Togo, Scuola Primaria, Italia, Materiale Scolastico

Togo, Scuola Primaria

«Arrivato dal Togo, ora costruisco scuole per i piccoli africani»

«Arrivato dal Togo, ora costruisco scuole per i piccoli africani»

07/07/2019 18.24.00

«Arrivato dal Togo , ora costruisco scuole per i piccoli africani»

Arrivato a Siena per studiare, un giovane straniero fonda una associazione e dall’ Italia avvia raccolte fondi con l’obiettivo di aiutare il suo Paese

EmailStudiare è un diritto di ogni bambino. Io sono fortunato, ho potuto farlo. Sono nato in Togo e quindici anni fa sono arrivato a Siena, dove oggi vivo, per fare l’Università. Qui con amici italiani ho costituito una associazione che ha l’obiettivo di aiutare i bambini del mio Paese ad andare a scuola. Mi chiamo Tamimou, per tutti Tamim (

Stop alle mascherine all'aperto dal 28, Speranza firma l'ordinanza - Salute & Benessere Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno Gol del secolo ha 35 anni, Argentina celebra Maradona - Calcio

nella fotocon la t-shirt rossa) . Ho una moglie italiana e due bambini di 11 e 7 anni. Lavoro come operaio in una azienda farmaceutica. La mia (nostra) buona notizia è che sta per partire un nuovo progetto, il terzo, che consentirà di mettere in sicurezza una scuola e fornire materiale scolastico in Togo. Ma facciamo un passo indietro. Lo scorso febbraio, una rappresentanza dell’associazione Difezi (

https://difezisiena.wordpress.com/)ha incontrato l’ambasciatore italiano in Togo, Giovanni Favilli, per raccontare il progetto appena concluso nella scuola primaria di Kotokoli Zongo (nella fotoi protagonisti dell’incontro) e portare un esempio concreto della forza che può avere la cooperazione internazionale. Nel 2016, il primo progetto «Darian» ci aveva permesso di ristrutturare l’edificio scolastico nel villaggio di Komah1, nella regione centrale in Togo. Poi, coinvolgendo altre associazioni ed enti locali, Difezi ha continuato la sua attività di raccolta fondi finalizzata a ristrutturare la scuola primaria nel villaggio Kotokoli Zongo. Il nuovo progetto, «Bisanda», è partito lo scorso fine novembre e ha consentito di rimettere a nuovo la scuola e acquistare materiale per la formazione dei bambini. In Togo, oggi, il tasso di alfabetizzazione è pari al 59,6%. Nel villaggio di Kotocoli Zongo, inoltre, l’80% della popolazione è povera. I bambini, spesso orfani, sono costretti a lavorare per contribuire al sostegno della famiglia e provvedere ai propri bisogni. Questo fenomeno comporta un rallentamento nell’educazione scolastica e l’abbandono precoce degli studi. La mancanza di una scuola agibile, la totale assenza di materiale scolastico adeguato (libri, quaderni, cancelleria) e l’esiguo budget annuo stanziato dalle autorità togolesi contribuiscono ad aggravare questo processo. Ma consentire una formazione adeguata è la base per lo sviluppo dell’area e dell’intero Paese. headtopics.com

Nello specifico i lavori hanno consentito la ristrutturazione di un edificio scolastico pre-esistente composto da 4 locali da destinare alle aule, la costruzione di un altro edificio di due locali e l’acquisto di materiali scolastici. È stato attivato così un processo che coprirà il percorso dalla scuola primaria di primo grado a quella di secondo grado per 854 bambini e bambine del villaggio di età dai 6 ai 12 anni. Parallelamente è stato attivato un o scambio Italia-Togo, che permetterà di migliorare i programmi didattici attraverso il confronto con i docenti promosso dall’Associazione Arancia Blu. Attraverso eventi e bandi sono stati raccolti i fondi sufficienti per questa prima fase di lavoro. Ma c’è ancora molto da fare per mettere altri edifici scolastici dell’area in grado di ospitare gli studenti in sicurezza. Ci hanno supportato la regione Toscana e la Fondazione Chianti Banca. Molte aziende edili del nostro territorio hanno contribuito mettendo a disposizione parte dei materiali per realizzare le opere.

Concludendo, è emozionante vedere i sorrisi dei bambini e la partecipazione attiva dell’intera comunità. Tutto questo però non sarebbe stato possibile senza il contributo dei partner che in Italia e in Togo ci hanno sostenuti: l’associazione Puerto Seguro Onlus, il Forum Territoriale di Siena, chi ha ospitato incontri e manifestazioni, le amministrazioni dei comuni dove viviamo e, soprattutto, le tante persone che con il tesseramento, con contributi spontanei o promuovendo semplicemente l’iniziativa, ci permettono di operare.

6 luglio 2019 (modifica il 6 luglio 2019 | 14:13) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Razzista Arrivato a Siena per studiare ha studiato bene . E mi complimento . Il titolo è però ambiguo, quelli che arrivano sui barconi non hanno un futuro e lo sapete tutti , e finiscono in mano alla mafia. La morale è diversa Ma basta, siete diventati il bollettino dell’immigrato...

Juve, colpo in difesa: ufficiale l'arrivo di Demiral dal Sassuolo per 18 milioniLe due società hanno annunciato il trasferimento del difensore turco in bianconero: il 21enne firma un contratto quinquennale fino al 2024 Chi è? Urca che colpo!E chi è Ma che campionato seguite ? Parlate 'a vanvera' è un bel giocatore ed ha anche segnato

Milan in cura dimagrante (per ora): nella rosa attuale sono solo in 25Mentre altri club lamentano gruppi troppo folti, i numerosi addii (a fronte di due acquisti e un solo rientro dai prestiti) metteranno Giampaolo in condizioni di lavoro più agevoli Per una competizione quanti ne servono? Quando iniziate voi una cura dimagrante dalle stronzate? Non capiscono un Azzo di nulla... Sempre a sperare merda sul Milan.

Corriere della Sera on Instagram: “Eppure questa Italia dei piccoli Comuni con i suoi 5.500 sindaci rappresenta dieci milioni di cittadini ed è un riferimento importante per…”Eppure questa Italia dei piccoli Comuni con i suoi 5.500 sindaci rappresenta dieci milioni di cittadini ed è un riferimento importante per le identità e le tipicità, un presidio di valori sui quali puntare, non per la decrescita felice ma per avviare un … non è un caso è strategico dove mai l' umanità è più fragile: in città o nei piccoli centri? dove fa più danni una bomba? un ' epidemia? una carestia? è voluto che ci si riunisca come polli negli Apparta-Menti, loculi dell' anima e dell' Uomo purtroppo, vergognosamente.

Invasione di processionarie in Germania: piscine e scuole chiuse, ecco perché può essere pericolosaSembra un innocuo millepiedi ma la sua peluria urticante se toccata può scatenare reazioni allergiche, orticarie dermatiti

Processionarie, allarme Thaumetopoea pityocampa in Germania: chiuse scuole | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Processionarie, allarme Thaumetopoea pityocampa in Germania: chiuse scuole | Sky TG24

Vaccini, con l'anagrafe non c'è più l'obbligo di presentare i certificati alle scuoleIl sistema, spiegano dal ministero della Salute, è ormai automatizzato e fa dialogare direttamente le Asl e gli istituti scolastici. L'obbligo di presentare la certificazione delle avvenute vaccinazioni era previsto dal decreto Lorenzin, ancora oggi in vigore Ghettizzare gli antivaccinisti... farli sentire rifiuti della società... farli sentire i poveri minorati che sono...