Armenia

Armenia

Armenia: premier denuncia tentativo di golpe, primi scontri in strada nella capitale

Aerei militari stanno volando su Erevan #Armenia

25/02/2021 15.36.00

Aerei militari stanno volando su Erevan Armenia

Dopo l'invito di Nikol Pashinyan a scendere in piazza, si stanno fronteggiando i fautori del premier e gli oppositori sostenuti dall'esercito. Aerei militari su Erevan

Un video dell'agenzia russa Sputnik documenta calci, pugni e spintoni tra i membri delle due fazioni. Nella rissa sono rimasti coinvolti anche alcuni cronisti che stavano documentando i tafferugli. Poco prima Pashinyan aveva assicurato ai giornalisti che non ci sarebbero stati scontri perché in Armenia "non ci sono nemici interni" e sono"tutti fratelli".

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui

Aerei militari su ErevanAerei militari stanno volando su Erevan, dove il premier, Nikol Pashinyan, sta per tenere un discorso alla nazione. La comparsa dei velivoli è stata accolta con giubilo dai sostenitori dell'esercito, che ha chiesto le dimissioni del primo ministro.

Il primo ministro armeno, Nikol Pashinyan, ha denunciato un tentativo di colpo di stato militare dopo che 40 alti ufficiali dell'esercito, incluso il capo di stato maggiore, Onik Gasparyan, hanno chiesto le sue dimissioni."Ritengo che la dichiarazione dello stato maggiore sia un tentativo di colpo di Stato militare", ha scritto il premier su Facebook,"invito tutti i nostri sostenitori a riunirsi in piazza della Repubblica", a Erevan. La nota firmata da Gasparyan esprime una"forte protesta" contro il licenziamento del vice capo di stato maggiore, Tiran Khachatryan, per ragioni definite"superficiali e infondate". headtopics.com

Ieri il presidente armeno, Armen Sarkissian, aveva firmato il decreto che rimuoveva Khachatryan in seguito a uno scontro con il governo, che aveva lamentato l'inefficienza dimostrata dai missili Iskander di fabbricazione russa nel recente conflitto con l'Azerbaigian per il controllo del Nagorno-Karabakh. L'esito della guerra, conclusasi con un consolidamento delle rivendicazioni territoriali azere, ha scatenato un'ondata di rabbia popolare contro l'esecutivo guidato da Pashinyan.

Stanchi di sentirsi addosso tutta la responsabilità del risultato del conflitto, Pashinyan e i membri del suo governo sono quindi passati all'attacco, lamentando l'inefficienza degli armamenti russi in dotazione all'esercito. Di recente Khachatryan aveva commentato con una risata sprezzante un commento di Pashinyan a proposito degli Iskander che"non esplodevano" o"esplodevano del 10%", affermando che simili affermazioni"non potevano essere serie".

Poco dopo il numero due delle forze armate sarebbe stato licenziato, una decisione che, secondo la nota dei militari,"è stata presa senza tenere conto degli interessi nazionali e statali dell'Armenia ma solo sulla base di sentimenti e ambizioni personali".

"La decisione, presa in circostanze difficili per l'Armenia, è antistatale e irresponsabile", prosegue il comunicato, secondo il quale il premier armeno e il suo governo"non sono più in grado di prendere decisioni adeguate in questa situazione critica, cruciale per il popolo armeno". headtopics.com

Ronaldo, un altro super record nella storia Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria' La nuova classifica marcatori 'all time' degli Europei

"Le forze armate armene hanno tollerato a lungo gli attacchi delle autorità mirati a screditare le forze armate ma ogni cosa ha il suo limite", conclude la nota,"date le circostanze, le forze armate armene chiedono le dimissioni immediate del primo ministro e del governo e li avvertono di non utilizzare la forza contro la gente i cui figli sono morti difendendo la madrepatria".

Cremlino:"Preoccupazione, ma sono affari interni"Il Cremlino segue con preoccupazione gli sviluppi politici in corso in Armenia, ma ritiene che la situazione attuale sia un affare interno del Paese. Lo ha dichiarato il portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, secondo quanto riferisce RIA Novosti e hanno ripreso i media armeni."Seguiamo con preoccupazione gli sviluppi in Armenia. Lo consideriamo questione interna dell'Armenia, nostro importante e stretto alleato nel Caucaso", ha detto Peskov.

Lavrov:"Soluzione pacifica della crisi"Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha avuto un colloquio telefonico con il collega armeno, Ara Ayvazyan, auspicando una"soluzione pacifica" della crisi politica esplosa nella repubblica ex sovietica. Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri russo. Nel corso del colloquio, ha riportato il ministero degli Esteri russo, Lavrov ha espresso l'auspicio che la crisi politica possa risolversi in modo pacifico."La parte russa ha sottolineato che riteniamo la situazione come una questione interna dell'Armenia e speriamo che possa essere risolta pacificamente", ha dichiarato la diplomazia di Mosca.

Turchia: forte condanna al tentativo di golpe Leggi di più: Rainews »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

E anche l'Armenia non trova pace.

La Fed tenta di frenare i rendimenti, dopo il maxipiano per la crescita di BidenIl balzo delle aspettative di inflazione e quindi dei rendimenti non ha intaccato le condizioni finanziarie, che restano espansive ma minacciano di contrastare la politica monetaria espansive

Contrasto al Covid, allo studio le misure da prendere dopo la PasquaSul tavolo l'ipotesi di una proroga del lockdown di una decina di giorni. Forse dopo le feste la riapertura almeno delle scuole elementari avete rotto u cazz 09.22 osservo BASTA!

L’imbarazzo francese dopo la sanguinosa transizione in CiadDopo la morte del presidente Déby, il 20 aprile, mancava un attore nello scenario che si è aperto nel paese: il popolo ciadiano, che è sceso in piazza per chiedere democrazia ma ha ricevuto in cambio pallottole. L'articolo di Pierre Haski.

Tre lezioni per il futuro dopo un anno di covidAbbiamo assistito a progressi scientifici e tecnologici, ma anche a fallimenti politici: cosa abbiamo imparato per affrontare le prossime pandemie? L’opinione dello storico israeliano Yuval Noah Harari. Niente, non abbiamo imparato niente. Gli Israeliani di sicuro hanno imparato come si fa ad instaurare una Dittatura sanitaria feroce 😠un tempo gli puntavano sul petto la stella gialla oggi la spilletta del bravo vaccinato 😫la storia non gli ha insegnato nulla 🤦

Dopo la morte del presidente la Tanzania può cominciare la lotta al covid-19Il 17 marzo è stata annunciata la morte di John Magufuli, 61 anni, per problemi cardiaci. Ma molti sono convinti che sia un’altra vittima della pandemia. Leggi

I verdi tedeschi più vicini al potere dopo il successo alle regionaliI Verdi guadagnano terreno facendo emergere la crisi prolungata dei socialdemocratici e la stanchezza dei cristiano-democratici dopo un anno di pandemia, mentre per ora non si registra la temuta ascesa dell’estrema destra. Leggi