “terrore e intimidazione“, prende le redini e lavora con il team che ha preparato il report per capire dove

intervenire per dare a Pechino ciò che chiede.Indicatori cambiati in corsa per modificare il risultato– I funzionari individuano singoli punti su cui sussistono “dubbi ragionevoli” tali da giustificare uno spostamento all’insù del punteggio. L’indicatore “

Trieste, prosegue protesta dei no Green pass. Sabato atteso Patuanelli Blog | Elon Musk supera Jeff Bezos e diventa l'uomo più ricco del pianeta Terra - Info Data La Lega perde a casa Durigon. Rivince Coletta, ma è “zoppo” - Il Fatto Quotidiano

Diritti legali” viene modificato, dando maggior peso a una legge per garantire la sicurezza delle transazioni. Altre due revisioni al rialzo vengono decise per gli indicatori “Avvio di un’attività” e “Pagare le tasse“: viene ridotto il tempo necessario per mettersi in regola con alcune normative. Il tipico indice per il quale la burocrazia italiana, per esempio, viene penalizzata. Alla fine si tirano le somme e, con un sospiro di sollievo, il punteggio torna a 78: come l’anno prima. Georgieva, che per WilmerHale ha “avuto un

ruolo chiavenei cambiamenti sui dati cinesi”, va a cena da uno dei manager e lo ringrazia per l’aiuto nel “risolvere il problema“. Il 31 ottobre esce il rapporto e l’onore di Pechino è salvo. Insieme all’aumento di capitale necessario alla Banca.

L’Fmi e i deputati Usa chiedono chiarimenti– Georgieva venerdì ha diffuso una dichiarazione in cui si dice “in profondo disaccordo con i risultati e l’interpretazione” del team di indagine della Banca Mondiale “circa il mio ruolo nel rapporto del 2018”. E di avere “già avuto in proposito un primo incontro con il Board dell’Fmi”. Diversi deputati repubblicani Usa hanno chiesto chiarimenti ufficiali. Il

ministero dell’Economia francese Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Con fritto di interesse. Classico sistema usuraio ! Poi i complottisti so i pazzi! 🤦🏻‍♂️

Raducanu alla conquista del mercato cinese col manager della SharapovaLa 18enne, che parla mandarino grazie alla mamma, ha aperto un account sul principale social cinese e si è affidata a Eisenbud, creatore dell'impero di Maria

Cancro ovarico: cos'è e cosa c'è (ancora) da sapere - VanityFair.itSettembre è il mese della consapevolezza del cancro ovarico: è tempo di migliorare la comprensione della malattia per salvare delle vite

Moda e teatro: Ka Wa Key veste i protagonisti di RunePer questo spettacolo il duo di designer di base a Londra ha realizzato i costumi, parte della collezione per la prossima estate

Flora Canto ed Enrico Brignano si sposano. La proposta a Verona - VanityFair.itIl comico, all'Arena per il suo «Un'ora sola vi vorrei», ha chiesto la mano della compagna, al suo fianco dal 2014. I due, che a fine luglio hanno accolto Niccolò, secondogenito, sono diventati genitori di Martina nel 2017 Viva gli sposi e alla buonora 😁🎂🥂

Mattarella: 'La difesa comune europea rafforza anche la Nato'Il presidente rilancia a Napoli il progetto per i settant'anni della presenza dell'Alleanza atlantica in Italia

Barbero: «Mi preoccupa il green obbligatorio: rischioso affidare alle aziende il controllo sui lavoratori»«Da sinistra è un errore: non è quello che mi sarei aspettato». Lo storico torna sul tema dopo la polemica della petizione Ma non era quello che invocava il green pass obbligatorio? Ma basta, ma lasciategli fare il divulgatore di storia ed evitiamo di sopravvalutare sempre le persone. Indecente. Estikazzi Grande Prof., schiena dritta e via contro corrente!