'ASPESI è come un tesoro nazionale' Lawrence Steele racconta la collezione PE22

'ASPESI è come un tesoro nazionale' Lawrence Steele racconta la collezione PE22.

20/06/2021 00.31.00

'ASPESI è come un tesoro nazionale' Lawrence Steele racconta la collezione PE22.

Il nuovo direttore creativo del marchio italiano parla della collezione primavera estate 2022 durante Milano Fashion Week 2021

Vanina Sorrenti, rivisita i capostipiti del marchio. È un guardaroba composto da mono-prodotti, il cui punto di partenza è il trench, un capooutodoorche riassume in sé gli elementi di molti altri capi, un indumento trasversale per materiale, età e funzionalità. La collezione è concepita come una dotazione di pezzi utili a ogni occasione d’uso, indossabili da molteplici generazioni.

Zingaretti riceve la seconda dose del vaccino anti-Covid: 'Per tornare liberi bisogna immunizzarsi. Chi dice il contrario è un bugiardo' - Il Fatto Quotidiano La proposta tedesca: 'Restrizioni per i non vaccinati, il test non basterà più'. Cosa fanno gli altri Paesi Ue Il dottor Mercola e la «sporca dozzina» che produce due terzi di tutta la disinformazione no-vax

Lawrence SteeleVogue: Qual è il primo ricordo che ti lega ad ASPESI?Lawrence Steele:Il mio primo incontro con ASPESI fu poco dopo il mio arrivo in Italia. All’epoca lavoravo conFranco Moschinoche disegnava le collezioni di ASPESI ed ho acquistato il mio primo capo – un piumino modello “Moschino”, chiamato così in onore di Franco. Dopo diversi anni ho re-incontrato il Sig. Aspesi – il fondatore del brand, su un treno; mi stavo recando a Bologna per il fitting della mia prima collezione eponima mentre lui stava invece andando in Toscana per acquistare alcuni tessuti. Quando gli raccontai che ero in procinto di lanciare il mio brand, mi propose una consulenza per ASPESI così da poter finanziare il lancio della mia maison e così inizio la nostra collaborazione.

Qual è la caratteristica di ASPESI che ti ispira di più?Sicuramente l’autenticità. ASPESI è un brand autentico, forte di un pragmatismo che lascia intravedere un senso molto profondo di intimità nel proprio racconto. I capi di ASPESI compongono un vero e proprio guardaroba di funzioni d’uso, pensati per essere trasversali, intercambiabili. Mi piace pensare che la stessa giacca che ieri indossava il nonno e che per lui rappresentava un senso di autorità e sicurezza, oggi è indossata dalla nipote, che interpreta il capo in chiave più ribelle e libera. In questo senso, il guardaroba aiuta le persone ad esprimere al meglio la propria personalità ed autenticità, senza soffocarle. ASPESI trascende la moda, vive separato dalle tendenze, non crea indumenti o look per imporli a chi li indossa, non c’è nessun obbligo espressivo, le collezioni sono un guardaroba che diventa personale attraverso la scelta secondo la propria cultura. Mi piace pensare al guardaroba come ad uno di quei palazzi dove vivono insieme 2 o 3 generazioni e c’è un continuo scambio emotivo, di relazioni e di capi. headtopics.com

©Vanina SorrentiQual è la caratteristica di ASPESI più sfidante per te?ASPESI è l’unico marchio che io conosca che ha una proposta ampia di mono-prodotti che lo rendono riconoscibile ad un gruppo di persone appassionate e che si identificano nel brand. Portare avanti questa filosofia è una sfida quotidiana, si tratta di lavorare costantemente su codici molto precisi – cromatici, di proporzione ed estetici, per aggiornare questo guardaroba di mono-prodotti che diventano così

tramandabilie trascendono le mode del momento. Ognuno dei mono-prodotti, ad esempio, una camicia bianca, ci trasmette una sensazione, un ricordo: una risonanza emotiva che voglio portare avanti nel mio lavoro e nel linguaggio del brand. Ogni capo è come una lettera dell’alfabeto e ogni lettera va a comporre le parole, le parole danno vita alle frasi e le frasi creano un romanzo. Ognuno sceglie personalmente come scriverlo.

Si parla molto di fluidità nella moda. Come ti relazioni a questo concetto?Il guardaroba ASPESI è suddiviso in collezione uomo e donna ma tutti gli indumenti che lo compongono sono liberi di passare da un armadio all’altro. Ci sono poi i mono-prodotti simbolo del marchio che vengono creati indistintamente, identici per l’uomo e per la donna. Ogni persona vive il capo connotandolo, conferendogli la propria essenza e di conseguenza anche la propria sessualità. Mi piace pensare ad una camicia bianca: indossata da un uomo diventa un simbolo di eleganza pulita che spesso ci ricorda un look “da ufficio”. Ma la stessa camicia indossata sulla pelle da una donna, ci rimanda ad una sfera più intima, sensuale. Il concetto di fluidità appartiene al brand fin dai suoi primi anni, i piumini, gli smanicati, le giacche, le camicie sono da sempre indossati indistintamente da uomini e donne.

©Vanina SorrentiQual è il look "più Lawrence" della collezione e perché?Il trench è il mono-prodotto ASPESI da cui sono partito, un oggetto senza tempo che rimanda alla sfera dell’outdoor e quindi strettamente legato al desiderio di uscire, di vivere all’aperto, un simbolo dopo questo periodo di chiusura. Il trench è un indumento da indossare fuori casa ma è anche simile ad un accappatoio, ci protegge, ci copre, ci fa sentire al sicuro, placa le incertezze. È un capo complesso che rappresenta tutti gli altri: ha un collo come una camicia, ha un suo volume come un abito, è cucito con grinta, ha le tasche e non ha sesso. Il trench è il mono-prodotto che più di tutti può essere concepito come un look. headtopics.com

Coronavirus, positivo leopardo delle nevi dello zoo di San Diego Farmacie Roma, assalto per il Green pass: ‘Non siamo stamperie’ Grecia, rabbia ad Alonissos: uccisa con una fiocina la piccola foca monaca mascotte dell'isola

Sei il primo direttore creativo del brand dopo il Sig. Aspesi, come definisci quello che verrà?Per me ASPESI è un marchio unico che intendo preservare, come un tesoro nazionale. Il fondatore, Alberto Aspesi, ha creato dei codici molto specifici, riconoscibili in un linguaggio che va al di là del logo. Questi indumenti senza tempo rappresentano per molti un patrimonio familiare che si tramanda da generazione a generazione. Ma ogni generazione vuole essere autentica a se stessa, riconoscersi in ciò che indossa, vivere nel mondo che crea. Questo tema è oggi molto attuale, ma io sono sempre stato ossessionato dall’idea di un oggetto senza tempo, di un capo che duri negli anni, che compri, indossi, scambi con chi ami, custodisci e tramandi. Questi codici eterni, iconici vanno sempre rinnovati, perché l’uomo è in continua evoluzione e in questo linguaggio bisogna aggiungere il presente. Per raccontare questo tema ricorrente ho infatti deciso di scattare il catalogo della collezione SS22 come un album di famiglia, per farlo ho coinvolto un’amica fotografa, Vanina Sorrenti. A indossare i capi sono i giovani figli dei miei amici, l’altra famiglia che mi sono scelto, un gruppo di ragazzi cresciuti insieme ognuno con la propria strada da intraprendere nel mondo. Accomunati da un legame eppure così diversi e così unici.

Leggi di più: Vogue Italia »

Green pass, Federfarma Roma: 'Boom richieste, non siamo stamperie'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green Pass, boom di richieste nelle farmacie. Federfarma Roma: 'Ormai siamo stamperie'

WHAT TO WATCH THIS WEEKEND?... CATCH MY LATEST SUMMER FASHION VIDEO UP ON MY YOUTUBE CHANNEL LINKED BELOW 👇 PLEASE SUBSCRIBE AND TURN ON POST NOTIFICATIONS FOR MORE FASHION VIDEOS! weekend fashion smallyoutuber style summer viral Trending ad sorrelli fambolini if i reject you for a spin roundo the block/cruzing!

Un ospedale che «cura con l’arte»Sadhyo Niederberger, conservatrice dell'Ospedale cantonale di Aarau, racconta come è nata questa ricca collezione esposta nelle sale del nosocomio

Dolce&Gabbana presenta la collezione PE22 alla Milano Fashion WeekDolce & Gabbana ha presentato la nuova collezione uomo con una sfilata dal vivo alla milanofashionweek Guardate qui 👇👇 Anti-gays Dolce and Gabbana channel ultra-gays Elton John, Gianni Versace and Tom Ford.

Felpe con e senza cappuccioVogue Sweatshirt Le felpe con e senza cappuccio, no gender, morbide e confortevoli, sono realizzate in cotone biologico certificato al 100% e prodotte in modo equo e sostenibile in fabbriche europee. Grazie alle diverse tecniche di ricamo e di stampa, ogni felpa VOGUE diventa un capo esclusivo e unico. Abbinati a un a

Le Foche: «AstraZeneca, il richiamo è fondamentale. E per il sistema immunitario è meglio il cambio di farmaco»L’immunologo: «La vaccinazione eterologa è una soluzione scientificamente corretta, la comunicazione forse è stata finora poco esaustiva. È importante non perdere tempo» Il sistema immunitario con le medicine si indebolisce. tra un mesetto ci diranno qualcosa di diverso. E dopo l'estate prepariamoci ad un nuovo lockdown e strategia del terrore. Devono rientrare dell'investimento vaccini business BigPharma Metteteci anche un po' di vodka, è la regina dei cocktail!

Novara, sindacalista investito da tir durante manifestazione. 'Il camion ha forzato il blocco'Era il coordinatore dei Si Cobas Novara Adil, il 37enne italiano di origini marocchine, morto investito da un camion a Biandrate, nel Novarese, durante lo sciopero nazionale in corso alla sede Lidl APRITI CIELO ... un eroe, un martire, una 'Giovanna D'Arco'della rivendicazione sindacale... fate subito i figli orfani onorevoli, vitalizio ad imperituro, dedicategli vie e piazze italiane, fatelo SANTO subito ! Italianucoli...

Tutto su Locatelli: il lago, il collegio e la profezia di BerlusconiIl tormentato divorzio dal Milan, la cura Sassuolo, ora lo aspetta la Juve. Tardelli: «È un campione» La Juve!? Con quali soldi? Ah … probabilmente pretenderà che il SassuoloUS accetti 6/7 giovanotti dalle giovanili con valutazioni alle stelle…😏 Scansuolo Rubentus Atleta nella media ma non parliamo che Locatelli sia un fuoriclasse di calciatore ....2gol li facevo pure io....Del Piero Totti altra cosa ...