Attanasio e Iacovacci: funerale di Stato a Roma: «Luca e Vittorio uccisi da violenza stupida e feroce»

Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: «Luca e Vittorio uccisi da violenza stupida e feroce»

26/02/2021 02.02.00

Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: «Luca e Vittorio uccisi da violenza stupida e feroce»

Il cardinale De Donatis nella cerimonia per l’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci: «La violenza sta tornando di moda in ogni ambiente e latitudine. (...). Spesso si annida nel fondo dell’anima e si camuffa da insensibilità. Occorre smascherare il germe»

shadowStampaEmailI funerali hanno ritmi lenti, ma in certi momenti possono portare velocemente il pensiero in altri tempie altri luoghi. Vicino alla Fontana delle Naiadi, ieri a Roma, le autorità che si raccoglievano davanti ai bagagliai aperti delle auto con le bare dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci sembravano una versione ordinata dell’affacciarsi attonito di autorità e funzionari dietro alla Renault 4 nella quale, il 9 maggio del 1978, giaceva in via Caetani martoriato il corpo di Aldo Moro.

Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid Sparatoria Ardea, morto suicida il killer che si era barricato in casa - Tgcom24 G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano

In questo caso casse rivestire di bandiere tricolori coprivano due uomini dello Statoai quali lunedì scorso, nella Repubblica democratica del Congo, per moventi ancora non del tutto noti erano stati inflitti supplizi più veloci, ma non meno ingiusti, di quello che le Brigate rosse riservarono allo statista sequestrato.

«Funerali di Stato» è definizione che pare irreggimentare sofferenze,stirarle secondo un protocollo rituale. È vero in parte, non per intero. Tratteneva la commozione con disciplina, eppure si sentiva che dietro alla sua voce c’era un uomo autentico l’appuntato che nella basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri ha letto la headtopics.com

Preghiera del Carabiniere. Si chiama Salvatore Di Giacomo. Si è offerto di sostituire Iacovacci a Kinshasa e vigilare in Congo sull’ambasciatore che prenderà il posto di Attanasio. Sul viso dell’appuntato le lacrime si stavano affacciando. L’autocontrollo le ha respinte indietro.

Ad ascoltare la messa c’erano nelle prime file la moglie di Attanasio,Zakia Seddiki, la donna che avrebbe dovuto sposare Iacovacci tra breve, Domenica Benedetto, e alte cariche della Repubblica Italiana: la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati in rappresentanza di Sergio Mattarella, assente a causa di un disturbo vestibolare, il presidente della Camera Roberto Fico, il presidente del Consiglio Mario Draghi. Ministri, tra i quali quelli degli Esteri Luigi Di Maio e della Difesa Lorenzo Guerini. Il comandante generale dell’Arma Teo Luzi. Nell’incrociarsi di due categorie, diplomazia e militari, in passato solo maschili, ministre, carabiniere, le segretarie generali del Senato Elisabetta Serafin, della Camera Lucia Pagano, della Farnesina Elisabetta Belloni.

«Presentat arm!».di Chopin. Onori ai cadutida parte di un picchetto militare. Così erano cominciati questi funerali di Stato che trovavano chi rappresentava lo Stato in una condizione tutt’altro che ordinaria. Da un lato il varo appena terminato di un governo con maggioranza ampia, in una legislatura che pur avendo riservato due formule inedite in precedenza aveva escluso l’attuale. Dall’altro, nell’arco di tre giorni, tre lutti oltre ai tanti dovuti al Covid-19: un ambasciatore ucciso in una parte di Africa che cercava di aiutare, un carabiniere morto con lui, un uomo delle istituzioni — quale era stato Antonio Catricalà — vittima mercoledì a Roma delle contraddizioni della vita che possono portare un’esistenza a eliminare se stessa.

«Luca, Vittorio e Mustapha sono stati strappati a questo mondo dagli artigli di una violenza stupida e feroceche non porterà nessun giovamento, ma solo altro dolore. Dal male viene solo altro male», ha messo in evidenza nell’omelia il cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la Diocesi di Roma. Mustapha Milanbo era l’autista dell’auto con Attanasio attaccata in Congo. «Vi sono ancora — ha affermato il prelato — troppi cuori di uomini che, invaghiti dal denaro e dal potere, tramano la morte del fratello (...). Vengono in mente le parole di rammarico di Gesù: “Se trattano così il legno verde, che ne sarà di quello secco?”. Se questa è la fine degli operatori di pace, che ne sarà di tutti noi?». headtopics.com

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Droga a Torino, spacciatore arrestato per la quarta volta in un anno Rapina e violenta un'anziana: arrestato 26enne nel Comasco

Come esempio da seguire, sulla base delle letture della messa, il cardinaleha indicato la regina Ester e quanto ha sostenuto era all’altezza di solennità e solidità del luogo: «Il funzionario della Corte di Artaserse, Aman, odiava i giudei e tramò presso il re mentendo sulla loro fedeltà alle leggi per indurre il sovrano a prendere provvedimenti definitivi nei loro confronti. E ci riuscì. Il decreto del re sanciva che il popolo di Dio doveva essere annientato. Ma Ester, figlia di ebrei e da poco regina, decise che non poteva restare a guardare lo sterminio del suo popolo dalla finestra della reggia. Doveva fare qualcosa, mettendo da parte i suoi interessi privati. Si rivolse al Signore. Per avere il coraggio di recarsi senza permesso presso la sala del trono, dove chi entrava veniva ucciso sul posto, e lì svelare al re le trame di Aman. È bella questa preghiera di Ester, è meravigliosa. Perché Ester non domanda a Dio di intervenire, ma chiede il coraggio necessario per agire, per affrontare senza paura il potente sovrano. In altre parole Ester supplica Dio di potersi sporcare le mani».

Un’omelia di parole semplici, intensa ed essenziale. «La violenza sta tornando di moda in ogni ambiente, in ogni latitudine. Non è solo qualcosa che si manifesta nel Nord Est del Congo, lontano da qui. Spesso la violenza che si annida nel fondo dell’anima si camuffa da insensibilità. Occorre smascherare il germe dell’indifferenza violenta che è nei cuori e dire: ‘È un problema mio”», è stata la tesi principale. Rinunciare a indifferenza, secondo il Cardinale, è quanto facevano Attanasio e Iacovacci in aiuto del Congo, affannato da miseria diffusa e strascichi di guerra mai eliminati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA25 febbraio 2021 (modifica il 25 febbraio 2021 | 23:26) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Si scrive “violenza stupida e feroce” si legge “conflitto a fuoco con milizia armata in territorio dilaniato dalle guerre” LA VIOLENZA,sia VERBALE CHE FISICA, è SEMPRE STUPIDA ignoranti giornalai del cazzo! Spiegateci il senso della frase 'violenza stupida e feroce'. Quel pennacchio le mogli lo hanno usato per piumino da spolverare in assenza ?

Sky TG24 @SkyTG24Informativa di Di Maio alla Camera sull'uccisione dell’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci Che vergogna avere un ministro come DiMaio 🙄 Dispiaciuta dell'accaduto.Poveri giovani ,la vita spezzata da loschi individui. Sono vicina la famiglia. l’assassinio del nostro ambasciatore LucaAttanasio e del carabinierescelto VittorioIacovacci è in realtà un’ esecuzione NicolaGratteri ?

Attanasio, la moglie Zakia Seddiki: «Il mio Luca tradito da qualcuno che gli era molto vicino»La moglie dell’ambasciatore Luca Attanasio ucciso in Congo con il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista. «Venduto da chi conosceva i suoi movimenti» ONORE AL NOSTRO AMBASCIATORE!! CONDOGLIANZE ALLA NOBILE MOGLIE. Anche per la grande prova di vera INTEGRAZIONE sua e di chi ci sta accanto. La leggerezza dei responsabili sicurezza WFP (ONU) è sconvolgente. Quanto avrebbe potuto fruttare il riscatto di un ambasciatore se una semplice cooperante puo valere milioni di €? Avere lasciato senza una scorta una miniera d' oro in una zona cosi fragile cosa significa?

Zakia Seddiki, la moglie di Attanasio: «Il mio Luca tradito da qualcuno che gli era molto vicino»La moglie dell’ambasciatore Luca Attanasio ucciso in Congo con il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista. «Venduto da chi conosceva i suoi movimenti» Sono d'accordo con lei signora questo crimine è più politico che altro qualche potenza coloniale non vuole l'italia come coccurente in africa Sicuramente come tutti gli altri attentati Ma va?!? Ovvio.

Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci, l'ultimo saluto a RomaA Roma oggi, 25febbraio, si sono svolti i funerali dell'ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi durante un agguato in Congo.

L'autopsia conferma lo scontro a fuoco in Congo: Attanasio e Iacovacci uccisi da 4 proiettiliLa Tac ha fatto emergere che i proiettili hanno trapassato i corpi da sinistra a destra. È stato individuato un proiettile di un AK47, un Kalashnikov