Bambina colpita, la madre in lacrime: «Quando potremo riportarla a casa?»

La madre della bimba ferita, in lacrime: «Quando potremo riportarla a casa?»

05/05/2019 00.45.00

La madre della bimba ferita, in lacrime: «Quando potremo riportarla a casa?»

La disperazione e le continue domande ai dottori: per loro una stanzetta in disparte

NAPOLISull’ingresso del Santobono, l’ospedale pediatrico al centro della collina del Vomero, qualcuno ha affisso una grande scritta rosa con il nome della bambina che in un letto al primo piano del palazzo oltre il cancello, sta combattendo la prima battaglia della sua vita, ed è già la battaglia più impegnativa perché c’è in gioco la sopravvivenza. Su quello stesso piano, in una stanza messa a disposizione dal primario Massimino Cardone e protetta dalla discrezione dell’intero personale medico e paramedico, e pure da un paio di poliziotti giù nel cortile e altrettanti sul pianerottolo in cima alle scale, ci sono due ragazzi che avranno sì e no venticinque anni e che da quasi due giorni non si muovono da lì. Sono i genitori della bimba. La mamma è arrivata con lei quando l’hanno portata al pronto soccorso dopo la sparatoria in cui è stata colpita in piazza Nazionale, il papà si è precipitato immediatamente dopo.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

Le domande al primarioDa quando sono qui nessuno li ha visti nei corridoi o al bar al piano interrato, magari per bere un caffè: stanno lì in quella stanza, e saltano ad ogni rumore che arriva da oltre la porta chiusa. Lei piange per ore. Si ferma soltanto quando può incrociare lo sguardo di un medico, nella speranza che quello sia entrato per dirle che sua figlia è fuori pericolo, che è tutto passato, che sta guarendo. Ma non funziona così, nessuno per adesso può tranquillizzare quei due ragazzi. Al primario e agli altri medici del reparto avranno posto già decine di volte la stessa domanda: «Guarirà? Si riprenderà? Potremo riportarla a casa e tornare alla nostra vita?». Ma la risposta che vorrebbero sentire nessuno gliel’ha ancora data. «Io ho il dovere di dire la verità», spiega il dottor Cardone. E la verità adesso dà speranze, ma ancora nessuna certezza. La bambina potrà guarire, certo.

Le curePotrà farcela perché sta avendo tutte le cure possibili e perché i bambini sono forti, hanno capacità di ripresa a volte sorprendenti. Ma bisogna aspettare, lasciar passare le ore e seguire momento per momento la situazione, sperando che ci siano sempre segnali positivi da cogliere. La speranza è l’unica cosa che si legge negli occhi di chiunque abbia come meta il reparto di Rianimazione di un ospedale pediatrico. Ogni adulto che si ferma al primo piano del Santobono ha un figlio o un nipote ricoverato oltre quella porta in ferro che non può essere spalancata nemmeno all’orario delle visite. Eppure i parenti della bambina ferita si riconoscono immediatamente: nel loro sguardo non c’è soltanto il dolore e l’angoscia. C’è la sorpresa, l’incredulità di essersi trovati a passare in un attimo dalla serenità e dalla spensieratezza alla paura più profonda. Alle due del pomeriggio, ancora un’ora prima che scatti l’orario delle visite, il cortile del Santobono è già pieno di persone consapevoli che non potranno nemmeno vederla, la bambina, e che però non aspettano altro che salire su al primo piano. Ci sono quelli che hanno la stessa età dei genitori, e qualcuno più anziano. Probabilmente c’è anche la nonna, che l’altro giorno era rimasta ferita anche lei, ma lievemente, e ieri mattina è stata dimessa dall’ospedale e ha chiesto di essere accompagnata subito dalla nipote. Stanno in disparte, non vogliono essere avvicinati, non è il momento di parlare con nessuno, questo. È il momento dell’emozione e delle lacrime, come quelle che una ragazza avvolta in un piumino grigio non riesce a trattenere mentre resta seduta sulle scale finché il fidanzato non la convince ad andare via. E restano solo i genitori della piccola. headtopics.com

4 maggio 2019 (modifica il 4 maggio 2019 | 22:32) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Che Dio l’aiuti e che possa tornare a casa il primo possibile 🙏🤞

Quando la Cina ha scelto la modernità e ha dimenticato la democraziaCent’anni fa gli studenti chiedevano la modernizzazione del paese, settant’anni dopo venivano massacrati in piazza Tiananmen. Leggi

La rinvincita del negozio sull’e-store: quando la connessione emotiva batte quella digitaleI recenti e ingenti investimenti dei brand nel retail fisico confermano come i canali tradizionali di shopping non siano stati abbattuti dalla concorrenza digitale. Perché online (ancora) non c’è il fattore umano che fa la differenza Ma va la. Vanno solo a provare le taglie e poi ordinano online!

Messico, la prodezza di Barovero: la sua parata vale la ChampionsUna parata sensazionale quella fatta da Marcelo Barovero, portiere della squadra messicana del Monterrey, nella sfida contro il Tigres, valida per...

La bambina che spiega come salvarsi dagli spari a scuola è lo specchio dell'America''Se parlate a voce alta chi spara può capire dove siete e dove vi state nascondendo. Potete provare a proteggere i vostri amici spingendo tavoli...

Spari tra la folla a Napoli, tre feriti: grave una bambina di tre anni - CampaniaNon spoilerate Gomorra per favore. Il SINDACO! Invece di organizzare la flotta per accogliere i MIGRANTI. Pensasse a vigilare meglio la bellissima NAPOLI. Devastata dal degrado. Che schifo.....

Spari tra la folla, colpita anche una bambinaTre feriti, è accaduto in piazza Nazionale. Accertamenti della polizia in corso

Napoli, spari tra la folla: tra le tre persone ferite anche una bambina - Il Fatto QuotidianoTre persone, tra la quali una bambina, sono rimaste ferite poco fa a colpi di arma da fuoco in piazza Nazionale, a Napoli. Le circostanze del ferimento non sono ancora state chiarite dalla Polizia. Il bersaglio del commando sarebbe un pregiudicato ferito al torace e ricoverato all’ospedale Loreto Mare in condizioni molto gravi. La sparatoria tra la folla … 😭😭😭😭BastaDeMagistris La bambina era il capo del clan avversario. Spari a Napoli?! ma và?! Chiedete a Salvini quanto tempo ha dedicato a lotta contro il crimine e quanto alle campagne elettorali. Poi, napoletani, quando andate a votare per il m5s omari o per lega ladrona fatevi un esamino di coscienza.

Spari tra la folla a Napoli, tre feriti: grave una bambina di 4 anni - Campanialuigidimaio Si preoccupasse del suo, che non è che brilla di tanta capacità, invece di cercare di tirar su voti!!! C'è già chi ci lavora e ha già dimostrato risultati a differenza sua!!! luigidimaio Insomma, ancora non riuscite a capire che la polizia non potrà mai essere l'antidoto contro la camorra, ne può arrestare gli autori più effimeri, ma il problema napoletano e prettamente sociale, la malavita si è insinuata nel DNA della città tanto da farne costantemente parte. luigidimaio Il problema educazionale e civico deviato della città permette di farla diventare una delle poche città al mondo dove il delinquente ha una sorta di rispetto sociale.

Dal 61-0 di Berlusconi al successo M5S: quando la Sicilia fa tendenzaLe elezioni siciliane spesso hanno anticipato o confermato il dato nazionale. Nel 2001 la Casa delle Libertà trionfò, nel 2018 i grillini posero le basi per la scalata al governoIl primo sindaco leghista, carabiniere con l’hobby della politica di Salvo Toscano San Luca al voto dopo 11 anni: due candidati, uno è Klaus Davi di C. Del Frate

Sky TG24 @SkyTG24La bambina ferita in una sparatoria a Napoli e l’uomo trovato morto a Viterbo: la cronaca nel TG delle 9 ⬇️ non disturbate il ministro con queste notizie, è impegnato nella campagna elettorale e nelle rimpatriate con gli amici Tutte belle notizie. Siamo impazziti

Lodi, ragazza sospesa da scuola: la madre picchia la vicepresideLa professoressa 64enne è stata insultata e colpita con schiaffi e un pugno al volto. Due bidelle hanno chiamato la polizia Arresto immediato, d'accordo con Salvini. E condanna esemplare Queste sono le famiglie che piacciono a matteosaIvini e Meloni Denunciare la madre....indegna. adesso capiamo da chi ha preso la figlia