Arte: New York riparte con la mostra di Pariani, l'artista italiano che ha conquistato Tribeca

Arte: New York riparte con la mostra di Pariani, l'artista italiano che ha conquistato Tribeca

02/07/2020 04.04.00

Arte: New York riparte con la mostra di Pariani, l'artista italiano che ha conquistato Tribeca

Dal 4 al 10 luglio le opere dell’artista lombardo tornano alla alla The Journal Gallery Tribeca: “Abbiamo ideato una esposizione virtuale con

 La storia di Marco Pariani, 34enne di Busto Arsizio, cresciuto nelle campagne di Varese e destinato a seguire le orme del padre falegname, somiglia alla favola che tanti “emigranti” di nuova generazione sono riusciti a vivere dall’altra parte della luna. Allergico alle regole sin da piccolo, cresciuto dal nonno partigiano, nome in codice Gringo, poi morto nell’incendio della sua casa – “E’ stata una cosa che mi ha segnato parecchio”, racconta – scopre già alle elementari che l’unica materia che gli interessa veramente è il disegno.

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi

 “Non ci volevo nemmeno andare alle superiori, non volevo studiare, ma i professori mi suggerirono il liceo artistico a Busto Arsizio. Feci architettura e design, mi diplomai senza fare una tesi ma solo un enorme disegno che srotolai sul pavimento il giorno dell’esame orale. Feci camminare sopra i professori, avevo rappresentato le fasi cruciali di quello su cui volevo discutere agli orali. Fu un successo e durante la consegna dei diplomi appesero la mia “tesi” sullo sfondo del palco complimentandosi con me. Fu strano, dopo anni in cui ricevetti solo critiche”.

  Condividi  Alla fine del liceo Pariani concilia la voglia di arte con il bisogno di mantenersi da solo. E dunque, lunghi notti al lavoro da cameriere e gli studi all’Accademia di belle arti di Brera: “I soldi erano sempre meno, un professore mi diede anche una borsa di studio ma facevo fatica a mantenermi quindi lasciai il mio posto da cameriere e iniziai come magazziniere. Furono i peggiori anni della mia vita, non riuscivo ad andare in accademia, alla fine mollai tutto e non mi sono mai laureato”. headtopics.com

 In quegli anni, però, Pariani venne notato da alcuni appassionati e collezionisti di Milano, tra cui Ugo Macola (ora presidente dell’associazione Overart di Milano): “In base ai miei turni dipingevo il mattino oppure il pomeriggio, lavoravo quindi 12-13 ore al giorno, uscivo con gli amici e non dormivo mai, anni pazzi. Però vendevo bene e ho capito che l’arte sarebbe stata decisamente la mia strada”.

 Nel 2014 l’incidente in bici, una macchina che lo travolge, la rottura delle vertebre e il rischio di  rimanere paralizzato dal busto in giù. Due anni dopo, la scelta drastica: partire per New York, trasferirsi nella Grande Mela, tentare di emergere nel posto più difficile e selettivo del mondo:

“Vivevo a Bushwick, vendetti un paio di lavori e quindi recuperai i soldi del viaggio, mi scrisse Pali Kashi, il capo di Safe Gallery di Brooklyn dopo aver visto alcune mie cose su Instagram, mi propose una mostra nella sua galleria. Da lì in poi è stato un crescendo”.

  Condividi  Le mostre a Los Angeles, le personali a Düsseldorf e Ginevra, le mie opere a NADA Miami, un’importantissima fiera internazionale che si tiene ogni dicembre: “Vivo a Brooklyn con mia moglie, ha acquistato un mio lavoro anche John Cheim, il capo della galleria Cheim & Read nell’Upper East side, uno che ha scritto e pubblicato monografie per artisti del calibro di Basquiat e Warhol, oltre ad essere un importante collezionista. John decise di piazzare una mia opera nel suo appartamento e di conseguenza suoi amici collezionisti hanno cominciato a chiedermi lavori e a far girare il mio nome in città e nel resto degli Stati Uniti”. headtopics.com

Logistica Verratti: 'Pensiamo in grande. Austria? Sarà dura' Nel Bresciano un agricoltore uccise due gatti, confermata la condanna a un anno e otto mesi

  Leggi di più: la Repubblica »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

La prima tavola da surf DiorPronti a cavalcare le onde sulla tavola da surf firmata Dior? Dior No veramente no!

Coronavirus nel mondo: ancora un record negli Usa, più di 52 mila casi in 24 oreE' la prima volta che viene superata la soglia dei cinquantamila in un giorno. Il governatore di New York Andrew Cuomo: 'Situazione fuori controllo,

Katy Perry: dopo la rottura con Orlando Bloom nel 2017 ho pensato al suicidioLa cantante, che si è poi riconciliata con l'attore e oggi i due aspettano la prima figlia insieme, ha rivelato di essere stata a un passo dal crollo psicologico Io ci penso tutti i giorni e da prima del 2017 Ma chi la conosce ? Manco fossero finiti i maschi.

Meno male che c'è «Reazione a Catena» - VanityFair.it«Reazione a Catena», lo storico quiz estivo di Raiuno, torna con degli accorgimenti per garantire la sicurezza dei concorrenti e con il sorriso sempreverde di Marco Liorni, che trasmette calore e famigliarità

Rijksmuseum: Barocco sobrio e riciclabileLa singolare scelta degli architetti italiani Andrea Trimarchi e Simone Farresin di allestire la mostra sul Seicento romano solo con materiali rinnovabili

Il re del Belgio si scusa per le ferite del colonialismo in CongoLa presa di posizione del sovrano è stata successivamente fatta propria dal governo federale che ha preannunciato da parte del Belgio «un percorso di verità» sul suo discusso passato coloniale Ma va in mona Penoso! Un tantino in ritardo, mi sembra...